Cerca: Articolo, Sanità

Risultati 31 - 40 di 87

Risultati

Un quadro futurista? Opinioni a confronto su un nuovo modello per la sanità digitale

Lo scorso 25 febbraio il Ministero della Salute ha ospitato un nutrito gruppo di rappresentanti della sanità italiana, dai vertici aziendali a quelli istituzionali, in un confronto sui risultati dell’indagine Livelli di Innovazione Tecnologica in Sanità – LITIS. Il quadro sintetico è “visivamente” sconcertante. Ciò che emerge dalla sua interpretazione lo è un po’ meno, ma non per questo può dirsi rassicurante. Carlo Mochi Sismondi ha così concluso: “Sanità digitale in Italia, avanti piano…ma con gli occhi aperti.”. Ripercorriamo i punti salienti di un’analisi a più voci.

Leggi tutto

Sanità elettronica: in Italia avanti piano

Molte potenzialità di sviluppo, ma ancora pochi effetti sulla vita quotidiana di pazienti e operatori. Questo il quadro che emerge dalla Ricerca sui Livelli di Innovazione Tecnologica In Sanità (LITIS), realizzata da Federsanità ANCI, su incarico del Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica amministrazione e l'innovazione tecnologica della Presidenza del Consiglio, in collaborazione con FORUM PA e con il supporto metodologico del CNR.

Leggi tutto

Cat@hospital. Il CUP telematico nella Provincia di Catanzaro

Oltre 160 postazioni di accesso alla rete, tra Comuni, strutture sanitarie e farmacie. 180 referenti comunali, 60 dipendenti delle strutture sanitarie, 60 farmacisti, un numero crescente di medici di base. Un totale di 4.200.000 prenotazioni in circa 5 anni. Questi i numeri di cat@hospital, il sistema telematico di prenotazione di prestazioni sanitarie messo a punto dall’amministrazione provinciale di Catanzaro per ridurre le difficoltà di accesso in un territorio difficile e frammentato. Vediamo se e come ci sono riusciti.

Leggi tutto

Azienda ospedaliero-universitaria: vincoli e opportunità dell’integrazione. I dati

Nelle Aziende Ospedaliero-Universitarie - AA.OO.UU alla sfida dell’integrazione assistenziale e organizzativa si aggiunge quella dell’integrazione funzionale: come integrare obiettivi e attività di assistenza, ricerca e didattica nei dipartimenti? La sfida è notevole. 18 AA.OO.UU, sotto la guida di Stefano Cencetti, dg AOU Modena, l’hanno raccolta. Primo passo: hanno costituito un Tavolo di benchmarking al fine di rilevare i limiti dell’assetto attuale. Secondo: hanno redatto proposte operative per cogliere appieno le opportunità dell’integrazione. I principali risultati della Ricerca, presentata lo scorso 11 dicembre a Roma.

Leggi tutto

Possiamo dare le “stelle” ai Dipartimenti nel SSN? Sintesi di uno studio pilota

Il Programma SIVEAS, Sistema di Valutazione dell’Efficacia del Sistema sanitario, del Ministero della Salute ha affidato al Centro studi, ricerche e formazione su politiche, economia e management in Sanità della Cattolica l’incarico di analizzare l’evoluzione dei modelli organizzativi e dei meccanismi di funzionamento dei dipartimenti ospedalieri. Il gruppo di ricerca coordinato dal  prof. Cicchetti, ha ideato e testato un modello per l’analisi organizzativa dei dipartimenti, partendo dall’individuazione delle “determinanti” delle performance assistenziali. A seguire vi proponiamo la sintesi dello studio pilota.

Leggi tutto

Le frodi in sanità costano a tutti noi. 180 miliardi di euro

Quanto costano le frodi in sanità?
A rispondere è il Financial Cost of Healthcare Fraud Report - primo Rapporto sui costi globali delle frodi in sanità - e la risposta è tanto interessante quanto inquietante.
Ben 180 miliardi di euro, ovvero una media del 5,59% della spesa dedicata all’assistenza sanitaria, è il “costo” imputabile alle frodi messe a punto sotto varia forma nei sistemi sanitari di tutto il mondo.

Leggi tutto

L'azienda sanitaria virtuale. Il progetto Partout Sanità della Valle d'Aosta

Il clima, l’orografia e l’assetto demografico di una regione di montagna non favoriscono l’efficienza del Servizio sanitario. Complice l'incremento di una serie di variabili - quali l'incidenza della popolazione anziana, l'accentramento delle funzioni sanitarie, l'aumento della mobilità passiva e della spesa sanitaria a parità di livelli di assistenza - la Valle d’Aosta si trova a fronteggiare una domanda socio-assistenziale più complessa che altrove. La conseguenza è in un costo della “sanità strutturale” al + 20% rispetto alla media nazionale e in una difficoltà maggiore nell’assicurare continuità e appropriatezza della cura. Cosa fare? La Regione Valle d’Aosta è partita dalla banda larga. Vediamo dove vuole arrivare con il progetto Partout Sanità.

Leggi tutto

La dematerializzazione di un Registro speciale. L'esperienza del Galliera di Genova

Con un bilancio di 700 vite salvate ogni anno, oltre 370mila volontari iscritti, quasi 2 trapianti al giorno da non familiare e circa 4.500 trapianti da donatore non consanguineo effettuati in Italia, il Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo – IBMDR (Italian Bone Marrow Donor Registry) compie 20 anni di attività e si regala un'importante innovazione operativa.

Leggi tutto

L'innovazione è nel consorzio. Gli sviluppi di Arsenàl.IT

Dal confronto tra gli innovatori emerge che l’innovazione, per essere sostenibile, deve divenire un attributo del sistema.
Parlando di innovazione nel Nord est italiano, abbiamo chiesto a Claudio Dario, presidente del Consorzio Arsenàl.IT, di raccontarci gli ultimi sviluppi del modello consorziale adottato per la sanità digitale in Veneto. Un modello che si è dimostrato decisamente sostenibile e lungimirante.

Leggi tutto

Bollino rosa per ospedali women friendly

Le donne rappresentano la maggioranza dell’utenza dei servizi sanitari, con 5 milioni di ricoveri l’anno su un totale di 9 milioni. Tuttavia gli ospedali italiani non sempre offrono un trattamento adeguato alle loro esigenze e necessità e al loro desiderio di privacy. Siamo ancora lontani dal modello dei Women hospitals americani, strutture specializzate nella differenza di genere.

Leggi tutto