Cerca: Saperi PA, Atti FORUM PA 2009, politiche sociali

Risultati 11 - 20 di 23

Risultati

Presentazione del libro bianco

Il Ministro Sacconi presenta il libro bianco “La vita buona nella società attiva” fornendone alcune chiavi di lettura. Quella che chiama la sua rivoluzione conservatrice è incentrata sul motto “omnium rerum mensura homo”: tutto l’impianto si basa sulla centralità della persona in sé e nelle sue fondamentali proiezioni relazionali. L’obbiettivo è quello di modificare un modello sociale rivelatosi di carattere risarcitorio e viziato da un intervento largamente successivo per giungere ad un nuovo modello che permetta di lavorare a monte della formazione del bisogno.

Enti Locali e rilancio delle imprese sequestrate

Oriano Giovanelli porta il saluto e il sostegno di Legautonomie all’iniziativa sottolineando il ruolo che gli Enti Locali possono svolgere nel rilanciare le imprese sequestrate alla criminalità organizzata.

Le proposte legislative per “l’antimafia del giorno prima”

Giuseppe Lumia presuppone la necessità di liberarsi delle modalità de “l’antimafia del giorno dopo” perché il Paese faccia una scelta che nella sua storia non ha mai fatto: quella di rendere la lotta alle mafie una grande priorità. In questo senso la Commissione parlamentare antimafia ha avanzato una serie di proposte, di cui però solo una parte sono confluite come emendamenti nel disegno di legge sulla sicurezza.Leggi tutto

La sicurezza urbana nel sistema normativo: benefici e complessità della sua applicazione

Luigi Scotti confrontando l’esperienza di Napoli con quella delle altre città italiane approfondisce la questione della sicurezza urbana rispondendo a quattro interrogativi. Era necessario modificare l’art. 54 del Testo Unico sugli Enti Locali? Come hanno funzionato le varie Ordinanze sindacali e quali problemi si sono verificati nei singoli contesti? Di quali supporti hanno bisogno i provvedimenti che fanno capo al Sindaco? Come si profila la sicurezza urbana alla luce del cosiddetto pacchetto sicurezza?

C’è più sicurezza insieme: un lavoro coordinato per un obbiettivo comune

Francesco Cirillo approfondisce la nozione di sicurezza urbana così come è stata introdotta recentemente nell’ordinamento italiano e sottolinea l’importanza di un approccio comune al problema che prevede la responsabilizzazione di tutti gli attori coinvolti: polizia, carabinieri, polizia locale, comuni, regioni, magistratura, associazionismo, imprese, mondo del volontariato, ecc. In ultimo il Vice Capo della Polizia si sofferma sul fenomeno dell’immigrazione evocandone i principali nodi di complessità.

Il nuovo modello di welfare per un cittadino non più solo

Gianni Alemanno esprime vivo apprezzamento per il libro bianco sostenendo che è la prima volta che un’autorità governativa evidenzia il fatto che la modernizzazione non può discendere semplicemente da elementi di aggiustamento tecnico ma deve discendere da una scelta di valori. Lo sforzo di non considerare l’individuo come un soggetto a se stante ma di prenderlo in considerazione all’interno del sistema di relazioni dentro cui si trova è per Alemanno un passo importantissimo.Leggi tutto

L'integrazione socio-sanitaria in Campania

Esposito analizza la complessità dei problemi sociali e sanitari della Campania e sottolinea la necessità di declinare i bisogni complessi ed essenziali della cittadinanza in diritti. Purtroppo la situazione economica di questi anni produce effetti nefasti e con l'aumento dei bisogni dei cittadini le risorse diminuiscono sempre più. Esposito presenta il piano e i progetti portati avanti dalla Regione Campania sul tema dell'integrazione socio-sanitaria.

Il fenomeno minori stranieri non accompagnati in Italia"

"Stefano Scarpelli propone una sintetica descrizione del fenomeno ""minori stranieri non accompagnati in Italia"", conoscibile attraverso la rete dei Comuni e delle Questure. Presentando l’attività del Comitato minori stranieri, sottolinea l’esigenza primaria di tracciare con esattezza il percorso dei minori in Italia, con il duplice obiettivo di fornire maggiore tutela ai ragazzi ed economicizzare il percorso per gli enti locali. "

Programma Nazionale di Protezione dei Minori Stranieri non Accompagnati, la sperimentazione

Virginia Costa presenta il Programma Nazionale di Protezione dei Minori Stranieri non Accompagnati, promosso dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali e realizzato dall’Anci. Il Programma sperimenta un sistema nazionale, decentrato e in rete, di presa in carico e integrazione dei minori stranieri non accompagnati nella fase di pronta accoglienza. Ad oggi sono 42 i Comuni coinvolti nell’accoglienza, 13 Regioni, 27 Province.

Il recupero della città come chiave di volta per la ripresa dalla crisi

In periodi di forte crisi diventa fondamentale la collaborazione tra governo centrale, regioni e enti locali. Nel caso della città di Napoli si è puntanto molto su pacchetti anticrisi studiati e realizzati in armonia tra le parti coinvolte e mirati a problemi concreti. Ma per il rilancio completo dell'economia, tenendo in considerazione le specificità di una città come Napoli, Oddati considera necessario partire dal rilancio della città nella sua complessità.