Cerca: Efficienza, valutazione e misurazione

Risultati 11 - 20 di 270

Risultati

L'impostazione del ciclo delle perfomance nelle Province.

Carmen Madonia, come membro del quartetto di coordinamento tecnico del gruppo UPI per l'attuazione della 150, si è concentrata sull'impostazione del ciclo della performance nelle Province.

Leggi tutto

Performance nelle Province: trasparenza come principio guida del sistema.

Giuliano Palagi appartiene al quartetto dei direttori generali che ha coordinato a livello tecnico il gruppo UPI per l'attuazione della 150, occupandosi in particolare delle tematiche della trasparenza e dell'integrità. Dopo aver sottolineato che nell'ambito della riforma la parte relativa a tali tematiche è l'unica rimasta della vecchia normativa anticorruzione, Palagi sottolinea come la trasparenza vada considerata come il principio guida su cui improntare l'intero sistema della valutazione.

Leggi tutto

Le linee guida del Piano delle Performance nelle Province.

Angelo Fratangelo illustra come la Provincia di Campobasso si sia impegnata a definire le linee guida del Piano della Performance delle Province, con l'obiettivo di renderlo replicabile.

Leggi tutto

Performance nelle Province: il supporto di Formez alle Regioni Obiettivo Convergenza.

Valeria Spagnuolo illustra il progetto R.INNO.VA, portato avanti dal Formez all'interno dei Programmi Operativi Nazionali (PON), riservati alle 4 Regioni dell'Obiettivo Convergenza. L'iniziativa, con inizio a giugno 2011 e conclusione tra luglio e settembre, 2012 è destinata a 25 dirigenti e funzionari delle 25 Province di quell'area, e si colloca all'interno della serie di attività per l'accompagnamento all'attuazione del ciclo di gestione della performance, in questo caso in coordinamento con il programma Elistat.

Leggi tutto

Il Piano delle Performance nella Provincia di Brescia.

Angelo Bozza illustra il progetto con cui la Provincia di Brescia ha attuato la Riforma Brunetta, coordinando un laboratorio per sviluppare un modello di gestione del ciclo della performance ed uno strumento informatico a suo supporto. L'obiettivo è quello di integrarlo poi al progetto Elistat. La logica è stata quella di sviluppare un modello condiviso ed uniforme per tutti i Comuni di Brescia, utilizzando indicatori e modalità di rilevazione omogenei, racchiusi in un database pubblico contenente le informazioni di tutti comuni: finora 16 quelli che hanno aderito.

Leggi tutto

Riforma Brunetta: l'impegno dell'UPI per il Piano delle Performance nelle Province.

Gaetano Palombelli compie una panoramica sulle iniziative che l'UPI sta portando avanti per l'attuazione della legge 150: il protocollo d'intesa siglato con il ministro Brunetta per l'attività di accompagnamento, la costituzione del gruppo dei direttori generali che ne segue l'attuazione, nonché l'accordo raggiunto con la CIVIT. Con quest'ultima, in particolare, si è deciso di costruire un documento contenente le linee guida su costituzione degli organismi di valutazione, piani della performance e trasparenza.

Leggi tutto

D.lgs.150/09: verso una ri-pubblicizzazione del pubblico impiego?

Alberto Stancanelli ricorda come negli anni passati l’amministrazione non abbia svolto adeguatamente il ruolo di datore di lavoro, cosa che ha portato alla distribuzione a pioggia degli incentivi e alla mancanza di meritocrazia; a questa situazione però le riforme Brunetta a suo avviso non rispondono in maniera adeguata.

Leggi tutto

Public management e produttività

Carlo Dell’Aringa invita a non abbandonare la sfida di trasferire nel settore pubblico le pratiche virtuose di gestione delle risorse umane del settore privato. L’urgenza attuale è quella del recupero di produttività, ma la legge da sola non basta, anzi a volte può essere controproducente nei cambiamenti culturali perché rischia di provocare reazioni contrarie.

Leggi tutto

Fattori responsabilizzanti per processi di valutazione reali

Tiziano Treu riconosce come tra il disegno di riforma del pubblico impiego degli ultimi vent’anni e la sua realizzazione ci sia stata una sfasatura dovuta alla mancanza nel settore pubblico di un fattore responsabilizzante analogo a ciò che rappresenta il mercato per il privato. Amministrare la valutazione e gli incentivi è una cosa molto difficile e l’introduzione delle fasce secondo Treu è stata un errore autodistruttivo.

Leggi tutto

Per una nuova leadership della dirigenza pubblica

Michel Martone spinge a non enfatizzare la portata del D.lgs.150/09, che nella realtà non ha avuto quell’impatto traumatico che ci si auspicava o si temeva. Il dirigente è chiamato a troppe responsabilità ogni volta che fa qualcosa, ma la responsabilità più importante – quella di risultato – non vale a salvarlo da tutte le altre.

Leggi tutto