Cerca: Saperi PA, Sviluppo e Competitività, formazione

Risultati 11 - 20 di 56

Risultati

Digital Divide di genere, Agenda Digitale e impatto sulla società

L'inclusione di quei cittadini che non hanno accesso ai benefici della società dell'informazione è diventato uno dei punti cardine dell'Agenda Digitiale Italiana così come lo è di quella europea: se non si usano in modo appropriato ed efficiente i nuovi mezzi di comunicazione (internet e new media) sembra quasi inutile preoccuparsi degli aspetti procedurali e tecnologici della sanità digitale, dei pagamenti elettronici, della firma certificata o degli open data della pubblica amministrazione. Per quanto riguarda il divario digitale, l’Agenda Digitale Italiana individua poi nell’incentivazione del cosiddetto “target femminile” all’uso delle tecnologie per fini professionali nei campi della produzione e della progettazione di tecnologia una delle misure più rilevanti per la crescita del Paese.

Leggi tutto

Piemontefacile Expert: cresce la rete di professionisti ICT per l’innovazione negli Enti Locali

Aumentare le competenze di operatori e liberi professionisti ICT piemontesi in tema di servizi per la Pubblica Amministrazione. Nasce con questo obiettivo Piemontefacile Expert, un’iniziativa di formazione promossa da CSI Piemonte per creare una rete di esperti distribuita in modo capillare sul territorio e in grado di proporre agli Enti Locali servizi, assistenza e consulenza in modo autonomo o complementare all’offerta del CSI.

Leggi tutto

Mercato del lavoro regionale e le nuove sfide: istruzione formazione, apprendistato e orientamento.

Far in modo che le politiche per il lavoro siano al centro di quelle per lo sviluppo e rinnovare i servizi dedicati, attraverso una sussidiarietà sia verticale che orizzontale. Queste per Marco Lucchetti le sfide che attendono il nostro paese sul fronte occupazionale. In primo luogo è fondamentale passare ad una gestione territoriale anche al sistema dell'istruzione e della formazione professionale, sulla base del titolo V della riforma Costituzionale, secondo le necessità del mondo produttivo e del mercato del lavoro locale.

Leggi tutto

Mercato del lavoro e riforme: sostegno passivo, formazione e politiche attive e regime sanzionatorio.

Il tema occupazione-occupabilità ha assunto enorme rilevanza dal 2009, con l'avvento della crisi economica, ma già negli anni precedenti si sentiva la necessità di un profondo rinnovamento, per cui è stata adottata una lunga serie di provvedimenti in materia di mercato del lavoro e sistema del welfare. Così Matilde Mancini apre il suo intervento, offrendo un'ampia panoramica sulle principali norme attivate, in tema di sostegno passivo, formazione e politiche attive, nonché regime sanzionatorio, per approdare oggi al decreto legislativo sull'apprendistato.

Leggi tutto

Come affrontare il problema macroeconomico della spesa pubblica

Tria interviene su alcuni aspetti emersi dalla discussione e presenti nel documento AGDP: il concetto di cooptazione e corporazione e il ruolo della Scuola Superiore della PA in questo contesto; come affrontare il problema macroeconomico del taglio della spesa pubblica; l’espansione degli uffici di diretta collaborazione; i tagli lineari; la “lotta alle consulenze” e quanto queste pesino davvero sulla spesa pubblica o quanto, invece, l’uso del lavoro flessibile, se applicato in maniera corretta, possa costituire un risparmio; la razionalizzazione delle scuole di formazione pubbliche.

Leggi tutto

La formazione a distanza per la promozione della salute.

Pietro Dri illustra i vantaggi della formazione a distanza (FAD) nella promozione della salute, un settore in crescita in Italia, ma che è un altro strumento rispetto a quella residenziale e che finora è stato rivolto soprattutto ad un target secondario, gli operatori sanitari. Uno studio del 2005 ne dimostra la stessa efficacia a livello di conoscenza rispetto a quella classica, ma con la differenza che con la FAD la dimensione spazio-tempo è completamente cancellata, come dimostrato dal progetto ECCE .

Leggi tutto

"Capitale umano e pubblica amministrazione. Spunti analitici e questioni aperte" di Leonello Tronti

 “Il rapporto tra pubblica amministrazione e capitale umano dovrebbe essere analizzato secondo due prospettive, diverse ma non indipendenti: l’accumulazione e gestione del capitale umano del Paese, e quella del capitale umano dei dipendenti pubblici”. Sulla seconda si concentra l’articolato intervento di Leonello Tronti – Direttore Ufficio Formazione del personale delle pubbliche Amministrazioni, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento Funzione Pubblica, che riceviamo e con piacere rendiamo disponibile ai nostri lettori.

Leggi tutto

Un progetto formativo innovativo per una nuova PA

Il Mipaaf ha intrapreso da tempo un percorso di valorizzazione delle Risorse Umane, attraverso progetti ed interventi formativi che hanno, come obiettivo, la cura e l’attenzione verso le persone e lo sviluppo della motivazione verso il lavoro, La valenza di tali iniziative formative si è basata essenzialmente su tre elementi: la pluralità dei temi proposti, la formazione di alcune risorse interne, in qualità di tutor, il coinvolgimento attivo di molta parte del personale dell’Amministrazione.

Leggi tutto

Agenti del cambiamento nella PA: le agenzie di formazione

Se la modernizzazione della PA è cruciale per il Sistema Paese, la PA deve iniziare la sua corsa nell’adozione di una filosofia che si avvicini il più possibile a quella privata, che impone l’introduzione di criteri volti a conseguire efficacia, efficienza ed economicità. La formazione del capitale umano diviene uno degli ambiti di intervento per l’adozione di criteri di flessibilità, di processi virtuosi e di buone prassi.Leggi tutto

Il ruolo di Italia Lavoro all’interno delle necessarie azioni di sistema per le politiche del lavoro

Natale Forlani sottolinea che il sistema italiano delle politiche per il lavoro è eccellente dal punto di vista normativo ma che il retroterra stenta ad acquisire alcuni parametri fondamentali alla sua applicazione. La criticità fondamentale è data da un decentramento basato sul frazionamento delle competenze che ha provocato anche un’incapacità degli operatori di ricercare un’identità nell’ambito dell’erogazione delle politiche pubbliche.

Leggi tutto