Cerca: infrastrutture di rete

Risultati 61 - 70 di 79

Risultati

La continuità operativa in INPS. L'esperienza del CUB

Dal 2003 l’INPS si è dotata di una soluzione di Disaster Recovery e Business Continuità, spiega Dionigi Spadaccia, per far fronte ad esigenze quali la protezione degli asset dell’Istituto, (dati, patrimonio software e hardware), l’affidabilità e la continuità dei servizi erogati e il ripristino dei servizi critici a seguito di disastro informatico.Leggi tutto

La razionalizzazione delle infrastrutture IT: una metodologia di intervento

Il Prof. Guido Russo spiega quale metodologia sia stata adottata dall’Università Federico II di Napoli per razionalizzare i vari CED dell’ateneo, in conseguenza dei cambiamenti avvenuti negli ultimi anni. I fattori che avevano portato alla proliferazione dei CED, in particolare la mancanza di buone reti di telecomunicazioni in Italia, stanno infatti pian piano cambiando e sempre più numerosi sono i servizi centralizzati e le applicazioni web-based.Leggi tutto

L'osservatorio della sicurezza

Gianfranco Pontevolpe presenta le attività dell’Osservatorio della sicurezza. Questa funzione, che il CNIPA svolge istituzionalmente da diversi anni, mira a rilevare lo stato di sicurezza della Pubblica Amministrazione.Leggi tutto

La razionalizzazione delle infrastrutture tecnologiche in INPDAP

L’Inpdap presenta una situazione particolare, afferma Giovanni Leonetti, in quanto nasce dalla fusione di più enti, consolidati intorno al 1994/95, ed ereditando le più disparate piattaforme tecnologiche in ambiente legacy. Si è quindi partiti da una definizione degli obiettivi da raggiungere, primo tra tutti la razionalizzazione dei CED, e da un assessment generale dell’esistente.Leggi tutto

Il consolidamento delle infrastrutture tecnologiche e il miglioramento dell'organizzazione nell'Amministrazione giudiziaria

Francesco Baldoni presenta una panoramica delle criticità strutturali e degli obiettivi strategici del Ministero della Giustizia. Tra le criticità rientrano l’elevato costo dell’assistenza tecnica sul territorio, la disomogeneità dell’erogazione dei servizi e la disomogeneità nella distribuzione del personale. È quindi necessario utilizzare in modo più efficiente le risorse disponibili, ma soprattutto realizzare infrastrutture che forniscano fondamenta solide ai Sistemi Informativi dell’Amministrazione, per ottenere maggiore affidabilità del servizio e risparmio nei costi di gestione.

L'incremento dell'efficienza gestionale delle infrastrutture tecnologiche distribuite sul territorio

È sempre necessario razionalizzare il CED, spiega Vincenzo Camillacci, anche in una struttura come il MEF che comunque parte da una base di centralizzazione delle applicazioni. I CED dei 4 dipartimenti che oggi costituiscono il Ministero, infatti, sono già legati in servizi di interoperabilità o servizi di tipo verticale.Leggi tutto

L'esperienza di razionalizzazione del Comune di Roma

Luigi Baldoni ci parla di un aspetto particolare della razionalizzazione, ovvero del consolidamento della piattaforma UNIX-AIX attualmente in corso presso il Comune di Roma. Il triplice ruolo di metropoli, capitale della Repubblica e sede del Vaticano rende Roma una realtà indubbiamente complessa che, per ciò che concerne solo la parte tecnologica, oggi si assesta sulle 13000 postazioni fisse e 500 mobili.Leggi tutto

L’introduzione di SPC come strumento di sicurezza nella PA

L’argomento dell’ICT nella PA è di grande rilevanza, sostiene Emilio Frezza, e le attività dell’osservatorio della sicurezza, che il CNIPA svolge da alcuni anni, ci danno un panorama della situazione attuale.Leggi tutto

Sicurezza di SPC

Mariangela Fagnani spiega quali siano i requisiti principali della sicurezza di SPC, ovvero lo sviluppo di un dominio affidabile (Trusted), costituito da una federazione di domini di sicurezza in cui i diversi soggetti si impegnano reciprocamente nell’attuazione delle misure di sicurezza, e quale sia il ruolo del Centro di Gestione di SPC.Leggi tutto

La razionalizzazione delle infrastrutture come strumento di riduzione della spesa e come leva strategica per il cambiamento organizzativo

Il tema della razionalizzazione delle infrastrutture nasce negli anni ’90, spiega Gaetano Santucci, quando si è sviluppato un filone di pensiero che ha portato all’elaborazione di architetture e metodologie basate su sistemi informativi distribuiti. Nel corso del tempo ci si è tuttavia resi conto che il total cost of ownership era molto elevato e si è iniziato a parlare di razionalizzazione delle infrastrutture come strumento di riduzione della spesa.Leggi tutto