Cerca: Saperi PA, Atti FORUM PA 2010, riforma brunetta

Risultati 81 - 90 di 102

Risultati

“CAF effective user” : un’attestazione europea per mantenere la motivazione al miglioramento continuo

Sabina Bellotti presenta il  CAF external feedback, “un'attestazione europea messa a punto per mantenere la motivazione al miglioramento continuo”.  "La certificazione - spiega – è stata ideata e definita dagli Stati Membri più attivi nel promuovere e supportare l’uso del modello, tra cui l’Italia, in collaborazione con EIPA ed EFQM". La procedura offre alle amministrazioni l’opportunità di ricevere un feedback sulla qualità dell’utilizzo del CAF e sui relativi effetti sull’organizzazione.

La rilevazione in profondità della CS on line nel comune di Prato

“Il Comune di Prato ha scelto di mettere la propria rete civica al centro di un modello unico, scientificamente rigoroso, per la rilevazione della Customer Satisfaction dei servizi pubblici, indipendentemente dal canale di erogazione, valorizzando appieno l’ottica della multicanalità”. Paola Frezza presenta il progetto del Comune di Prato, coordinato dal Dipartimento Funzione Pubblica con il supporto scientifico di ROMA3.

La trasparenza negli incarichi a beneficio del contenimento della spesa: l’anagrafe delle prestazioni

Maria Antonietta Tilia presenta nel dettaglio l’evoluzione dell’Anagrafe delle prestazioni, istituita con legge  412/91 presso il Dipartimento della Funzione pubblica. In particolare si sofferma su “ cosa sta diventando l’Anagrafe a seguito dell’ operazione trasparenza”. Nel quadro della riforma, essa diviene un elemento centrale per un sistema più efficace  di verifiche e controlli.

La produzione di valore e i tagli intelligenti

Carlo Mochi Sismondi, introducendo l’intervento del Minsitro Brunetta sul tema, ricorda come i tagli allo spreco nella PA si siano rivelati spesso ciechi. “Per tagliare in maniera intelligente – sottolinea – dobbiamo saper guardare all’interno dell’organizzazione”.

Misurare e comparare la qualità dei servizi: gli strumenti del Qclub

Dall’esigenza di mettere a confronto le proprie esperienze in materia di applicazione di approcci e metodologie della Qualità nasce il Benchmarking QClub. Con il sostegno del Dipartimento della Funzione Pubblica ed il supporto metodologico di Sistema Susio, il Club mette in rete 8 Comuni capoluogo di Provincia (Trento, Bolzano, Bergamo, Venezia, Modena, Milano, Genova e Torino). Chiara Morandini ne illustra obiettivi, risultati e sviluppi.

Il Barometro della qualità amministrativa: l’esperienza dell’ACI

Beatrice Bisogni racconta l’esperienza dell’ACI che, in via sperimentale ha adottato il Baromentro della qualità amministrativa Illustrandone obiettivi e funzionamento, ne sottolinea i punti di forza. “Al centro del sistema Barometro c’è la misurazione della qualità effettiva. Adottando quest’ottica si permette all’amministrazione di superare quella, fortemente limitativa, dei controlli di legittimità.”

Il "fine tuning" dei servizi per la qualità e l’efficienza delle PA

Il Ministro Brunetta interviene nel dibattito sugli sprechi e la produzione di valore nelle PA sottolineando l’esigenza di verificare gli standard quali/quantitativi attraverso un processo di "modulazione fine": canale per canale, servizio per servizio, cliente per cliente, somministratore per somministratore. Oggi questo è possibile – dice Brunetta – grazie alle ICT, al cui utilizzo occorre affiancare un ultimo sforzo di tipo politico e culturale, nella convinzione che anche per il policy maker la trasparenza rappresenti la chiave per l’acquisizione del consenso.

L’equilibrio dinamico tra diritti e finalità nel rapporto tra privacy e trasparenza

Fabio Pistella analizza i nuovi rapporti tra trasparenza e privacy impostati dalla riforma Brunetta secondo i principi della fisica. Equilibrio dinamico, energia, entropia, metrica, variabile temporale e permeabilità sono solo alcuni degli strumenti attraverso cui procede la sua analisi. Successivamente Pistella si concentra sul contributo delle nuove tecnologie per l’incrocio dei dati, affronta il nodo dei motori di ricerca e in conclusione illustra il ruolo che spetta a DigitPA nell’intero processo. 

Dall’adempimento al servizio: la nuova gestione informatizzata dei permessi e dei distacchi sindacali

Eugenio Gallozzi propone un’analisi delle conseguenze dell’operazione trasparenza sulla gestione di permessi e distacchi. “La trasparenza – spiega - è utile all’amministrazione ma anche agli stessi sindacati, mettendoli in condizione di verificare direttamente e con facilità lo stato delle cose ogni volta che l’amministrazione contesta l’esubero di permessi.” “Questo – conclude – evita uno stato di continuo e costante contenzioso.”

Produrre valore e ridurre lo spreco. L'esperienza della Provincia di Pordenone

Giuseppe Pedicini riporta l’esperienza della Provincia di Pordenone in materia di riduzione degli sprechi e produzione di valore. “Da noi – spiega – la strategia è nata in sede politica, dove abbiamo innanzitutto fissato obiettivi chiari e precisi partendo dai bisogni rilevati sul territorio".