Cerca: community network

Risultati 1 - 10 di 15

Risultati

Sviluppo Urbano: ora un network di ricerca italiano

Nasce un nuovo network di ricerca italiano tutto incentrato sullo sviluppo urbano sostenibile. Il debutto ufficiale è avvenuto nei giorni scorsi in occasione del workshop nazionale di  Urban Europe Research Alliance (UERA) che si è tenuto all’ENEA. L’incontro ha permesso inoltre di identificare i possibili membri dell’alleanza di ricerca internazionale che si sta per realizzare.

Leggi tutto

Le azioni della Community Network Emilia-Romagna contro il Digital e Knowledge Divide

Stefano Alvegna riporta le soluzioni adottate dalla Community Network Emilia-Romagna sul problema del Digital e Knowledge Divide. La Community Network Emilia-Romagna vanta ad oggi una copertura del servizio a bada larga pari al 91% della popolazione, con una stima del 95% entro dicembre 2009.Leggi tutto

Le due “anime” di Magellano: gestire la conoscenza per creare valore nella PA e migliorare i servizi al cittadino

Un sistema di knowledge management che mira a supportare l'informazione, la comunicazione e l'apprendimento all'interno della PA e a facilitare il lavoro e la collaborazione tra uffici pubblici. Ma anche uno strumento per migliorare la qualità dei servizi al cittadino, proprio attraverso la divulgazione della cultura della conoscenza, della condivisione delle informazioni e del fare “community”.Leggi tutto

Communicating security using ICT: da una idea italiana nasce la community delle Polizie europee

Come comunicare la sicurezza ai cittadini e alla comunità di Polizia attraverso i mezzi ICT? L’idea italiana prende forma sul web, con l’apertura di una comunità di pratica nello spazio virtuale epractice.eu.

Leggi tutto

e-Learning dal basso per gestire il cambiamento nella PA

iColor (L1020065)

Foto di Michele Mazzoli

Innovare è difficile, e lo è ancora di più in una struttura costruita sul rispetto della forma e spesso sclerotizzata come un ufficio pubblico. Le resistenze al cambiamento sono moltissime, da quelle più dichiarate a quelle più sotterranee, da quelle della politica a quelle dei livelli operativi.
Giovedì scorso 11 dicembre, presso l’Università di Teramo, si è svolto un incontro dal titolo “L'e-learning per l’e-government, verso una nuova partecipazione”, un’iniziativa che ha fornito una lettura interessante dell’e-learning, proponendolo come uno strumento utilissimo nei processi di change management e di innovazione della PA, adatto ad “erodere dal basso” questo tipo di resistenze. Vediamo perchè.

Leggi tutto

RateMyDoctors.com. La valutazione vista e fatta dai pazienti

professor4

by jason toal

 La valutazione in sanità è una questione per tecnici? Chiaramente si. Ma l’essere paziente sembra già un titolo appropriato per esprimere un giudizio sul proprio medico. Cavalcando le potenzialità del web, in un processo che ha il valore aggiunto della partecipazione, i pazienti dicono la loro, delineando non solo giudizi ma anche parametri di ciò che è valuable da una prospettiva forse poco tecnica ma decisamente centrale. Succede su RateMDs.com .

Leggi tutto

Misurare e connettere: due esigenze imprescindibili per la Pubblica Amministrazione

Reading at Seattle Library on Tetris Chairs

by Christopher Patterson

Dal 12 al 14 giugno scorso a Milano si è tenuta, sotto il coordinamento dell’Università Bocconi  la 4° conferenza Transatlantic Dialogue, che ha raccolto 145 studiosi europei e americani di pubbliche amministrazioni, chiamandoli a confrontarsi sui temi del management pubblico.Su “Via Sarvatti25.it”, il notiziario web dell’Università Bocconi, qualche giorno fa è stato pubblicato un resoconto interessante: uno scambio di battute tra Marc Holzer, della Rutgers school of public affairs and administration di Newark (USA) ed Elio Borgonovi, docente di Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche alla Bocconi.

Leggi tutto

Il Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org: come sfruttare il marketing per accreditare il software open source

L'esperienza del PLIO dimostra che l'uso del marketing e della comunicazione, mutuato dall'esperienza delle aziende tradizionali, aiuta la crescita della reputazione del progetto, da cui deriva in modo quasi automatico una crescita della presenza del software sul mercato. Bastano quattro anni per passare da una realtà di nicchia con enormi possibilità a un interlocutore autorevole e riconosciuto delle grandi aziende, degli analisti e dei concorrenti

Cooperare per competere, competere per cooperare

Il ruolo della Community per lo sviluppo del software libero nella Pubblica Amministrazione può sembrare in contraddizione con le regole del mercato e della competitività. Vedremo come in realtà la cooperazione può essere propedeutica alla competizione e viceversa come grazie alla competizione si possa garantire lo sviluppo cooperativo di soluzioni e servizi.Leggi tutto

Le forme di sostegno alle comunità di pratica

L'intervanto illustrerà l’esperienza della Comunità Virtuale per i settori SUAP, SUE (Uffici edilizia) e Uffici commercio, soffermandosi sulle forme di sostegno e facilitazione per la creazione di una comunità di pratica.