Cerca: Saperi PA, Lavoro e welfare

Risultati 441 - 450 di 464

Risultati

L'ammodernamento per la FIMMG: integrazione sociale e continuità assistenziale

I Medici di famiglia guardano all’ammodernamento del Sistema Sanitario Nazionale con estremo interesse sottolineando però la necessità di non soffermarsi solo sul punto di vista tecnologico. Secondo Giacomo Milillo la situazione, a cui devono far fronte i medici di medicina generale, vede una forte instabilità sociale; oggi è auspicabile una maggiore integrazione sociale dei soggetti a rischio (giovani, anziani ecc..), una migliore continuità assistenziale (vedi Casa della Salute), individuare sistemi per risolvere il problema delle cronicità.Leggi tutto

Trasparenza e legalità: valori per un SSN Universale

Guido Riva presenta il punto di vista di Confindustria in materia di sanità sottolineando l’importanza di un SSN universale e nazionale che sia però supportato da una vera governance politica e da competenza nei servizi e nella qualità e adeguatezza dei costi sia da un punto di vista pubblico che privato. Confindustria sposa completamente l’intento del Ministro di riappropriarsi della sanità recuperando i valori di trasparenza, relativamente ai costi, e di legalità, per quanto riguarda le procedure.Leggi tutto

Una politica di risorse integrate per la gestione del patrimonio forestale

Valerio Prignachi ribadisce la proposta dell’Uncem per la creazione di una cabina di regia per la definizione del piano nazionale forestazioni. Solleva i temi della produzione di biomasse e sostiene la necessità di opportune riflessioni sul tema per operare scelte adeguate. Sostiene il ruolo dell’agricoltore per la gestione del territorio di cui è responsabile. Ritiene importanti due direttrici: la formazione e le norme sulla forestazione.

L'ammodernamento del SSN

Il Ministro Turco spiega quali politiche è necessario seguire per ammodernare il sistema sanitario italiano affinché sia più efficiente e ci sia una maggiore presa in carico delle persone; questo si rende necessario nonostante l’Italia vanti oggi uno dei sistemi sanitari migliori a livello mondiale. I cambiamenti non si effettuano esclusivamente con strumenti legislativi ma anche con buone pratiche e con una buona amministrazione.

Leggi tutto

Risorse e strategie integrate per il rilancio del patrimonio forestale

Riccardo Deserti sottolinea una rinnovata consapevolezza della funzione strategica del patrimonio forestale da parte delle istituzioni. Spiega che il ruolo dei boschi è cruciale per la gestione di obiettivi di tutela dell’ambiente. Sostiene la necessità di una politica di concertazione per la gestione delle risorse e per la valorizzazione del patrimonio forestale.Leggi tutto

Federforesta e la valorizzazione del patrimonio boschivo e pastorale

Vincenzo Fatica spiega il ruolo dell’associazione Federeforesta nella promozione di una corretta gestione delle zone boschive e pastorali. Evidenzia le problematiche relative alla gestione del territorio attraverso politiche condivise tra le varie autorità preposte a questo compito. Illustra il quadro normativo per la gestione del settore forestale. Sottolinea la necessità di strutture operative agili e snelle e di risorse umane in grado di agire direttamente sul territorio. Evidenzia le disomogeneità nell’approccio alla gestione forestale da parte delle Regioni.

Il ruolo della comunità montana per la tutela dell’assetto idrogeologico e la valorizzazione del territorio

Enrico Borghi spiega il ruolo della comunità montana per la tutela dell’assetto idrogeologico nel Paese. Descrive il piano nazionale per le forestazioni e ne sottolinea l’importanza per la valorizzazione del patrimonio ambientale nazionale. Parla della ridefinizione del ruolo della comunità montane nel nuovo assetto istituzionale. Sottolinea l’importanza di definire lungimiranti politiche di forestazione e ribadisce il ruolo della comunità montana nella potenziamento della risorsa bosco e nell’innesco della filiera delle energie rinnovabili.

I fondi tematici ed il P.O.R.E., Progetto Opportunità delle Regioni in Europa

Paolo Zocchi racconta come il Ministro per gli Affari Regionali, Linda Lanzillotta, abbia deciso di utilizzare il P.O.R.E., Progetto Opportunità delle Regioni in Europa, per fornire un supporto a Regioni ed Enti Locali nella relazione con l’Unione Europea su alcuni temi particolari come i fondi tematici. Il Relatore spiega la differenza tra i fondi strutturali ed i fondi tematici e sottolinea come questi ultimi richiedano iniziative progettuali che provengano dal basso e coinvolgano non solo strutture pubbliche, ma anche imprese ed università .Leggi tutto

Le attività svolte dalla sede della Regione Veneto a Bruxelles

Gianlorenzo Martini racconta come oggi tutte le Regioni abbiano a Bruxelles una propria sede e come le attività svolte dipendano dalla volontà del legislatore regionale. La Regione Veneto, in sede legislativa, ha dato un’interpretazione del tutto particolare delle funzioni e degli obiettivi che la propria sede ha il compito di perseguire. Tale struttura ha l’obiettivo di portare in Europa gli interessi collettivi della Regione, provenienti non soltanto dalle Amministrazioni degli Enti Locali, ma anche dalle associazioni di categoria, dai sindacati, dal mondo della cultura.Leggi tutto

Il punto di vista delle aziende farmaceutiche. Partenariato pubblico/privato per rilanciare il settore

Daniel Lapeyre presenta il pensiero delle aziende farmaceutiche relativamente alla visione di una sanità come motore di sviluppo per un paese. In passato, in Italia, il settore farmaceutico è stato sempre visto come semplice fornitore e come produttore di costi e mai come risorsa o partner con cui affrontare le problematiche della popolazione; negli altri paesi la situazione che si presenta è decisamente differente.Leggi tutto