Cerca: Altro, Governance

Risultati 41 - 49 di 49

Risultati

La prevenzione con il GovCERT ed i CERT-SPC

Gianluigi Moxedano presenta il progetto GovCERT, istituito nel 2005 su proposta del Comitato tecnico nazionale sulla sicurezza informatica e delle telecomunicazioni nelle pubbliche amministrazioni. Il GovCERT rappresenta un punto di riferimento centralizzato per tutti i gruppi di risposta agli incidenti informatici, i cd. CERT-AM, creati nelle pubbliche amministrazioni in osservanza della direttiva 16/1/2002.Leggi tutto

ITALIA 2.0 - La rete come strumento di Innovazione

Le tecnologie possono rendere più efficiente ed ottimizzare maggiormente il processo di trasformazione in atto nella PA e nel sistema Paese, sostiene Sergio Gianotti. Tra le sfide che oggi la PA può affrontare grazie all’IT si pone, accanto a tematiche tradizionali come soddisfare le aspettative di cittadini o riconciliare la mancanza di standardizzazione dei sistemi tra le differenti agenzie, la necessità e possibilità di creare uno sviluppo sostenibile.

Leggi tutto

Lo scenario della riforma della Carta delle Autonomie

Per Gian Candido De Martin lo scenario attuale ben si sposa con lo slogan di Forum PA “Innovare per crescere”. Dopo anni di inerzia da parte di Governo e Regioni per l’attuazione della riforma del Titolo V del 2001, ci si sta muovendo e in questo percorso, complesso e ricco di difficoltà, le Autonomie Locali possono giocare un ruolo decisivo. Già la riforma Bassanini aveva avviato un ripensamento del sistema amministrativo ed oggi si tratta di mettere ordine nella distinzione delle funzioni del nostro ordinamento e nell’allocazione delle risorse

Elementi imprescindibili nella riforma della Carta delle Autonomie

Per Beniamino Caravita la riforma delle Carta delle Autonomie comporta tre esigenze. Innanzitutto bisogna essere rapidi nel riscrivere il testo dei rapporti tra Stato, Regioni ed Autonomie: non si può rischiare di perdere l’occasione anche in questa legislatura poichè il rischio è lo sfilacciamento dei sistemi istituzionali. In secondo luogo, non è necessario riscrivere un Testo Unico: basta operare interventi puntuali in attuazione dell’art. 117 lettera p e degli articoli 118 e 119 della Costituzione.Leggi tutto

Il ruolo di ASPNET nella Provincia di Roma

ASPNET nasce da un progetto di e-Gov della provincia di Roma, cui hanno aderito circa 107 comuni, spiega Michele Colangelo. La società può essere considerata come uno strumento informativo territoriale a disposizione delle amministrazioni locali, un punto di riferimento per tutti quei i comuni che non hanno al loro interno una struttura IT tale da poter erogare determinati servizi.Leggi tutto

I principi fondamentali del disegno di legge delega sul Codice delle Autonomie locali

Per Enrico Borghi all’interno del disegno di legge delega sul Codice delle Autonomie locali ci sono importanti principi. Innanzitutto, vi è la distinzione fra la titolarità e l’esercizio della funzione da parte dei comuni. In secondo luogo, si sancisce il fatto che vi sia un unico livello sovracomunale presso il quale vengano depositate tutte le funzioni che il comune da solo non riesce ad assolvere. Il terzo elemento comporta che la riduzione ad un solo livello sovracomunale, sia subordinata a criteri di efficacia ed efficienza.Leggi tutto

La definizione delle funzioni e dei poteri nella Carta delle Autonomie

Fabio Melilli giudica positivamente il lavoro già fatto sulla Carta delle Autonomie, soprattutto per quanto riguarda il confronto tra Regioni, Autonomie Locali e Governo. Lo scopo principale del testo è quello di attribuire e definire funzioni e poteri degli Enti. Una perplessità riguarda la costruzione delle norme sul federalismo fiscale: in questo ambito il disegno di legge presentato dal Governo non ha la stessa chiarezza.Leggi tutto

Telemedicina via satellite per l'assistenza degli italiani all'estero: il progetto NEAR TO NEEDS

Claudio Dario presenta il progetto di telemedicina Near to Needs realizzato in collaborazione con l’ESA, la ULSS di Treviso e il Timisoara County Hospital. In un contesto sociale ed economico totalmente differente rispetto al passato, in cui si registra una forte presenza di aziende venete e italiane nella Regione rumena di Timis, il progetto si prefigge di fornire assistenza medica agli italiani presenti superando le barriere geografiche tra i due Paesi grazie all’utilizzo della telemedicina.

Il Fascicolo Sanitario Elettronico nel progetto Rete dei Medici di Medicina Generale/Pediatri di Libera Scelta

Katia Colantonio presenta il progetto sul Fascicolo Sanitario Elettronico nell’ambito della Rete dei Medici di Medicina Generale. L’obiettivo è di creare un’infrastruttura del Fascicolo Sanitario Elettronico e di realizzare una rete in cui ci sia maggiore integrazione tra i medici, le strutture e gli operatori del Sistema Sanitario Nazionale. Il progetto ha come punto di riferimento alcuni documenti (decreti legislativi, tavoli di lavoro ecc…) grazie ai quali, già dagli anni precedenti, si sono poste le basi per la creazione del fascicolo sanitario elettronico.