Cerca: Saperi PA, Governance, Atti FORUM PA 2007, autonomia

Risultati 1 - 10 di 12

Risultati

Federalismo fiscale e gestione della finanza degli Enti Locali

Per Santo Grasso, negli ultimi anni, sull’onda della normativa improntata a principi di decentramento amministrativo, si è ricorso sempre più spesso all’applicazione di nuove modalità di gestione di servizi comunali, all’interno di rinnovati assetti costituzionali.

Leggi tutto

La ricerca di Legautonomie ed Unicredit sulle scelte di indebitamento degli Enti Locali

Fabrizio Pezzani illustra le linee guida ed obiettivi della ricerca condotta da Legautonomie ed Unicredit, con lo scopo di monitorare le scelte di indebitamento degli Enti Locali. Il Relatore nel suo intervento sottolinea come il modello federale non sia una scelta politica, ma riguardi la capacità di adattamento ad una realtà economica che muta in maniera rapida ed imprevedibile. In questo contesto gli Enti Locali devono avere un assetto istituzionale ed organizzativo flessibile, in grado di anticipare i mutamenti.

Leggi tutto

Il ruolo dei Direttori Generali e la verifica del loro operato. L'esperienza nella Regione Toscana

Per Gianfranco Sassoli, ciò che va tenuto in considerazione nei rapporti con i clinici è che il manager stesso non può prescindere dai medici o dal corpo infermieristico ma è necessario capire e fissare i ruoli di ciascuno per evitare interferenze; è necessario inoltre recuperare il rapporto con gli Enti locali e le Società della Salute in Toscana sono un’ottima esperienza per un coinvolgimento più attivo delle ASL con quelle strutture più vicine ai cittadini.

Leggi tutto

Gli elementi chiave per una maggiore autonomia e responsabilità della dirigenza

Valerio Fabio Alberti introduce il convegno “Autonomia e responsabilità dell’alta dirigenza: quale governance per le aziende sanitarie e ospedaliere” soffermandosi sui processi di aziendalizzazione e indicando 4 punti chiave di discussione sul tema: il rapporto con i clinici (governo clinico) ovvero il rapporto tra management e professionisti; il rapporto delle aziende con le istituzioni locali; il concetto di area vasta e una maggiore collaborazione in rete di più aziende sanitarie e un coinvolgimento attivo dei singoli Direttori Generali; il rapporto tra Regioni e aziende sanitarie.Leggi tutto

La Clinical Governance: i Direttori Generali e il loro rapporto con i professionisti.

Nel suo intervento, Angelo Lino Del Favero analizza l’evoluzione del concetto di azienda dagli inizi degli anni novanta ad oggi soffermandosi sul ruolo dei Direttori Generali e sul loro rapporto con gli Enti Locali e i professionisti.Leggi tutto

I rapporti con la Politica e i contratti dei dirigenti

Francesco Ripa di Meana risponde alle domande di Roberto Turno sui rapporti dei Direttori Generali con la Politica indicando la posizione e il punto di vista della FIASO sul tema. Per Ripa di Meana è normale che le Regioni scelgano i manager dal proprio interno sulla base dell'indirizzo politico ma è auspicabile tuttavia un confronto a livello nazionale. Ripa di Meana si esprime inoltre sul management in sanità, sui rapporti con i clinici e con la Politica e sulla formazione di una classe dirigente adeguata.

I rapporti con la Politica e i contratti dei dirigenti

Pier Natale Mengozzi risponde alle domande di Roberto Turno sui rapporti dei Direttori Generali con la Politica e sulle questioni legate ai contratti dei dirigenti anche da un punto di vista economico. La Politica in sanità, secondo Mengozzi, è una realtà che varia a seconda delle regioni; Federsanità pensa che sia necessario intervenire nella scelta, a livello nazionale, dei dirigenti per assicurare la qualità dei risultati da raggiungere.Leggi tutto

Le Province e il loro ruolo per la semplificazione.

Leonardo Michele Lo Tufo nel suo intervento sottolinea le enormi difficoltà esistenti nel creare una filiera istituzionale tra i vari livelli portando, in alcuni casi, ad esiti nefasti e si sofferma sul ruolo delle Regioni e sulla loro attività evidenziando le grandi differenze tra il nord e il sud in termini di pubblica amministrazione e di gestione. Lo Tufo pone l'accento sul ruolo della Provincia quale strumento di semplificazione e ente di raccolta di compiti, oggi svolti da altri organi, i cui benefici possono essere avvertiti in una riduzione dei costi della politica.

Il principio di sussidiarietà. L'evoluzione del ruolo dell'Ente Locale

Angelo Di Caprio si concentra sul principio di sussidiarietà applicato ai vari enti relativamente al trasferimento di determinate funzioni ai livelli superiori. Oggi ogni ente è in grado di decidere, da un punto di vista normativo, il proprio ordinamento locale senza tuttavia dimenticare l’importanza di una forte collaborazione con gli altri enti. Infatti il principio di leale collaborazione è la chiave di accesso per il principio di sussidiarietà.Leggi tutto

Enti Locali e cittadini

Nel disegno di legge delega per la costituzione della Carta delle Autonomie è racchiuso un aspetto importante: l’apertura di un percorso nuovo rispetto agli anni passati. Oggi si assiste ad un rapporto più maturo tra cittadino ed ente locale e più propriamente tra cittadino e PA. Liborio Iudice llo nel suo intervento affronta vari argomenti legati alla semplificazione, all’associazionismo e aggregazione dei Comuni più piccoli per uno scambio di competenze ed esperienze, il cittadino al centro del sistema ecc….