Cerca: Saperi PA, Governance, Atti FORUM PA 2007

Risultati 61 - 70 di 133

Risultati

Piano Strutturale e pianificazione strategica

Federico Oliva considera la pianificazione strategica uno degli strumenti più importanti di governo del territorio, insieme ai piani territoriali ed ai piani di riqualificazione urbana. Tuttavia, parallelamente alla diffusione di questa pratica, esiste un rischio di omologazione fra le varie esperienze, che va contro la natura stessa di un Piano Strategico che per definizione è strettamente legato alle specificità di un’area; il Relatore è pertanto contrario a codificare la pianificazione strategica nella normativa regionale.Leggi tutto

Il passaggio dalla prima ad una seconda generazione dei Piani Strategici

Per Pasquale Persico la prima generazione di Piani Strategici ha fatto maturare la consapevolezza nelle città e nei territori, della necessità di concepirsi come organizzazioni complesse. Obiettivo dell’incontro, inoltre, è quello di valutare se sia possibile passare ad una seconda generazione di Piani Strategici, che faccia parte di una politica economica delle città e delle aree vaste. Il Relatore, quindi, propone ai partecipanti l’ascolto di un concerto per pianoforte, per far comprendere quale può essere il potenziale di un’area.Leggi tutto

La pianificazione strategica ed i rapporti tra amministrazioni locali e territorio

Francesco Boccia ribadisce come il Dipartimento per lo Sviluppo delle Economie Territoriali sia impegnato e creda nella valorizzazione delle best practice di sviluppo locale. In questa quinta edizione del progetto Sfide, il tema scelto è quello della pianificazione strategica ed il campione di esperienze a disposizione permette una valutazione degli aspetti virtuosi e delle contraddizioni che regolano i rapporti tra amministrazioni locali e territorio.Leggi tutto

Il ruolo della politica nella pianificazione strategica: l’esperienza di Bolzano

Renzo Caramaschi, citando l’esempio di Bolzano, afferma la sua contrarietà a ricorrere ad incarichi esterni quando si intraprende un processo di pianificazione strategica; è necessario, infatti, coinvolgere la struttura interna dell’ente: tutta l’Amministrazione deve partecipare in modo convinto, e la politica deve fare un passo indietro e lasciare che le diverse parti della società civile conferiscano il loro apporto.Leggi tutto

La gestione associata dei servizi ICT tra i Comuni della Provincia di Bologna

Rossella Bonora parla del passaggio ad un modello in cui i servizi informatici del piccoli comuni sono condivisi. Nella Provincia di Bologna i servizi ICT condivisi coincidono con le nove gestioni associate territoriali e sono finanziate dalla Regione, dalla Provincia e dai comuni interessati. Tali iniziative sono state prese lì dove c’era un committment politico molto forte e si sono sviluppate secondo una logica di dialogo e di cooperazione applicativa ed interistituzionale.

Leggi tutto

I presupposti per il successo delle Alleanze Locali per l’Innovazione

Giancarlo Capitani, riallacciandosi al discorso di Stefano Bucci sugli standard tecnologici, sottolinea come uno dei principali ingredienti del successo delle Alleanze Locali per l’Innovazione sia la realizzazione dei presupposti non tecnologici, come il cambiamento culturale di chi opera all’interno dell’Amministrazione e la razionalizzazione dei processi. Per realizzare l’idea di una Pubblica Amministrazione integrata a livello locale e sovralocale, inoltre, è necessario gestire una regia unificata nell’erogazione dei servizi.

Il Piano Strategico della Provincia di Belluno

Irma Visalli racconta come la Provincia di Belluno abbia iniziato, da circa un anno, un processo di pianificazione strategica producendo un documento preliminare, costituito da assi e obiettivi strategici, azioni e progetti. L’Amministrazione è impegnata in uno sforzo di riflessione sul futuro e sulla ridefinizione del proprio modello di sviluppo, che ha vissuto un momento di crisi legato a fenomeni di industrializzazione e di spopolamento delle aree dell’arco alpino.Leggi tutto

Internazionalizzazione in rete

L’Italia è un Paese dalle grandi risorse, dai territori più variegati, dalle associazioni di categoria molto attive e ciò spesso implica molteplicità delle iniziative, da un lato, e mancanza di collegamento fra le stesse, dall’altro.Leggi tutto

Una cabina di regia per la definizione del Piano Nazionale forestale: la proposta dell’Uncem

Oreste Giurlani sottolinea la necessità della presenza dell’Uncem nella cabina regia per la definizione del piano nazionale di forestazioni. Sostiene che è fondamentale capire come si collega la programmazione regionale a quella nazionale. L’esperienza toscana dimostra, a suo parere, che la gestione delle comunità montane del patrimonio forestale produce semplificazione delle procedure nei confronti dei cittadini.

L'ammodernamento per la FIMMG: integrazione sociale e continuità assistenziale

I Medici di famiglia guardano all’ammodernamento del Sistema Sanitario Nazionale con estremo interesse sottolineando però la necessità di non soffermarsi solo sul punto di vista tecnologico. Secondo Giacomo Milillo la situazione, a cui devono far fronte i medici di medicina generale, vede una forte instabilità sociale; oggi è auspicabile una maggiore integrazione sociale dei soggetti a rischio (giovani, anziani ecc..), una migliore continuità assistenziale (vedi Casa della Salute), individuare sistemi per risolvere il problema delle cronicità.Leggi tutto