Cerca: energia

Risultati 121 - 130 di 132

Risultati

Analisi del caso dell’azienda Salerno Energia S.p.a.

Matteo Picardi enuclea le fasi che hanno portato all’attuale struttura societaria dell’azienda Salerno Energia S.p.a. L’impatto della liberalizzazione ha comportato una nuova struttura organizzativa che ha richiesto l’inserimento di nuove figure professionali determinando anche un ritorno a Salerno di giovani professionisti che avevano maturato esperienze in altre aziende. Picardi sostiene che la credibilità di un’azienda si costruisca quotidianamente offrendo buoni servizi ai cittadini, senza pensare esclusivamente ai profitti.

L’Autorità Garante per la concorrenza ed il mercato: un organismo super partes

Roberto Malaman parla degli enti regolatori dell’energia e del ruolo dell’Italia in questo nuovo mercato. Sottolinea l’importanza dell’autonomia e dell’indipendenza dell’Autorità per garantire la stabilità della regolazione negli scenari di lungo periodo. Aggiunge che il regolatore dovrebbe avere lo stesso atteggiamento nei confronti di un soggetto pubblico o privato. Ritiene che la trasparenza sia un elemento fondamentale. Parla della rivoluzione organizzativa messa in atto a livello europeo intorno ai temi della liberalizzazione e delle autorità a garanzia della concorrenza nel mercato.

Il ruolo della comunità montana per la tutela dell’assetto idrogeologico e la valorizzazione del territorio

Enrico Borghi spiega il ruolo della comunità montana per la tutela dell’assetto idrogeologico nel Paese. Descrive il piano nazionale per le forestazioni e ne sottolinea l’importanza per la valorizzazione del patrimonio ambientale nazionale. Parla della ridefinizione del ruolo della comunità montane nel nuovo assetto istituzionale. Sottolinea l’importanza di definire lungimiranti politiche di forestazione e ribadisce il ruolo della comunità montana nella potenziamento della risorsa bosco e nell’innesco della filiera delle energie rinnovabili.

Le opportunità della certificazione energetica degli edifici

Roberto Moneta affronta la questione della certificazione energetica degli edifici indicando i benefici ambientali e i vantaggi fiscali che è possibile avere. Naturalmente affinchè la certificazione venga adottata su larga scala è necessaria una programmazione energetica adeguata attraverso norme e leggi che siano di sostegno a quelle già esistenti come la Direttiva 2002/91dell'Unione Europea. Necessario è un migliore coordinamento tra Amministrazione Centrale, Regioni e Enti Locali.

Le liberalizzazioni verso un disarmo bilanciato di tutte le corporazioni

Luigi Taranto constata il processo virtuoso che si è innestato a partire dal 1998 e ritiene occorra porsi un obiettivo sfidante ma indispensabile in tema di liberalizzazioni: il disarmo bilanciato di tutte le corporazioni. Propone una riflessione sul metodo della definizione delle politiche che riescano ad avere un traguardo più ampio dell’hic et nunc. Deve essere chiaro che il processo delle liberalizzazione rifiuta l’azione asimmetrica nel sistema. Propugna la costituzione di un’agenda delle priorità.Leggi tutto

Le liberalizzazioni e il mercato delle telecomunicazioni

Rosario Trafiletti sottolinea i ritardi del nostro paese sulla strada della maturazione culturale in materia di liberalizzazione. Sostiene che le politiche di liberalizzazione dovrebbero emanciparsi dalle ideologie che adesso le soffocano. Propone una serie di riflessioni sugli interessi che sono stati toccati dalle liberalizzazioni. Ribadisce la necessità di liberalizzare il mercato dell’energia elettrica poiché la ritiene un’azione che porta vantaggi a tutti i cittadini. Parla della questione delle reti di telecomunicazione e del dibattito intorno alle liberalizzazioni.

I costi sociali ed ambientali dei mancati investimenti in infrastrutture

Per Mario Ciaccia, non realizzare infrastrutture in Italia avrà un costo stimato di circa 200 miliardi di euro da qui al 2020. In particolare, la carenza di opere funzionali allo sviluppo comporterà un costo pari a 30 miliardi di euro nel comparto ambientale, dove sarebbero necessari 100 termovalorizzatori ed 80 impianti di compostaggio; 40 miliardi di euro nel settore dell’energia per la carenza di investimenti nella rete elettrica funzionale allo sfruttamento ottimale degli impianti di generazione; 133 miliardi nell’ambito della viabilità stradale.Leggi tutto

Centro di Competenza sulle Fonti di Energia Rinnovabile

Il progetto prevede lo sviluppo in Sardegna del Centro di Competenza FER con l'obiettivo generale di focalizzare le competenze di punta presenti nei settori della ricerca avanzata, dello sviluppo e della produzione di energia rinnovabile in un sistema integrato a supporto di uno sviluppo innovativo e competitivo del territorio. L'obiettivo operativo è quello di realizzare un complesso di laboratori di progettazione, prototipazione e sviluppo incentrato sul tema delle energie rinnovabili.

Ascuolaconenergia

Ascuolaconenergia si articola su due interventi: il primo, rivolto all'ultimo anno delle scuole primarie, attraverso laboratori dove si apprenderà giocando, si propone l'obiettivo di avvicinare i bambini alle tematiche relative al risparmio energetico; con il secondo, è stato bandito un concorso, al quale potranno partecipare tutte le scuole medie inferiori e superiori campane, finalizzato alla preparazione di una campagna di comunicazione sul tema del risparmio energetico e delle sue positive ricadute sull'ambiente.

2006 energia dallo spazio

Il progetto ha l'obiettivo di lavorare con le scuole e le famiglie sul tema dell'energia e del risparmio energetico. Il lavoro complessivo ha visto dapprima coinvolte con un questionario le famiglie degli studenti delle scuole medie localizzate nel Comune di Reggio Emilia per realizzare una semplice diagnosi energetica delle case, mentre è stato attivato nel successivo anno scolastico un progetto didattico pilota in una scuola elementare, una media e due classi di scuole superiori.