Cerca: Editoriale

Risultati 61 - 70 di 304

Risultati

Repetita iuvant?

L’agenda per la ripresa proposta al Governo dai sindacati e dalla Confindustria a Genova è certamente la novità politica più importante di questi ultimi giorni, caratterizzati per altro verso da rumori di fondo che hanno spesso poco a vedere con la vita reale dei cittadini e delle imprese. Al di là però della rilevanza del documento dal punto di vista politico, quel che tragicamente traspare dai tre punti proposti (fisco, politiche industriali e riforma dello Stato e della PA) nelle loro varie articolazioni, è che leggiamo per l’ennesima volta cose che sappiamo benissimo. Come più volte mi è capitato di dire il nostro problema non è il cosa fare, ma come farlo effettivamente.

Leggi tutto

Smart City Exhibition 2013: un appuntamento con i protagonisti dell'innovazione

La via italiana alla Smart Cities sembra ancora lunga e tortuosa per le difficoltà che il nostro paese sta ancora vivendo e per l'evidente mancanza di un forte impegno da parte dei nostri governi a condividere un progetto di futuro. Ma è una strada oramai tracciata, che dobbiamo inevitabilmente percorrere fino in fondo. In questo contesto come FORUM PA, insieme a Bologna Fiere, siamo impegnati a far sì che la seconda edizione di Smart City Exhibition sia all'altezza delle aspettative, qualificandosi come momento centrale di confronto, di approfondimento e di comunicazione. È grazie a questo impegno che possiamo presentarvi oggi la prima versione di un programma ricco di contenuti e di testimonianze nazionali ed internazionali.

Leggi tutto

Riformisti ora

Come voi sapete sono sempre stato piuttosto tiepido rispetto alle appartenenze partitiche e ora, in questa Babele, lo sono ancor di più. Ma invece non sono affatto tiepido rispetto alla necessità di una profonda trasformazione della società italiana basata sullo scongelamento delle posizioni di privilegio, sulla mobilità sociale e professionale, sul merito e la promozione della libera conoscenza. In questo senso mi sono sentito di appoggiare e contribuire ad un nuovo magazine online che, con un titolo impegnativo come “Riformisti ora”, si propone con passione come luogo di confronto e di riflessione sulle riforme necessarie. Non sono d’accordo su tutto quel che la rivista scrive, su alcune cose ho molto da dire, su altre nulla o quasi: ma è proprio la ricchezza del confronto e delle idee, sghiacciate dalla gabbia ideologica delle appartenenze a prescindere, che vado cercando. Vi propongo il contributo che ho scritto per questo primo numero della rivista online e che ha un titolo programmatico, ma un po’ fuori stagione, parlando di gelo: “Il rischio: solo fuoco che può sciogliere il ghiaccio italiano”.

Leggi tutto

Mr. Agenda digitale: luci, ombre e crepuscoli

La notizia, data da Enrico Letta con un tweet, di aver arruolato Francesco Caio come “Mister Agenda Digitale” e insieme la nuova governance dell’Agenda digitale che riporta al diretto controllo della Presidenza del Consiglio dei Ministri tutto il processo di attuazione sono senz’altro due positive novità che non possiamo che accogliere con soddisfazione. Avevamo certamente bisogno di un coordinamento “alto” delle attività per l’Agenda e la figura e il curricolo di Caio ci lasciano ben sperare accanto a queste luci vedo però alcune ombre che rischiano di far fallire l’intera operazione.

Leggi tutto

Primavera fredda, ma FORUM PA caldo! I RISULTATI DI FORUM PA 2013

In netto contrasto con la temperatura metereologica, che ci ha fatto vivere un autunno a fine maggio, questo FORUM PA 2013 è stato uno dei più caldi che possiamo annoverare nella nostra lunga storia. Si dimostra così ancora una volta che quando si mettono insieme, con una ricetta sempre da reinventare, belle persone, buone idee e volontà di non arrendersi ne viene fuori una cosa bella e utile.

Leggi tutto

FORUM PA 2013, ma perché?

