Cerca: Saperi PA, Atti FORUM PA 2007, formazione

Risultati 71 - 80 di 83

Risultati

L’esperienza di Microsoft Italia nella promozione della cultura tecnologica

Stiamo assistendo, oggi, ad una profonda trasformazione dal punto di vista sociale che ha come denominatore comune la tecnologia. Se pensiamo alla comunicazione con strumenti di messanging, al processo di pubblicazioni di idee tramite blog possiamo vedere come il fenomeno stia cambiando le attività sociali. La scuola, in qualità di sottosistema, si è ambientata in questa realtà sociale, anche se, ancora oggi, non si è diffusa quella tecnologia che permette di supportare la conoscenza nelle forme più avanzate a disposizione.Leggi tutto

Contro il declino…promuovere la cultura scientifica e tecnica

Gli esiti della ricerca OCSE del 2003 dimostrano che in Italia il mancato raggiungimento di un’alta cultura scientifica va rintracciato all’interno delle scuole e delle Amministrazioni. Il calo di attenzione verso le materie scientifiche in Italia scaturisce da una serie di fattori tra i quali spiccano la non adeguata preparazione del corpo docente, una non positiva immagine dello scienziato e del matematico e le scarse prospettive professionali.Leggi tutto

Ricerca e formazione per la valorizzazione dei beni archeologici

Marcello Guaitoli ribadisce la necessità di lavorare con sistemi rigorosi ed interoperabili che consentano la migliore concoscenza della esistenza e ubicazione del reperto archeologico. Occorre raccogliere dati in maniera precisa, ma soprattutto non dimenticarsi di quel contenitore di dati, il terreno, che contiene la maggior parte dei dati, ma che è ancora inesplorato. Proprio per questo, risulta fondamentale indirizzare la formazione verso le attività pratiche e l’intervento sul campo, per una migliore conoscenza, conservazione e valorizzazione dei beni archeologici e culturali.

L’attività del PMI

Vi è una differenza sostanziale tra standard e applicazione: lo standard è la filosofia che sta dietro l’applicazione, afferma Annamaria Felici. Il PMI lavora sulla realizzazione degli standard e attualmente è impegnato sul nuovo release del PMBOK del 2008, sullo standard di program management, quello di portfolio management, lo standard dei modelli di maturità, il PM3 che, rispetto al CMMI, è ampliato a livello mondiale, e sui modelli di competenze.Leggi tutto

L'educazione alla salute come bisogno di conoscenza

Secondo Luigi Perego l’educazione alla salute nasce come un bisogno di conoscenza e di sapere; in un contesto in cui chiunque ha libero accesso al web, contenuti e informazioni su temi quali la salute devono essere in qualche modo verificati nella loro correttezza contenutistica e scientifica. È necessario quindi trovare il giusto approccio in quanto una corretta comunicazione permette una formazione completa per il cittadino.Leggi tutto

La formazione dei dirigenti per l'innovazione e l'e-government

Libera circolazione dei lavoratori in Europa significa mutuo riconoscimento dei diplomi e delle competenze professionali, afferma Massimo Balducci. Per comprendere quali siano le esigenze formative per i nostri dirigenti pubblici, bisogna prendere le distanze dalla nostra amministrazione e osservarla dall’esterno. Secondariamente, bisogna distinguere tra le poche amministrazioni che rappresentano un modello di efficienza ed efficacia, come l’INAIL, l’Agenzia delle Entrate e molti comuni del Centro e del Nord Est, e tutte le altre.Leggi tutto

Invest your talent in Italy: investire sul capitale umano

Con il progetto ‘Invest your talent in Italy’, spiega Giovanni Donato, il MAE ha raccolto la richiesta proveniente da Confindustria e dall’ICE, di impegnarsi nell’attrazione dei cervelli dall’India e, quindi, nell’investimento sul capitale umano. Com’è noto, infatti, le università indiane sono centri di eccellenza nel campo dell’ICT e i loro studenti vengono generalmente contattati dalle università inglesi e americane.Leggi tutto

E-learning come strumento di formazione della PA

L’individuazione delle competenze informatiche e i relativi piani di formazione risultano una necessità inderogabile per una PA che vuole innovarsi, afferma Sergio Zoppi, riprendendo quanto recentemente dichiarato dal Ministro Nicolais. L’innovazione è un processo che deve integrare tutte le leve disponibili in ambito normativo, tecnologico e di capitale umano, in un contesto di forte coordinamento tra amministrazioni centrali e locali al fine di semplificare e ridurre tempi e costi dei procedimenti.Leggi tutto

L'e-learning collaborativo per la formazione dei dirigenti

La riforma della PA è una sfida complessa che richiede un’azione contemporanea su tutte le leve possibili, afferma Antonella Pizzaleo. L’aspetto normativo è di certo evoluto, ma purtroppo le leggi sono largamente disattese. Con il ddl in materia di Pubblica Amministrazione, il Ministro Nicolais sta cercando di responsabilizzare i dirigenti, ancorando la retribuzione accessoria al raggiungimento del risultato.Leggi tutto

EUCIP: un'iniziativa europea per la definizione di profili informatici e per la formazione

Il CEPIS, Council of European Professional Informatics, è una federazione delle associazioni informatiche europee, di cui AICA è la rappresentante in Italia, spiega Giulio Occhini. Il suo scopo principale è diventare il maggiore organismo europeo indipendente di certificazione nel campo IT, attraverso la costituzione di una rete di informatici europei, l’innalzamento del livello dei professionisti IT e la promozione dello sviluppo della società dell’informazione.Leggi tutto