Cerca: Corsivo

Risultati 51 - 60 di 60

Risultati

Da possibili fannulloni a stakanovisti inconsapevoli: benvenuti nell’era dell’ufficio "no-limits"!

Per colpa della tecnologia - cellulari, internet, banda larga, mail, Blackberry, tablet, Skype, teleconferenze… - spesso l’ufficio “viene a casa con noi” e l’impegno verso il lavoro così diventa praticamente senza soluzione di continuità. È la conseguenza della “24-hours economy”, una tendenza che comporta una non-distinzione netta fra vita professionale e personale, fenomeno sempre più marcato che secondo l’OMS può comportare anche gravi conseguenze alla salute.

Leggi tutto

No Election Day, ormai una "tradizione" che costa cara e che qualcuno dovrà pur pagare

Costa almeno 300 milioni di euro il voto disgiunto delle prossime elezioni amministrative e referendum: da dove salteranno fuori i soldi per porre riparo ad uno sperpero economicamente incomprensibile, in un periodo di tagli e vacche magre come quello attuale? Il congelamento di parte del già ridottissimo Fus forse ne è forse una prima conseguenza, ma azzardiamo anche qualche consiglio sparso, e non ci facciamo mancare un accenno a Eduardo De Filippo, fulgido esempio della più vivida cultura del nostro Paese, grandissimo autore ed attore. Un genio che se fosse ancora in mezzo a noi probabilmente non potrebbe evitare di finire anch’esso “tagliato”…

Leggi tutto

In tempi di anniversario, l’Unità d’Italia passa anche dalle storie di (non ordinaria) follia scolastica

A Catanzaro una preside impone il divieto (impossibile per legge da imporre) per le gite scolastiche ad un ragazzo down e la classe al completo si ribella. In un paesino della provincia di Venezia un sindaco impedisce l’accesso alla mensa dell’asilo ad una bimba figlia di immigrati che non si può permettere la retta: a risolvere il problema ci pensa un benefattore anonimo. Sicuramente si tratta di due casi isolati, ma è possibile che funzioni pubbliche di questo calibro possano trasformarsi in esempi del tutto deleteri in termini di coscienza civica e rispetto delle debolezze altrui?

Leggi tutto

Falsi invalidi e invalidi veri: l’Inps fra giusti controlli e abitudine (nazionale) all’eccesso

I controlli effettuati l’anno scorso dal nostro istituto nazionale di previdenza mettono finalmente in luce l’altissima percentuale di irregolarità, tanto che ben il 23% delle indennità passate al setaccio sono già state revocate. Sul fenomeno ha finora inciso in maniera forte la “funzione di scambio” esercitata dalla politica e dalla criminalità organizzata. Pesanti ombre e critiche, invece, sull’iter che devono affrontare molti invalidi a tutti gli effetti: un calvario che sarebbe giustificato, secondo il presidente Mastrapasqua, dal fatto che “lavorando sui grandi numeri, qualche errore si può fare”. Ma oltre ai controlli e al rigore, nei casi più gravi dovrebbe forse prevalere un atteggiamento di sensibilità, umanamente obbligatorio quando le ragioni dei deboli sono evidenti.

Leggi tutto

I nidi aziendali nella PA, un’incompiuta bloccata… sul nascere

In tempi di crisi i soldi mancano sempre, eppure anche quando le risorse ci sono... non vengono sfruttate.
E' il caso del progetto per gli asili aziendali nelle pubbliche amministrazioni che nonostante uno stanziamento di 18 milioni (quasi un anno e mezzo fa) ha portato solo il 4% delle amministrazioni pubbliche a dotarsi di un nido aziendale. Solo il 10% dei possibili beneficiari dall’iniziativa sta progettando o ha mostrato interesse per aprire un nuovo asilo. I bambini che usufruiscono delle strutture sono circa 3500, in luogo degli 80mila previsti entro dieci anni dall’avvio del progetto, a fronte di un numero di figli di dipendenti pubblici interessati alla fascia in questione che supera le 100mila unità. Un ritardo francamente incomprensibile.

Leggi tutto

In un libro la dura realtà del mobbing, una tragedia che forse cominciamo ad affrontare

È in libreria “mobbing storia di una donna che non si arrende”, l’incredibile storia autobiografica di una dirigente della Pubblica Amministrazione che nemmeno una sentenza di reintegro ha saputo restituire alla “normalità” professionale. Dopo una serie di iniziative istituzionali che non erano riuscite a fronteggiare il grave problema nei suoi aspetti più concreti, la recente istituzione dei comitati unici di garanzia contro tutte le forme di discriminazione sembra dare finalmente una speranza ai tantissimi mobbizzati presenti nel nostro Paese.

Leggi tutto

Gli ostacolisti di Viterbo e la fiducia scippata

Il caso degli impiegati dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione Lazio distaccati a Viterbo, “beccati” da una telecamera: una storia vecchia che purtroppo si ripete con puntualità. Situazioni classiche che fanno parte di “corredi professionali” duri a morire, almeno fino a quando i furbi in questione vengono colti sul fatto in maniera un po’ ridicola. Ma la voglia di sorriderne dovrebbe passarci subito.

Leggi tutto

Emiliano sindaco "sceriffo" e gli spazzini "wanted"

Si è rivelata senz’altro dirompente l’iniziativa del primo cittadino di Bari che ha recentemente “denunciato” attraverso facebook alcuni operatori ecologici (dis)impegnati nell’espletamento delle loro mansioni. Ma è proprio questo che ci si aspetta dall’uso delle nuove tecnologie da parte degli amministratori pubblici? Giova a qualcosa e a qualcuno sollecitare segnalazioni che sfiorano la delazione oppure è lecito piuttosto favorire lo sviluppo di supporti che possano rivelarsi funzionali alla migliore partecipazione attiva al governo delle nostre città?

Leggi tutto

Fare la fila? Stanca! Alla faccia del "click"

La settimana scorsa il Corriere del Mezzogiorno ha pubblicato sul suo sito internet un’inchiesta sui disagi vissuti dai cittadini napoletani conseguenti ai rinnovi delle esenzioni sanitarie. La notizia più clamorosa è che la coda dei cittadini-utenti inizia la notte precedente all’apertura degli sportelli, e i fortunati poi all’apertura saranno solo 100 al giorno! Eppure, come promesso dall’allora ministro Stanca, il passaggio “Dalle code ai click” era un obiettivo che ormai risale a quasi dieci anni fa.

Leggi tutto

Il 2011? Presente!

Avviamo questa settimana una nuova rubrica. Si chiama PAssepartout e sarà curata da Tiziano Marelli. Tiziano è un caro amico di vecchia data e giornalista professionista a cui abbiamo chiesto di provare ad analizzare ogni settimana un fatto di cronaca legato alla riforma della pubblica amministrazione o all'innovazione. II punto di vista, stavolta, non sarà quello dell'approfondimento tecnico. L'idea è quella di dare vita ad una serie di "corsivi" che presentino la PA vista con gli occhi di un non-esperto e stimolino il dibattito. Iniziamo questo percorso con un tema caldo, anzi caldissimo, che non mancherà certamente di sollevare commenti: la lotta all'assenteismo! Chiudo augurando a vuoi buona lettura e un grande in bocca al lupo a Tiziano per questa nuova avventura.
Carlo Mochi Sismondi

Leggi tutto