Cerca: strumenti finanziari

Risultati 21 - 24 di 24

Risultati

I problemi del rapporto tra enti locali e banche

Come sta cambiando il rapporto tra PA (e in particolare enti locali) e banche? Agli istituti di credito si chiede oggi anche un ruolo di consulenza e assistenza sulle nuove forme di finanziamento (ad esempio il project financing), perché spesso negli enti locali mancano le competenze e le professionalità adatte per impostare e attuare piani economico-finanziari di questo tipo. Dall’altro lato, poi, la crisi finanziaria e i vincoli crescenti imposti agli enti (patto di stabilità, calo dei trasferimenti) portano un peggioramento nel rapporto tra PA e banche.Leggi tutto

Banche e PA devono allearsi per rendere il sistema competitivo

In un momento economico particolarmente delicato, De Vico auspica un tavolo di confronto in cui il sistema bancario e quello pubblico possano concorrere a creare le condizioni adatte per rendere il sistema competitivo.Leggi tutto

Prospettive di evoluzione nel rapporto tra PA e sistema bancario

Il rapporto tra PA e banche è molto complesso, prima di tutto per la complessità stessa dei soggetti coinvolti. La mission degli enti non risponde ai criteri di una normale attività imprenditoriale; gli enti, inoltre, sono molto diversi tra loro e attualmente sottoposti a un cambiamento forte dovuto al federalismo; la natura pubblica, poi, impone vincoli, regole e modalità operative particolari. Anche il sistema bancario è sottoposto a un processo di riorganizzazione e innovazione, il che presenta opportunità ma anche necessità di adattamento.Leggi tutto

La riforma della dirigenza nella legge delega e nei decreti delegati: il punto di vista di ANDIGEL

Michele Bertola, Presidente ANDIGEL, riporta la sua riflessione sulla riforma della Dirigenza Pubblica, legge delega e decreti delegati, ponendo l'attenzione su diversi punti chiave: mobilità dei dirigenti, collaborazione tra pubblico e privato, distribuzione degli incentivi correlati agli obbiettivi raggiunti e, infine, gli aspetti di soggettività e oggettività del processo di valutazione