Cerca: Atti FORUM PA 2008, community network

5 risultati

Risultati

Cooperare per competere, competere per cooperare

Il ruolo della Community per lo sviluppo del software libero nella Pubblica Amministrazione può sembrare in contraddizione con le regole del mercato e della competitività. Vedremo come in realtà la cooperazione può essere propedeutica alla competizione e viceversa come grazie alla competizione si possa garantire lo sviluppo cooperativo di soluzioni e servizi.Leggi tutto

Il Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org: come sfruttare il marketing per accreditare il software open source

L'esperienza del PLIO dimostra che l'uso del marketing e della comunicazione, mutuato dall'esperienza delle aziende tradizionali, aiuta la crescita della reputazione del progetto, da cui deriva in modo quasi automatico una crescita della presenza del software sul mercato. Bastano quattro anni per passare da una realtà di nicchia con enormi possibilità a un interlocutore autorevole e riconosciuto delle grandi aziende, degli analisti e dei concorrenti

Le forme di sostegno alle comunità di pratica

L'intervanto illustrerà l’esperienza della Comunità Virtuale per i settori SUAP, SUE (Uffici edilizia) e Uffici commercio, soffermandosi sulle forme di sostegno e facilitazione per la creazione di una comunità di pratica.

Il contributo dell’ approccio “design based” per la valorizzazione dei sistemi di sviluppo e del welfare locale

Il design e, in particolare il design dei servizi, come strumento per individuare le iniziative realizzate da comunità creative di cittadini e per implementarle dando vita a soluzioni, caratterizzate da un alto contenuto innovativo e da un orientamento “sostenibile”, che generino benefici per la qualità della vita e per l’ambiente.

La community salverà le città digitali?

"Io mi accontenterei di trovare le informazioni che cerco in un sito della Pubblica Amministrazione. Gli esperimenti sono proprio l'ultima cosa di cui dovrebbero preoccuparsi…”. Questo post scovato in uno dei tanti blog indipendenti riassume l'atteggiamento diffidente dell'utenza evoluta di fronte ad alcuni "timidi tentativi" di introdurre il cosiddetto web 2.0 nella comunicazione online della Pubblica amministrazione. Atteggiamento diffidente dovuto anche al tortuoso percorso di alfabetizzazione informatica seguito dalla Pubblica amministrazione in questi anni.Leggi tutto