Cerca: Saperi PA, Riforma PA, Efficienza, accessibilità

9 risultati

Risultati

L’articolazione delle azioni di trasparenza nella Pubblica Amministrazione

Francesca Russo, introducendo la sessione pomeridiana della Giornata della Trasparenza a FORUM PA 2011, offre una breve sintesi delle questione emerse durante la mattinata e presenta il panel pomeridiano. In particolare la Russo si concentra sulle due articolazioni della trasparenza: trasparenza centralizzata, ovvero quella delle informazioni che le amministrazioni devono fornire al DFP per obbligo di legge e trasparenza distribuita ovvero quella che le amministrazioni realizzano pubblicando sui loro siti web le informazioni che le riguardano.

Sperimentazione del Sistema di Monitoraggio delle prestazioni e degli accessi dei portali pubblici

L’Ing. Longo presenta la metodologia e i primi risultati dell’analisi che il Web & Performance Observatory dell’Università del Salento ha condotto sui portali web di un campione di amministrazioni pugliesi.  I portali delle PA offrono un servizio pubblico che deve essere disponibile con tempi di risposta accettabili e le Linee Guida emanate dal Dipartimento della Funzione Pubblica affermano che ogni amministrazione deve rendere disponibili mensilmente i dati relativi agli accessi. Attualmente molte amministrazioni non sono attrezzate per rispondere alla normative.

Leggi tutto

Trasparenza = accessibilità totale = open data

Nonostante si pensi che gli open data siano qualcosa di lontano – dice Belisario – noi siamo già un Paese in cui le norme prevedono che l’amministrazione ne garantisca l’utilizzo. Il sillogismo riportato nel titolo del suo intervento viene spiegato da Belisario fondandosi principalmente sugli ultimi due interventi legislativi in materia: il principio dell’accessibilità totale contenuta art. 11 del D.lgs. 150/09 e la filosofia open data che emerge dall’art.52 comma 1 bis del nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale.

La PA vista da chi la dirige

Gaetano Scognamiglio illustra le anticipazioni del quinto rapporto su “La P.A. vista da chi la dirige”, che esprime il sentiment dei dirigenti PA sullo stato di attuazione della riforma. Il rapporto è promosso dal Ministero per la pubblica amministrazione e curato da Promo P.A. Fondazione. Il sondaggio è stato condotto con una tecnica assimilabile alla cosiddetta "indagine postale", su un numero di dirigenti pubblici il più ampio possibile, escludendo Asl e corpi militari.

Leggi tutto

Linea Amica: risolvere nel presente e analizzare il futuro per migliorare la P.A.

Il Ministro Brunetta racconta come è nata l’idea di Linea Amica e ne anticipa gli sviluppi: mettendo in rete i contact center delle Pubbliche Amministrazioni si possono mettere insieme anche le loro banche dati costruendo la più grande banca dati di domande e di risposte d’Europa. Ciò permetterà di avere uno spaccato dell’offerta dei servizi dello Stato con l’evidenziazione di dove essa non combacia con i bisogni dei cittadini.Leggi tutto

Mappare l'accessibilità

Il portale delle autonomie locali della regione Emilia Romagna condurrà, in collaborazione con lo sportello Accessibilità Web della Regione Emilia-Romagna, un'analisi sul livello di accessibilità dei siti internet a partire da quelli delle pubbliche amministrazioni regionali.
Ogni settimana verrà proposta, attraverso la newsletter del portale, una breve analisi dei profili di accessibilità e qualità dei siti e dei servizi, e al rispetto dei parametri fissati dalla legge 4 del 2004.

Leggi tutto

Costi dell’amministrazione, qualità dei servizi e comportamento civile

La velocità dell’innovazione nella PA non può essere più dettata dai problemi interni alla PA stessa, afferma Ettore Ciancico. Spesso si tende a dimenticare che esiste un legame tra i costi dell’amministrazione, la qualità del servizio pubblico, così come viene percepita dal cittadino, e il comportamento civile del cittadino stesso. La PA dovrebbe avere una maggiore coscienza nel non approfittare della propria posizione di monopolista, che esclude qualunque riscontro del mercato.

Leggi tutto

Impatto della Conferenza Permanente sulla organizzazione dei lavori per l’adeguamento delle Amministrazioni al dettato del Codic

Per quanto riguarda il MiBAC, la Conferenza Permanente viene vista come importante occasione di crescita, perché strumento che, attraverso l’incontro e la condivisione delle esperienze delle varie amministrazioni, consente sia di valorizzare le realizzazioni che di sciogliere le criticità di ciascuna Amministrazione.

Leggi tutto

Ruolo e competenze del Responsabile della conservazione

Il mutamento, in materia di documentazione digitale, del rapporto cittadino-PA, ha evidenziato la centralità dell’accesso alla documentazione e pertanto del ruolo primario svolto dagli archivi e del responsabile della conservazione. In mancanza, allo stato attuale, di norme e regolamenti che istituiscono questa figura, Massella definisce le attività, le competenze e le conoscenze che il Responsabile della conservazione deve avere, nonché le responsabilità che deve assumersi, per garantire la formazione, la conservazione e la fruizione di archivi digitali.