Cerca: Saperi PA, Efficienza, affidamento in house

6 risultati

Risultati

Il Consiglio di Stato delinea i requisiti dell’in-house providing

Un'amministrazione può delegare tutta la gestione della propria infrastruttura IT e procedere all'affidamento dei servizi infromatici ad una società in-house, senza rivolgersi al mercato? Per il Consiglio di Stato sì, se... Nell'ambito della collaborazione con lo Studio Legale Lisi presentiamo l'approfondimento di Sarah Ungaro.

Leggi tutto

In house di informatica: un network cooperativo

Gli specchi di Ferrara (1)

by marco belli

Non un sindacato né una lobby. Giulio De Petra, da sempre fautore di una visione cooperativa dell'innovazione, fuga subito ogni dubbio sulla natura della neo-costituita associazione tra le aziende regionali di informatica, presentata a FORUM PA. In un momento in cui lo Stato-azienda nelle sue diverse articolazioni (partecipate, in house, agenzie varie) è messo in discussione perché non sempre si percepiscono i risultati mentre, al contrario, i costi sono evidenti, le in house regionali di informatica fanno rete per mettere a fattore comune le esperienze e le competenze acquisite nei diversi ambiti di innovazione. E quindi per fare di più, meglio e senza spreco di risorse. Un esempio di federalismo che funziona. Forse perché nato dal basso e non promosso dall'alto.

Leggi tutto

Gli appalti e l’in house

Quello dei rapporti tra gli appalti e l’in house è uno dei settori in cui l’intreccio fra diritto privato e diritto pubblico è maggiore ed in cui sono più evidenti gli aspetti di criticità. Marco Lipari nel suo intervento sull’affidamento in house e sullo schema delle società miste illustra il quadro di riferimento normativo sia di derivazione comunitaria che di diritto interno evidenziandone le incertezze interpretative.

Il ruolo del Concessionario

Pier Renzo Olivato presenta il punto di vista della società concessionaria indicando i punti principali che costituiscono la convenzione con l’azienda concedente; in particolare pone l’attenzione su alcuni aspetti innovativi come la scelta delle società erogatrici dei servizi, il valore del Canone, di cui una parte è interamente investita in tecnologia e infine il Nucleo di Valutazione. Altra questione affrontata è l’integrazione tra il sistema informativo dell’Asolo Hospital Center e il sistema Ref della ULSS di Asolo.

Il Project Financing nella Pa. L'esperienza degli Ospedali di Castelfranco Veneto e Montebelluna

Alessandro Vanzetto introduce gli obiettivi della concessione in regime di finanza di progetto per l’ammodernamento dei due ospedali di Castelfranco Veneto e di Montebelluna soffermandosi sui servizi e sulle attività di controllo e monitoraggio del concessionario.

Reingegnerizzazione dei sistemi informativi e di controllo. Il caso degli ospedali di Castelfranco Veneto e Montebelluna

Mario Po approfondisce gli aspetti relativi al Ref-monitor soffermandosi sull’importanza di una integrazione tra il Ref e gli altri sistemi informativi che gestiscono gli altri settori (contabilità, bilancio, tecnologia clinica ecc…); questo consentirebbe, nel caso della tecnologia clinica, un costante monitoraggio dell’attività produttiva e un’analisi della stessa volta al miglioramento dell’organizzazione.

Leggi tutto