Cerca: Efficienza, europa

Risultati 11 - 18 di 18

Risultati

I mezzi alternativi per la risoluzione delle controversie presso l’Autorità alla luce del decreto legislativo n. 53/2010 di recepimento della II^ direttiva comunitaria ‘ricorsi’

Il 12 aprile 2010 è stato pubblicato nella GU il decreto legislativo n. 53 del 20 marzo 2010 con cui è stata recepita la direttiva cosiddetta “ricorsi” 2007/66/CEE per il miglioramento dell'efficacia delle procedure di ricorso in materia di aggiudicazione degli appalti pubblici.

Leggi tutto

I mezzi alternativi per la risoluzione delle controversie presso l’Autorità alla luce del decreto legislativo n. 53/2010 di recepimento della II^ direttiva comunitaria ‘ricorsi’

Il 12 aprile 2010 è stato pubblicato nella GU il decreto legislativo n. 53 del 20 marzo 2010 con cui è stata recepita la direttiva cosiddetta “ricorsi” 2007/66/CEE per il miglioramento dell'efficacia delle procedure di ricorso in materia di aggiudicazione degli appalti pubblici.

Leggi tutto

3 miliardi di investimenti nell’e-Government, troppi o troppo pochi?

Ieri è stato presentato il rapporto 2008 dell’Assinform che, tradizionalmente, fa il punto sullo stato di salute del settore ICT in Italia.  Bisogna dire che, come ahimè spesso succede in questo periodo, i dati non sono gran che confortanti.

Leggi tutto

UE: parte il progetto europeo di condivisione dei sistemi di e-procurement

pimp my cad

by Lâm HUA

I governi europei spendono oltre un quinto del loro budget totale (circa 1,5 / 2 miliardi di euro) per l’acquisto di beni e servizi. Se correttamente indirizzata questa spesa può tradursi in un potente volano per la crescita economica e per la produzione di posti di lavoro e, tra gli strumenti per agevolare questo processo, l’e-Procurement gioca un ruolo fondamentale. L'ICT applicato all'acquisto di beni e servizi, infatti, aumenta la trasparenza e favorisce una competizione libera e corretta, facilitando, ad esempio, l’accesso alle gare e tagliando i costi. Ad esempio si stima che l’utilizzo delle soluzioni tecnologiche nei processi di acquisto di beni e servizi per l’amministrazione pubblica potrebbe portare risparmi tra il 5 e il 10%. Dati questi presupposti, quindi, la commissione Europea ha stilato un’ambiziosa roadmap che prevede, entro il 2010, il passaggio totale dai sistemi tradizionali di procurement a quelli elettronici per tutti gli stati membri.

Leggi tutto

Unione doganale ed integrazione europea

Giuseppe Peleggi apre i lavori del convegno sottolineando come l’Unione doganale sia una delle componenti che, nel processo di costruzione dell’Unione Europea, hanno portato all’attuale livello di integrazione. Il percorso di unificazione dell’Europa è fatto di grandi sogni e piccoli passi, ma è un processo di sviluppo ancora vivo che, nonostante le difficoltà poste dalla globalizzazione, tende a distribuire risorse e benessere.

Leggi tutto

La sanità elettronica in Europa: un'analisi comparativa

RGB

by godzillante

La Commissione europea ha promosso una ricerca di benchmarking comunitario sull’utilizzo dei servizi di e-health. In sintesi: l'87% dei MMG usa il pc, il 48% con connessione a banda larga. Sempre più frequente archiviazione e invio elettronico di dati di pazienti e risultati di laboratorio. Sul piano della qualità, le applicazioni di e-health registrano un impatto diretto su efficienza amministrativa e tempi di attesa. Si identificano tre aree su cui lavorare in via prioritaria: monitoraggio telematico, prescrizioni elettroniche e servizi medici transfrontalieri.  

Leggi tutto

Misurare l’energia innovativa

Milli_0495_w-1

Foto di Aureusbay

Chi innova in Europa? Quali Paesi sono riusciti ad impostare politiche e strumenti di governo maggiormente adatti a supportare gli obiettivi dettati dall’Agenda di Lisbona sulla Società dell’Informazione? A dirlo è ogni anno lo European Innovation Scoreboard che l’Unione Europea redige proprio sotto l’impulso delle decisioni prese dal Consiglio Europeo di Lisbona del 2000.

Leggi tutto

Il settore pubblico come motore di sviluppo dell’economia

La qualità del settore pubblico è sempre più considerata come uno dei componenti chiave della competitività dei Paesi e – spiega Odile Sallard - per l’OECD, in quanto organizzazione economica avente lo scopo di promuovere il maggior livello possibile di crescita, il settore pubblico è parte integrante dello sviluppo economico nazionale ed internazionale.Leggi tutto