Cerca: politiche del lavoro e welfare

Risultati 21 - 30 di 31

Risultati

La misurazione del Welfare State. Metodi e risultati

Il problema che caratterizza il Sistema Paese quando parliamo di misurazione e valutazione non è la mancanza di un popolo della misurazione, ma un problema connesso alla produzione dei dati presso le amministrazioni pubbliche. La caratteristica dei dati amministrativi, sostiene Marco Zanotelli, Direttore Ufficio Studi e Ricerche dell’INPS, è data dal fatto che non sono dati statistici. Mancano cioè degli standard concettuali che consentano la produzione di informazioni omogenee che a loro volta consentano la realizzazione di indicatori utili, capaci di porre a confronto realtà differenti.Leggi tutto

Il welfare responsabile della Provincia di Latina

Nel corso di FORUM PA ’09 il tema del welfare e della “cura” della persona ha avuto un rilievo particolare espresso non solo dalla sezione espositiva, con l’area Valore Persona, che è stata tra le più visitate ed apprezzate, ma soprattutto dalla sezione congressuale che ha visto il Ministro Sacconi presentare il Libro Bianco del Welfare. In quell’occasione abbiamo incontrato Clorinda Baiano, Direttore Generale della Provincia di Latina, che ci ha parlato delle scelte fatte dalla sua amministrazione in questo ambito.

Leggi tutto
  • Cod. S.2
  • 13/05/2009
  • 15:00 - 18:00

Il libro bianco e la sostenibilità del sistema del welfare

Luciano Malfer: le nuove politiche sociali

Sweethearts

by Patrick

Il distretto dell’economia solidale, i nuovi servizi di e-welf@re, la valorizzazione della persona, dal welfare al workfare. E ancora, l’integrazione con le politiche sulla casa: l’homefare. Ne abbiamo parlato con Luciano Malfer, Dirigente del Servizio per le Politiche Sociali della Provincia Autonoma di Trento, che si è aggiudicato il premio FORUM PA Protagonisti dell’Innovazione per la categoria “inclusione”.

Leggi tutto

Dal 1978 ad oggi. Come cambia il Sistema Sanitario Nazionale.

A 30 anni dalla sua nascita, il Sistema Sanitario Nazionale può essere considerato una delle esperienze più importanti e complesse di welfare nel nostro Paese. Data la sua strutturazione complessa, il SSN è ancora oggi in completa evoluzione e in via di definizione; basti pensare al nuovo assetto istituzionale che ha dato vita al Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. Leggi tutto

Le condizioni indispensabili per l’integrazione reale

Per parlare di integrazione – spiega Pier Natale Mengozzi – si deve individuare contemporaneamente ciò che va dato sul piano sanitario e ciò che va dato sul piano socio-assistenziale. Se si hanno i LEA ma non si hanno i LIVEAS non si ha l’integrazione. Bisogna quindi in primis cercare di capire quanto vorrebbe dire in termini economici un Fondo sociale nazionale e poi decidere quali sono i diritti sociali e quali quelli sanitari. Una volta stabiliti quali sono i diritti, per tutto ciò che non è diritto va fatta una grande campagna per la compartecipazione dei cittadini alla spesa sociale.

Le azioni e i paradigmi necessari per la costruzione dell’integrazione

Per FIASO l’integrazione deve essere il senso stesso dell’innovazione nelle aziende sanitarie per quanto riguarda la parte territoriale; fare integrazione – spiega Francesco Ripa di Meana – significa ripartire dal fatto che chi governa, chi gestisce e chi paga devono agire in un unico sistema e che l’ elemento di governo deve essere unico. A questo scopo è stato creato un Laboratorio che parte dalla definizione di che cosa è il servizio per poi misurarlo e misurarne l’impatto in termini di qualità e di quantità valutando anche i modi in cui fino ad esso si è proceduto all’integrazione.

Catalizzare l’integrazione

Stefano Inglese ha organizzato questo convegno come prosecuzione del lavoro iniziato con la Conferenza sulle Cure Primarie tenutasi a Bologna nel febbraio 2008. La discussione e l’operatività si svolgono su due assi: quello che riguarda l’integrazione istituzionale ai diversi livelli e quello che presta attenzione alla dimensione dell’integrazione professionale e disciplinare. Scopo dell’evento è quello di partire dalla dichiarazione dei dieci principi di Bologna per rilanciare, riaprire e mantenere viva la discussione sui sistemi di assistenza primaria.

OfficinaPA e salute: Regione Marche presenta Agenzia nazionale per l'invecchiamento

Sweethearts

by Patrick

Tra le iniziative OfficinaPA in questa prima giornata del FORUM abbiamo incontrato Antonio Aprile, direttore generale dell'Agenzia Nazionale per l'invecchiamento, presentata nello stand della Regione Marche. L’Agenzia - spiega Aprile - nasce come esigenza assoluta per dare una risposta complessiva alle problematiche connesse con l'invecchiamento, che non riguardano solo gli aspetti sanitari ma  tutto ciò che è collegato: dalla mobilità all’urbanistica al tempo libero.

Leggi tutto

Promozione della parità di trattamento e rimozione delle discriminazioni: il ruolo dell'UNAR

Marco De Giorgi parla delle tematiche di integrazione degli stranieri in Italia citando una lettera apparsa sulla stampa “Aiuto! Sono di sinistra ma sto diventando razzista”. Sottolinea il rischio di parlare sempre più di sicurezza e sempre meno di situazioni di povertà e di debolezza che richiedono interventi a sostegno delle pari opportunità. Sostiene che in Italia si è verificato uno scarto profondo tra l’immigrazione virtuale e quella reale, amplificata anche dai media.

Leggi tutto