Con il prossimo saranno ventiquattro i FORUM PA che abbiamo proposto agli innovatori italiani. È passata così non solo una buona parte della mia vita, ma anche un paio di “repubbliche”, quindici governi, una dozzina di diversi ministri della pubblica amministrazione, un certo numero, grande a piacere, di riforme epocali. Mi viene quindi naturale chiedermi perché proponiamo un altro FORUM PA, cosa mi aspetto da questi tre giorni (che in realtà sono la punta di un iceberg di lavoro che dura tutto l’anno), se e come possiamo essere ancora utili ad un disegno riformatore, che si presenta invero un po’ acciaccato, forse per gli anni passati.

Leggi tutto

Un decalogo per il Governo: per fare (e non solo annunciare) innovazione nella PA

Caro Governo, l’anamnesi è ahimè negativa. Per troppi anni abbiamo sentito annunciare riforme anche ottime, ma che non sono mai arrivate sino a cambiare effettivamente i comportamenti. Leggi su leggi si sono affastellate normando più e più volte le stesse materie, producendo grattacieli di carte e di piani, senza ottenere i risultati attesi. Trasparenza, liberalizzazione, digitalizzazione, anticorruzione sono state più parole da convegno o adempimenti burocratici che programmi concreti di cambiamento. Mi permetto quindi, prendendomi un po’ in giro da solo, di proporti un decalogo, una sorta di tavole della legge per l’azione, breve o lunga che sia, che svolgerai per l’innovazione nella PA.

Leggi tutto

Una Smart City in Agenda

Tra le iniziative che il prossimo governo metterà con urgenza in agenda, speriamo che un posto importante sia destinato al tema delle smart cities. Quello che rileviamo è che se la discussione ha raggiunto un elevato grado di maturità, poco ancora è stato fatto per tradurre l'approccio alle smart cities in un percorso operativo concreto. Per aiutare questo percorso FORUM PA ha messo in campo una serie di iniziative, tra cui: Strumenti innovativi per la trasparenza e la gestione dei dati territoriali, un Accordo strategico con l’ANCI per la promozione del loro Osservatorio Nazionale sulle Smart Cities, un Percorso tematico di approfondimento dedicato nell’ambito della prossima Manifestazione.

Leggi tutto

Il topo che mangiava i gatti

Lettera aperta al nuovo Governo perché torni al piano della realtà. Ora che abbiamo visto di tutto nel teatro della politica, tutto diventa possibile. Persino rimettere mano alla macchina pubblica, ma dobbiamo avere idee chiare su dove vogliamo arrivare e su quale sia la PA che serve a far ripartire il Paese, zavorrato dalle sue enormi emergenze che si chiamano lavoro, diritti, sviluppo sostenibile. La storia ci insegna che se non ci facciamo guidare dai bisogni reali dei soggetti reali (cittadini e imprese) entriamo nell’iperuranio delle norme esteticamente apprezzabili e politicamente accettabili, che però moltiplicano adempimenti e scambiano la carta con la realtà, come il topo che mangiava i gatti della bella favola di Rodari che tante volte ho raccontato ai miei figli e, molti anni dopo, al mio nipotino Marco. Per questo provo a incitare, in una lettera aperta, il nuovo e ad oggi ancora non definito Governo a muoversi su alcune direttrici precise.

Leggi tutto

La parabola del cotechino

Un Mauro Bonaretti molto arrabbiato dietro a questa metafora cruda che, se ci strappa un sorriso per l’ambientazione dal salumiere, ci fa amaramente riflettere sul crescente iato tra legislatori e regolatori rispetto al Paese reale. Difficile non condividere la sua indignazione che faccio mia, pur nella ragionevole speranza che le tante e eccellenti professionalità che vivono e lavorano nelle nostre amministrazioni sapranno trovare, attraverso un coinvolgimento e un’alleanza virtuosa con imprese, cittadini, terzo settore e con la stessa politica (che altro non è che la funzione di rappresentanza di questi portatori di interessi), una sintesi tra l’attenzione alla legalità e il ritorno a una realtà fatta di bisogni concreti da soddisfare e di cose da fare tutti i giorni. Insieme.

(Carlo Mochi Sismondi)

Leggi tutto