Cerca: Caso, Città e territorio, smart cities

Risultati 31 - 40 di 46

Risultati

Barcellona Smart City: capire il valore della conoscenza e della collaborazione

Barcellona è diventata rapidamente un punto di riferimento a livello internazionale sul tema smart city. Ad oggi, la strategia proposta dalla città catalana continua a suscitare un forte interesse ed è riconosciuta come una pratica di successo da cui prendere esempio. Per questo motivo diventa utile cercare di capire come questa iniziativa sia stata strutturata e quali siano i pilastri su cui poggia in termini non soltanto tecnologici ma anche sociali e culturali, dato che, il successo del ‘Modello Barcellona’ risiede proprio nella parola ‘cultura’ e nell’apertura mentale di una città che ha compreso ormai da anni il valore della conoscenza e della collaborazione quali strumenti per migliorare il funzionamento di un contesto urbano e delle sue infrastrutture. Gli stessi concetti che dovrebbero trovarsi alla base di ogni strategia smart city.

Leggi tutto

Modelli di quartieri intelligenti dal Sud al Nord Italia: Napoli e Trento, due esperienze a confronto

Due città molto distanti tra loro, sia geograficamente, sia culturalmente, che riflettono le loro differenze nella progettazione e realizzazione di quartieri intelligenti. Napoli e Trento, entrambe città dell’Osservatorio Nazionale Smart City ANCI (iniziativa in partnership con FORUM PA), hanno scelto infatti l’una un modello partecipativo “dal basso”, l’altra una robusta pianificazione dall’“alto” per dare vita a due quartieri smart nei rispettivi territori.

Leggi tutto

£24m technology prize to transform Glasgow in the future city

Last year, the UK government launched a £24m competition for a large-scale demonstrator in its hunt for ideas for a "future city". Local authorities of urban areas with a population of at least 125,000 were asked to enter the Future Cities Demonstrator competition, which is funded by the Technology Strategy Board.

Leggi tutto

24 milioni di sterline per trasformare Glasgow nella città ideale del futuro

L'anno scorso il governo britannico ha lanciato un bando da 24 milioni di sterline con lo scopo di stimolare la ricerca di nuove soluzioni tecnologiche per la realizzazione di un modello di "città futura". La città che ha vinto il finanziamento è stata Glasgow che ha battuto la concorrenza di oltre 30 città da tutta la terra di Albione e di realtà importanti come Londra, Bristol e Peterborough.

Leggi tutto

Smart city: Aosta città Digitale

Le Smart Cities, città di medie dimensioni capaci di coniugare sostenibilità e competitività, trovano il loro punto di forza proprio nella ridotta estensione territoriale. È la flessibilità che ne deriva, secondo gli studiosi, a renderle 'smart', in altre parole intelligenti, dinamiche. Il tema delle Smart Cities, anche per Aosta si sta imponendo come elemento chiave della strategia per rendere più efficaci ed efficienti i servizi pubblici, come previsto nel programma di governo della Giunta del Sindaco Bruno Giordano, approvato dal Consiglio comunale nel maggio 2010. In particolare, l’obiettivo della Governo cittadino, è di rendere sempre più semplice per i cittadini l’effettuazione di pratiche in via telematica, comodamente da casa, senza dover affrontare gli spostamenti in automobile e le code allo sportello.

Leggi tutto

Vauban district, come un quartiere ecologico può essere anche intelligente

Nel 1993 la municipalità di Friburgo, in Germania, acquista dalla Federal Authorities, per venti milioni di euro, il sito dell'ex caserma francese di Vauban e avvia la pianificazione di un distretto tutto basato sulle energie rinnovabili. Il dominio del petrolio è ancora assoluto quando in questo lembo di terra si pensa di dare vita ad un distretto completamente green basato sulla cooperazione e la partecipazione degli abitanti per incontrare i bisogni sociali, culturali, economici ed ecologici del posto. Il Vauban district si sviluppa su 38 ettari ed ospita 5.000 abitanti e 600 lavoratori.

Leggi tutto

Helsinki Smart City: come migliorare i servizi ed i prodotti attraverso piattaforme di condivisione dati

La città di Helsinki si è trasformata in laboratorio urbano per testare tutte le tecnologie necessarie per migliorare la vita dei suoi cittadini. Open Data, Living Labs, crowdsourcing e rete internet sono i quattro temi su cui si sviluppano i progetti disegnati da Forum Virium Helsinki’s Smart City Project Area. Lo scopo è sviluppare servizi urbani digitali, fruibili da dispositivi mobili, che permettono un miglioramento dello stile di vita e del lavoro. Una sperimentazione strategica che integra la vita di tutti i giorni con l’ambiente urbano.

Leggi tutto

Manchester Smart City: una strategia digitale per le comunità locali

Il 14 dicembre 2010 la città di Manchester viene scelta come apri pista dell’iniziativa europea, da 2 milioni di sterline, chiamata “Internet for Smart cities”. Obiettivo è quello di coinvolgere quanta più popolazione possibile, dai residenti ai business men, per testare nuove applicazioni e nuovi servizi indirizzati al miglioramento del proprio stile di vita e di lavoro. Tutto si appoggia su una strategia digitale che prevede la dotazione di una rete internet ultra veloce facilitando, così, i rapporti tra le persone, e tra i diversi attori impegnati nel cambiamento della città in una smart city.

Leggi tutto

Smart City Malta: un distretto ICT gateway del Mediterraneo

Situata nel cuore del Mediterraneo, Malta vuole diventare “gateway” tra il mercato europeo e quello del Nord Africa focalizzandosi sull’economia della conoscenza (knowledge based economy). Join venture tra la società SmartCity di Dubai e il governo locale, il progetto SmartCity-Malta è stato sottoscritto nel 2007 dal Primo Ministro, Lawrence Gonzi, ed avrà un costo finale stimato pari a 275 milioni di euro. Un’area urbana di circa 360mila metri quadri, diventerà entro il 2021, un vero e proprio Cluster ICT e Media. Un parco tecnologico a cui verrà affidato il compito di rilanciare l’economia dell’intera isola.

Leggi tutto

Il V-Pole di Vancouver: un’architettura intelligente per una città intelligente

Si parla spesso di arredo urbano intelligente, ma raramente si capisce di cosa si sta parlando. Il 14 maggio 2012 è stato presentato al New Cities Summit di Parigi il V-Pole, un semplice palo progettato per la città di Vancouver, che ingloba molti servizi di pubblica utilità. Pensato come soluzione per ridurre la complessità urbana, il V-Pole è sottile, modulare e connesso con la fibra ottica al sottosuolo. Colorato e multiuso, il palo intelligente si propone di offrire connessione wi-fi e mobile wireless, illuminazione pubblica a LED, ricarica per le vetture elettriche, pagamento dei ticket per i parcheggi e bacheca informativa sul consumo elettrico del quartiere, oltre a garantire notevoli risparmi per l’amministrazione.

Leggi tutto