Cerca: Atti FORUM PA 2007, valutazione e misurazione

Risultati 11 - 20 di 56

Risultati

Presentazione del volume ‘Verso una nuova cultura amministrativa: il caso del Mipaaf tra innovazione e resistenze organizzative’

Michele Marciano presenta il volume ‘Verso una nuova cultura amministrativa: il caso del Mipaaf tra innovazione e resistenze organizzative’. L’amministrazione pubblica ha solo da qualche anno iniziato a rendersi conto di essere una struttura che produce servizi e a chiedersi se sia necessario misurare i propri risultati, e ciò a causa di resistenze, che vengono qui definite ‘organizzative’ ma che riguardano anche la tutela di determinati interessi, difesi da corporazioni che esistono all’interno di qualunque organizzazione.

Leggi tutto

Il Sistema dei Controlli: costruzione di un modello operativo di misura delle performance in una PA

Descrive i sistemi di controllo attualmente in uso presso il Ministero delle Infrastrutture e il Ministero dei Trasporti. Essi si basano su due sistemi che condividono infrastruttura, soluzioni applicative e in cui le banche dati sono state suddivise in modo logico. Molinaro effettua quindi una dettagliata illustrazione della strutturazione e del funzionamento del sistema dei controlli, il quale si appoggia su una piattaforma PaP ed è composto da un Sistema Informativo per il controllo Strategico, uno per il per il controllo di Gestione e uno di Contabilità economico analiticaLeggi tutto

L'internal auditing nell'Agenzia delle Entrate: una realtà in evoluzione

Salvatore Di Giugno illustra la missione e l’architettura della Direzione Centrale Audit e Sicurezza dell’Agenzia delle Entrate. L’esigenza di questa struttura direzionale nasce dalla necessità di integrare esigenze aziendali e spinte normative. Questo ha determinato un nuovo assetto dell’organigramma interno all’Agenzia. E’ opportuno che le attività di auditing vengano realizzate sia preventivamente che ex post nella verifica di irregolarità.Leggi tutto

Governare efficacemente ed efficientemente i cambiamenti in corso nella PA.Nuovi strumenti di governance per la riorganizzazione delle Amministrazioni Pubbliche a partire dalle risorse umane

Betto focalizza l’attenzione sul concetto di cambiamento e su quello che è il posizionamento che oggi i fornitori di business intelligence, si trovano ad affrontare in base alle richieste della clientela. E’ necessario oggi cercare di anticipare e prevenire in modo preventivo i cambiamenti, capendo e gestendo le informazioni, e cercare di proiettare i dati ottenuti nel futuro per prevenire e gestire gli impatti di questi cambiamenti.

Leggi tutto

La governance della pubblica amministrazione e gli obiettivi dell’internal auditing

Giuseppe Cerasoli introduce i principali obiettivi della funzione dell’internal audit. Il primo punto da cui occorre partire, a suo giudizio, è definire un corretto modello di governance della pubblica amministrazione per diffondere un’etica dei comportamenti, misurare i risultati dell’organizzazione e renderli trasparenti alla collettività. I ruoli operativi dell’internal auditing, più nello specifico, sono: motore di sviluppo di sistemi di misurazione e gestione del rischio; valutazione dei sistemi di controllo interno; strumento di evidenza dell’adeguatezza delle performance. Leggi tutto

Il cittadino al centro del sistema sanitario

L’Italia è caratterizzata da una situazione estremamente frammentaria dovuta alle diversità regionali e dal punto di vista della sanità questo comporta una serie di disuguaglianze che, secondo Pier Natale Mengozzi, possono essere colmate se il cittadino torna ad essere al centro del sistema. In questo contesto, in cui l’organizzazione di un sistema sanitario avviene tra Regioni e realtà diverse, è necessario ridisegnare l’azienda rendendola sostenibile e compatibile.Leggi tutto

Evoluzione del sistema di controllo di gestione in INPS: L’introduzione della dimensione economica

Il sistema di programmazione progettato per l’INPS è stato strutturato al fine di sviluppare l’integrazione tra indirizzi e obiettivi tenendo costante l’attenzione alla dimensione economica dei controlli. In particolare, il modello ricerca l’allineamento e la coerenza tra linee strategiche, obiettivi direzionali e azioni operative. Il modello di pianificazione, programmazione e budget si avvale, per la misurazione delle performance dell’Istituto, di indicatori economici finanziari, di efficienza e di innovazione, di efficacia, qualità, di impatto e contesto.

Il sistema di controllo di gestione nel Ministero Dell’Interno

Il Ministero degli Interni ha iniziato nel 2004 l’approccio in tema di controllo di gestione, concentrando il sistema sulla misurazione dei processi, accompagnandola da uno sviluppo di una programmazione gestionale diffusa sul territorio. Il sistema è stato costruito nell’ambito delle Prefetture, mentre a livello di Amministrazione centrale si è analizzato il contesto individuando diversi indicatori di prestazione; nell’ambito di questo processo si è poi provveduto ad individuare la struttura organizzativa che deve supportare il controllo di gestione.

Il ruolo dei Direttori Generali e la verifica del loro operato. L'esperienza nella Regione Toscana

Per Gianfranco Sassoli, ciò che va tenuto in considerazione nei rapporti con i clinici è che il manager stesso non può prescindere dai medici o dal corpo infermieristico ma è necessario capire e fissare i ruoli di ciascuno per evitare interferenze; è necessario inoltre recuperare il rapporto con gli Enti locali e le Società della Salute in Toscana sono un’ottima esperienza per un coinvolgimento più attivo delle ASL con quelle strutture più vicine ai cittadini.

Leggi tutto

Strategie di control self-assessment e audit: una sinergia per il controllo dei processi aziendali.

Pietro Di Fronzo sottolinea come l’Institute of Internal Auditor ha emanato degli standard internazionali che prevedono un’indipendenza del nucleo organizzativo di audit. L’Agenzia del Territorio ha avuto una fase di start up che è partita dalla direzione ispettiva e si è evoluta in una direzione indipendente che attualmente riporta al direttore generale. L’attività di audit, seppure sia di natura consulenziale, non può prescindere dal denunciare all’autorità giudiziaria delle irregolarità laddove queste vengano rinvenute.Leggi tutto