Cerca: Articolo, e-inclusion

6 risultati

Risultati

L'Europa scrive una roadmap collaborativa sull'inclusione digitale. Partecipa!

Chiunque sia attivo nella lotta contro il digital divide ed abbia idee su come migliorare il benessere e l'inclusione delle persone attraverso l'alfabetizzazione digitale dovrebbe contribuire alla Danzica roadmap. E' questo il messaggio che la Commissione Europea lancia a tutti i cittadini e le associazioni, chiamandoli a costruire insieme una vera e propria tabella di marcia per la e-Inclusion.

Leggi tutto

Consultazione europea sulla e-Inclusion

Torre Eiffel

by Daniel Lobo

La Commissione europea ha promosso, il 2 luglio, una consultazione pubblica su "Accessibilità dei siti web e altri strumenti per la e-Accessibilità". Con questa iniziativa la Commissione invita i cittadini europei ad esprimere la loro opinione relativamente a ulteriori provvedimenti da adottare per migliorare l'accessibilità dei siti internet in Europa, a partire da quelli delle amministrazioni pubbliche.

Leggi tutto

Ripensare le città digitali: un tavolo di lavoro partecipato

Does She Love You, He Said, It's Complicated I Answered Back

by Thomas Hawk

In diverse occasioni abbiamo messo in evidenza la necessità di riflettere sulle esperienze e sui risultati del processo di e-governement così come si è configurato negli ultimi dieci anni, convinti che i risultati ottenuti fino ad oggi abbiano portato frutti apprezzabili, ma non all’altezza delle aspettative e alle potenzialità della telematica cittadina. Proprio per questo abbiamo parlato di "prematura fine delle città digitali" intendendo, con questa espressione, la fine di un processo virtuoso in crisi di identità e di prospettive che ha lasciato almeno tre punti irrisolti: abbandono della logica di governance originaria, incompletezza dell'offerta, fallimento dell'offerta.
 
Leggi tutto

Robobraille: le parole da ascoltare

RoboBraille è un servizio dedicato ai ciechi e agli ipovedenti che permette di rendere più agevole l'accesso a libri, riviste, materiale di studio e, più in generale, a tutto ciò che è scritto. Consente di effettuare alcune interessanti operazioni su documenti di testo in svariati formati, in maniera veloce ed automatica. Il mondo della disabilità ha molte sfaccettature ed è complesso: non c'è una soluzione unica, ma la tecnologia aiuta.

Leggi tutto

Quale e-Inclusion per i detenuti?

Crescono le esperienze di presenza sul web delle realtà carcerarie: esperimenti di networking tra il dentro e il fuori gridano un'esigenza di socialità e visibilità che l'amministrazione non può ignorare, se è vero che scrivere, lavorare, giocare, interrogarsi, conoscere vuol dire non morire. Vuol dire in una certa misura essere liberi. Lasciare aperta la categoria della possibilità. (E.Patrono, Responsabile Redazione ilDue) Ma come declinare il diritto alla e-inclusion del detenuto, nell'anno di e-Inclusion 2008?  Partiamo dalla riflessione sull'inclusione e l'integrazione tout-court. Che, nei nuovi paradigmi di giustizia, riguarda il detenuto ma anche la società. Il discorso si fa più ampio e complesso.

Leggi tutto

e-Inclusion 2008: le tecnologie non siano barriere

L'Unione Europea arriva al 2008 con differenze strutturali e regionali rilevanti. Altrettanto rilevanti sono le tendenze socio-demografiche comuni e assolutamente prioritari gli obiettivi condivisi a Lisbona. Aspettativa di vita media, tassi di immigrazione, domanda di welfare in crescita. Obiettivi al 2010: fare dell'UE l'economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, basata su sostenibilità, occupazione e inclusione sociale.

Leggi tutto