Cerca: Governance, infrastrutture di rete

Risultati 1 - 10 di 17

Risultati

Italia federata / full outsourcing

Nel suo intervento, Giuseppe Tilia ripercorre le idee che hanno guidato la concezione e la realizzazione del sistema SPC, sottolineando le conferme e le criticità emerse a tre anni dalla gara e prospettando gli sviluppi futuri, nell’ottica dell’azienda Telecom

L'ignoranza non è una virtù… Neanche per i legislatori!

Ho detto più volte, anche negli ultimi editoriali, che da questa crisi non si esce né con la rottamazione di mobili, automobili e frigoriferi né con una politica per l’edilizia di cui temo dovranno pagare le conseguenze le prossime generazioni. La chiave è sì l’infrastruttura, ma quella intelligente della rete in cui siamo drammaticamente tra gli ultimi in Europa per disponibilità e per uso.

Leggi tutto

Banda larga: la provincia di Belluno guarda al futuro

Web 2.0

Foto di gualtiero

Le aree montane sono, quasi per definizione, zone a fallimento di mercato, ovvero zone su cui il mercato non ha interesse ad investire, soprattutto per la bassa densità di popolazione e, quindi, il basso numero di clienti/utenti potenziali. Considerazioni che, naturalmente, pesano anche sulle scelte delle aziende di telecomunicazioni e influenzano la disponibilità in queste aree della banda larga e, quindi, dell’accesso veloce alle nuove tecnologie digitali. Ne avevamo già parlato qualche settimana fa con Enrico Borghi, presidente dell’Uncem. Questa volta siamo tornati sull’argomento con Claudio Costa, Assessore all’Innovazione della Provincia di Belluno, ente che da alcuni anni sta dedicando grande attenzione a questo problema. Nella consapevolezza che il digital divide può compromettere seriamente la competitività dei territori.

Leggi tutto

La politica che capisce internet: nasce l'Osservatorio Il Futuro della Rete

Connections

Foto di NguyenDai

Lo scorso 20 febbraio si è tenuto un incontro, promosso dall’Onorevole Mario Valducci, Presidente della IX Commissione Permanente della Camera (Trasporti, Poste e Telecomunicazioni), che ha raccolto attorno ad un tavolo 29 top manager delle principali aziende italiane di telecomunicazioni. Obiettivo: avviare un dialogo ed un confronto su quali siano le migliori strategie da perseguire per diffondere nel Paese, tra le aziende e, soprattutto nella classe politica italiana, la consapevolezza che il futuro è nella rete.

Leggi tutto

Nelle aree montane soluzioni da inventare contro il digital divide

Bay Bridge Silhouette

Foto di Thomas Hawk

La scienza riesce a creare ponti in grado di proiettare il genere umano su orizzonti fino a quel momento tratteggiati solo nelle opere di scrittori o cineasti fantasy che, spesso, proprio dalla scienza attingono le più illuminate ispirazioni. Questi stessi ponti possono rimanere inaccessibili a molti e creare, o acuire, fratture e lacerazioni nel tessuto economico e sociale. Un esempio? La connessione a banda larga che, laddove manca, dà origine al famigerato digital divide, il cui nome rischia di spostare l'attenzione sulle tecnologie laddove un gap digitale, oggi, è soprattutto un divario sociale. E' di questo che abbiamo parlato con Enrico Borghi, presidente dell'Uncem, portavoce di una delle aree geografiche italiane maggiormente svantaggiate per carenza di infrastrutture di accesso alla rete.

Leggi tutto

Nuovi modelli di erogazione di servizi on line

Net

by crumpart

Il Wireless Campus dell’Università di Urbino è una rete wireless che va molto al di là del territorio comunale, estendendosi dall’Appennino all’Adriatico, con alcune isole in Friuli e che, invece di collegare direttamente alla rete dell’ateneo, permette a chiunque ed in maniera totalmente libera di usufruire di una serie di servizi. Un recente accordo con FON, infine, ha fatto raggiungere alla rete una connotazione internazionale. Ne abbiamo parlato con Alessandro Bogliolo responsabile di UWiC Urbino Wireless Campus - Università di Urbino.

Leggi tutto

Investimenti in infrastrutture energetiche e rapporto con i media e gli stakeholders del territorio

In Italia esistono strumenti di informazione del pubblico? La normativa italiana a tal proposito ha recepito un orientamento comunitario, la VAS (Valutazione Ambientale Strategica) che consente di avviare una fase di confronto e di informazione con le realtà locali. La VAS coinvolge tutti i soggetti pubblici che progettano e realizzano infrastrutture e predispongono dei piani: le Amministrazione Nazionali, le Regioni, gli Enti Locali, le associazioni e i cittadini.

Leggi tutto

GARR-X una rete italiana 40 volte più veloce di quella attuale

Net

by tanakawho

GARR, che gestisce la rete nazionale per la ricerca e l’istruzione ha presentato, il 4 aprile scorso, durante l'incontro “GARR-X, il futuro della Rete”, il suo progetto per il futuro della rete italiana.

Leggi tutto

Il Sistema di Reporting Automatico per la Governance degli Ispettorati del Lavoro della Sicilia

Bologna presenta l’esperienza relativa alla creazione di una piattaforma informatica realizzata per poter misurare le prestazioni e l’attività dagli ispettorati del Lavoro. Si è iniziato lavorando sulla infrastruttura, creando una rete locale, per arrivare, attraverso la semplificazione e tipicizzazione dei processi, a sviluppare un applicativo unico per tutta la regione.

Leggi tutto

Internazionalizzazione in rete

L’Italia è un Paese dalle grandi risorse, dai territori più variegati, dalle associazioni di categoria molto attive e ciò spesso implica molteplicità delle iniziative, da un lato, e mancanza di collegamento fra le stesse, dall’altro.Leggi tutto