Cerca: Saperi PA, Città e territorio, sviluppo sostenibile

Risultati 1 - 10 di 31

Risultati

Eco-mobilità nelle città italiane. Dalla bici al car sharing alle auto a gas, a che punto siamo

Forse anche per merito della benzina alle stelle, la bicicletta sta riprendendo velocemente piede nelle città italiane, in testa Milano e Torino. Quest’ultima si classifica al primo posto nella classifica italiana delle città eco-mobili, pur mantenendo allarmanti livelli di inquinamento, seguita da Milano e Venezia. Battuta d’arresto per car sharing e mobility manager, boom di auto a gas a Ravenna, Ferrara e Bologna. Questo ed altro nel 5° Rapporto di Euromobility sulla mobilità sostenibile nelle principali 50 città italiane, rilasciato dall’Associazione Mobility Manager in chiusura del 2011.

Leggi tutto

Il ruolo degli enti locali per la diffusione dei principi di sostenibilità in edilizia: il Regolamento Edilizio ed il sistema di incentivazione per il risparmio energetico e la sostenibilità del Comune di Schio (VI)

 Per il perseguimento della sostenibilità di un territorio, un ente locale può utilizzare diverse strategie, e diversi strumenti a seconda dei settori in cui intende operare. Il Comune di Schio, in collaborazione con il Comune di Valdagno (VI), nel giugno del 2008 ha approvato un Regolamento Edilizio, correlato ad sistema di incentivazione volumetrica ed economica, per l’applicazione di principi di sostenibilità in edilizia.

Leggi tutto

Le città al confronto con Mobilità e Logistica: due problemi, una sola soluzione

L'evoluzione della mobilità delle persone, dei mezzi e delle merci all’interno dei contesti urbani, i servizi di informazione all’utenza e la gestione dinamica del traffico sono i problemi che gli amministratori pubblici devono affrontare per rispondere  al desiderio di libertà di spostarsi e fruire delle opportunità offerte dai centri urbani.

Leggi tutto

Si può cambiare questo mondo? L’innovazione sociale come metodo

Alzi la mano chi, almeno una volta, non ha pensato che la risposta fosse si. Nonostante suoni come il sogno lontano di bambini, come la domanda retorica a cui tanti in tutta onestà credono di non dover più rispondere, gli innovatori sociali lavorano per cambiare questo mondo. Non necessariamente perché inguaribili sognatori ma perché convinti che l’innovazione di cui le nostre economie hanno vitale bisogno o sarà sociale o non sarà sostenibile. Così partono piccoli-grandi progetti, in cui ciascuno mette i propri sogni e la propria professionalità in relazione con quelli degli altri, secondo il modello della rete. E non succede nel Terzo settore né sotto altre epiche etichette  ... Allora dove? E come? Ne parliamo  con Alberto Masetti Zannini, co-fondatore di the HUB Milano. A seguire l'intervista video e gli approfondimenti...da una lunga chiacchierata via skype.

Leggi tutto

L'affidabilità dei dati nel progetto "M.U.S.A. - Mobilità Urbana e Sostenibilità Ambientale"

Biagio Balistreri ricorda come il software a sostegno del progetto MUSA sia nato da una intuizione importante: assicurare l’affidabilità dei dati rilevati è la prima strada per valorizzare un patrimonio informativo. “Questo – spiega – è stato l’obiettivo dell’applicazione che abbiamo creato e su questa strada stiamo lavorando per migliorare ancora”.

Intervento al convegno "M.U.S.A. - Mobilità Urbana e Sostenibilità Ambientale"

Progetto M.U.S.A. a Palermo: verso un nuovo modello di sviluppo regionale

Mario Parlavecchio spiega  come la Regione Sicilia insieme al Comune di Palermo abbia ideato e messo in piedi il progetto MUSA. “La genesi del progetto -  spiega – risiede nell'urgenza che la questione ambientale ha per la Regione Siciliana e per il suo sviluppo”. “La Regione Siciliana – rivendica con orgoglio  - ha ad una serie di azioni in corso e altre in programma volte a disegnare un nuovo modello di sviluppo regionale in cui l’ambiente sia al centro”.

Il co-finanziamento e i servizi del Ministero dell'ambiente per gli enti locali

Giovanna Rossi  presenta l’approccio e l’impegno del Ministero dell’Ambiente nelle strategie di co-finanziamento ai progetti delle autonomie locali. “Il punto centrale – spiega – è la conoscenza della realtà, da cui partire per disegnare iniziative e stabilire linee di azione congrue” . “Per questo – continua - i sistemi informativi, come quello messo in piedi da MUSA, sono utilissimi sia per gli enti locali sia il Ministero.”

"M.U.S.A. - Mobilità Urbana e Sostenibilità Ambientale": intervento di apertura

Nicola Di Tullio introduce il convegno , annunciando che, a termine dalla sperimentazione, il  progetto MUSA – Mobilità Urbana e Sostenibilità Ambientale è attualmente reso disponibile all’interso territorio nazionale.  Presentando il progetto, sottolinea come la de –materializzazione del bollino blu  non sia l’unica innovazione introdotta. “Il valore aggiunto di MUSA  - spiega – sta nel coniugare l’innovazione tecnologica con un forte impegno in materia di tutela ambientale.”

La sperimentazione del Progetto M.U.S.A. a Palermo. Il punto dell'energy manager

Antonio Mazzon spiega come il sistema MUSA si innesta nella gestione quotidiana della città di Palermo.  Ricordando come l’amministrazione comunale di Palermo non sia nuova alle innovazioni in materia di politica ambientale, propone un excursus delle sperimentazioni adottate dagli anni ’90 ad oggi. “Siamo pronti – afferma – a dimostrare la bontà del progetto MUSA alle altre città italiane.”