Cerca: Saperi PA, Lavoro e welfare

Risultati 71 - 80 di 464

Risultati

Ministro Madia incontra Rete Armida: proposte per le pari opportunità

Una maggiore valorizzazione delle donne che operano nella pubblica amministrazione e un piano di iniziative a sostegno della conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare sono stati oggetto dell’incontro di giovedì 6 marzo fra Marianna Madia e una delegazione di Rete Armida, il network di cui fanno parte le donne dirigenti delle amministrazioni pubbliche centrali, magistrate, diplomatiche, docenti universitarie, funzionarie delle Camere, della Banca d’Italia e di Authority.

Leggi tutto

La Commissione Europea lancia la campagna per l'occupazione femminile nel settore ICT

"L’ICT non è più per pochi smanettoni. E’ fantastica ed è il nostro futuro! Solo il 9% di donne tra gli sviluppatori di app? Ma andiamo! Provate a sviluppare un'app e scoprirete che può essere uno spasso!" così Neelie Kroes, Vicepresidente della Commissione Europa lancia la nuova campagna ICTLadies che incoraggia le donne e le ragazze ad intraprendere lo studio e una carriera nel settore delle tecnologie dell’informazione, perché "la tecnologia è troppo importante per essere lasciata agli uomini".

Leggi tutto

Riforma del welfare in Cina: seconda missione ufficiale di Formez PA

Il presidente Carlo Flamment a Pechino con gli altri esponenti del consorzio.

Leggi tutto

La diffusione del Compact inglese a livello locale

La versione originale del Compact - il documento che nel Regno Unito dal 1998 regola i rapporti tra terzo settore e pubblica amministrazione - si rivolgeva esplicitamente ai dipartimenti del governo centrale di Londra e gli uffici decentrati ad esso collegati presenti su tutto il territorio inglese. I governi locali non erano invece citati nel testo e, in linea teorica, non erano quindi interessati dalle previsioni inserite nel documento. Tuttavia è proprio a livello locale che si concretizzano la maggior parte delle relazioni intercorrenti tra organizzazioni del terzo settore e apparato pubblico – alcune rilevazioni parlano di una percentuale che oscilla tra il 70 e il 90% - ed è in questo contesto che le richieste provenienti dalla società civile possono essere percepite con maggiore chiarezza e immediatezza.

Con questo terzo contributo continua l'approfondimento sul modello britannico a cura di Lorenzo Bandera, ricercatore dell'Osservatorio Secondo Welfare.

Leggi tutto

Inclusione sociale e lavorativa delle vittime di tratta e grave sfruttamento

Online la sintesi video del laboratorio a cui hanno partecipato il Presidente Carlo Flamment e il Direttore generale Marco Villani.

Leggi tutto

Siamo a corto di risorse? C’è un Secondo Welfare che avanza

Da tempo si parla di crisi del welfare-state dovuta alla mancanza di risorse economiche e dalla difficoltà dello Stato di rispondere ai bisogni crescenti e diversificati dei cittadini. Il Secondo Welfare è la risposta a questa crisi perché è un terreno fertile di sperimentazione di modelli gestionali e finanziari nuovi, a partire dagli attori della società civile, che si mobilitano e si attivano a supporto dello Stato, e dalla collaborazione tra pubblico, privato e terzo settore. Nei giorni scorsi è stato presentato il Primo Rapporto sul Secondo Welfare in Italia. Vediamo insieme i punti salienti.

Leggi tutto

Roma, la Provincia e Futuro@lfemminile insieme per l'informatica insegnata alle donne

Presentata la terza edizione dei corsi gratuiti di informatica di base, riservati alle donne romane, frutto della collaborazione tra la Provincia e futuro@lfemminile. C'è tempo fino al 22 gennaio 2014 per iscriversi.

Leggi tutto

Comunicazione PA, Piano Garanzia Giovani: un contest per spot e grafica

Parte la gara web per ideare spot e linea grafica per la campagna di comunicazione integrata che accompagnerà l'attuazione del Piano Italiano per la Garanzia Giovani, il cui avvio è previsto per Gennaio 2014.

Leggi tutto

Mio figlio ha occupato il suo Liceo

Mio figlio, quasi diciottenne, ha occupato il suo Liceo a Roma assieme ad un gruppo di studenti. Alla mia richiesta di spiegarmi le sue ragioni mi ha risposto che sono molto arrabbiati con il Governo, ma non sanno bene perché, tranne che gli sembra di non avere futuro, che gli abbiano “espropriato i sogni”. Io anche sono molto arrabbiato, ma a differenza sua il perché lo so, anche se sono dubbioso che l’occupazione sia la miglior cosa da fare. So infatti che, come diceva il mio compianto amico Paolo Zocchi, “l’Italia non è un Paese per i giovani”. Qualche dato, perché è bene partire dai fatti.

Leggi tutto

MIUR bando Start Up, approvati 39 progetti per le Regioni del Sud

Sono 39 i progetti vincitori del bando “Start Up” pubblicato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca il 13 marzo scorso e che ha coinvolto le 4 Regioni dell’Obiettivo Convergenza: Campania, Puglia, Calabria, Sicilia.

Leggi tutto