Cerca: Sviluppo e Competitività, digital agenda

9 risultati

Risultati

  • Cod. ps.02
  • 28/05/2013
  • 12:00 - 12:45

Statmanager NET, progetto statistico per la digital economy - POSTER SESSION

Network Applications per gestire e comunicare le statistiche smart4Italy in modo semplice e intuitivo

La Commissione Europea punta a raddoppiare il mercato elettronico in tre anni

Se il commercio elettronico rappresentasse il 15% del commercio al dettaglio e se gli ostacoli al mercato interno fossero eliminati, i risparmi per i consumatori potrebbero toccare i 204 miliardi di euro, ossia l'1,7% del PIL europeo. Tuttavia i consumatori e le imprese sono restii ad usare senza remore i servizi on-line a causa di una serie di problemi più o meno gravi come le sacrsa conoscenza delle regole applicabili, la scarsa trasparenza delle offerte, i costi delle transizioni o delle spedizioni e così via.

Leggi tutto

Digital Agenda Europea: il 25% delle azioni è in ritardo

La relazione pubblicata dalla Commissione Europea fa il punto sullo stato di attuazione dell'Agenda Digitale e traccia il quadro delle azioni future.

Per ognuno degli otto pilastri che costituiscono i fondamenti del piano il rapporto indica lo stato di avanzamento delle relative azioni.
In totale 19 azioni sulle 56 previste risultano in ritardo.

Leggi tutto

Nasce il DAG per lo sviluppo dell'economia digitale…e dà subito "i numeri"

Qual è il potenziale dell’economia digitale in Italia? Quali ostacoli ne frenano lo sviluppo e quali iniziative possono, invece, favorirlo? Il punto di vista del DAG, Digital Advisory Group, un gruppo presentato ieri a Milano e composto da oltre 30 organizzazioni, aziende private e pubbliche e università.

Leggi tutto

Agenda digitale: i progressi compiuti sono in open data

La Commissione europea ha pubblicato un quadro di valutazione che illustra i progressi compiuti dall’Unione e dagli Stati membri verso la realizzazione degli obiettivi convenuti nell’ambito Agenda digitale europea a un anno dal suo avvio. Tenendo fede all’impegno assunto per una strategia aperta sui dati, la Commissione europea ha reso pubbliche in linea le proprie raccolte di dati e le statistiche, permettendo a chiunque di analizzarle e di trarne conclusioni.

Leggi tutto

Un'Agenda digitale europea, per farci che?

Abbiamo già presentato a suo tempo la “Digital Agenda for Europe” (DAE) che la Commissione europea ha approvato la scorsa estate senza suscitare, a dire il vero, una grande eco nei nostri organi di informazione. A torto, però, perché è comunque quel programma che dovrà accompagnare lo sviluppo europeo in uno dei campi chiave per recuperare benessere e occupazione. Oggi, alla vigilia del FORUM DELL’INNOVAZIONE dedicato alle regioni del Centro Italia  (L’Aquila 22 novembre) - i cui lavori ruoteranno proprio attorno all’Agenda Digitale Europea - riprendo il tema per cercare di sbrogliare la matassa delle oltre cento azioni elencate nell’Agenda (sono tutte dettagliate nel chiaro sito ad hoc della Commissione) e trovare così alcune di quelle che possono divenire oggi, con le restrizioni finanziarie che abbiamo e i pochissimi soldi disponibili, azioni concrete per il Governo centrale, per le Regioni, per gli Enti locali.

Leggi tutto

Due milioni di italiani coperti dalla banda larga, il digital divide si riduce... ma non basta

Nonostante gli 800 milioni “fantasma” il piano Romani negli ultimi dodici mesi è andato avanti, riuscendo a raggranellare quasi 250 milioni di euro tra fondi europei, nazionali, regionali e locali. Oggi gli italiani senza banda larga sono poco più di 5 milioni, ma l’Europa (e la competizione globale) ci chiede di più.

Leggi tutto

L'Europa propone la tecnologia digitale per aumentare competitività e sviluppo.

La Commissione ha presentato il mese scorso l’Agenda europea del digitale. Un programma ambizioso la cui attuazione dovrebbe dare un importante contributo alla crescita e diffondere i benefici derivanti dall'era digitale a tutte le fasce sociali.

Leggi tutto

Dimenticare Lisbona… l'Europa ci riprova

Esattamente dieci anni dopo quel vertice di Lisbona che indicò l’omonima strategia, più citata che attuata, la Commissione Europea ci riprova diffondendo lo scorso 3 marzo il documento strategico “Europa 2020 - Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva”.
La strategia di Lisbona era fondata su tre pilastri: competitività economica basata sull’economia della conoscenza, lotta all’esclusione sociale attraverso la formazione, sostenibilità La nuova strategia Europa 2020 invece… pure.

Leggi tutto