Cerca: Saperi PA, Economia, Atti FORUM PA 2008

Risultati 1 - 10 di 154

Risultati

Le 6 miglia della nautica: nel Porto dell'Emilia-Romagna, a Ravenna, lo "sbocco" per il Distretto Romagnolo.

L'Autorità Portuale di Ravenna ed il Comune di Ravenna espongono al ForumPA 2008 il progetto e lo stato di attuazione de''Le 6 miglia della nautica''. Nel Porto dell'Emilia Romagna, a Ravenna, si sta concretizzando un sistema integrato di interventi lungo 12 km - dalla Darsena di Città, passando per la Cittadella della nautica, fino alle Marine della Costa ed a Porto Corsini, con il Porto Crociere e gli approdi per la piccola nautica - in una visione unitaria che rilancia la vocazione nautica del ''Territorio''. Un territorio:Leggi tutto

Il ruolo delle Regioni nella produzione di energia da fonti rinnovabili

L’Italia ha preso l’impegno di raggiungere l’obbiettivo del 25% di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili entro il 2012. Per raggiungere lo scopo una via percorribile può essere rappresentata dalla ripartizione regionale degli obbiettivi ma Gianni Giaccaglia individua questo solo come un punto di partenza: il problema dello sviluppo delle fonti rinnovabili non sembra infatti essere legato tanto ad una questione di incentivi quanto piuttosto alla difficoltà di ubicare gli impianti sul territorio.Leggi tutto

Le 6 miglia della nautica: nel Porto dell'Emilia-Romagna, a Ravenna, lo "sbocco" per il Distretto Romagnolo.

L'Autorità Portuale di Ravenna ed il Comune di Ravenna espongono al FORUM PA 2008 il progetto e lo stato di attuazione de''Le 6 miglia della nautica''. Nel Porto dell'Emilia Romagna, a Ravenna, si sta concretizzando un sistema integrato di interventi lungo 12 km - dalla Darsena di Città, passando per la Cittadella della nautica, fino alle Marine della Costa ed a Porto Corsini, con il Porto Crociere e gli approdi per la piccola nautica - in una visione unitaria che rilancia la vocazione nautica del ''Territorio''. Un territorio:Leggi tutto

I fattori per il successo dei fondi strutturali per lo sviluppo del Mezzogiorno

Alfonso Russo utilizza la metafora del Mezzogiorno come una potente macchina per distruggere ricchezza. Se non smontiamo i pezzi di questa macchina e non la rimettiamo in condizione di funzionare correttamente, costruendo nuove categorie culturali, psicologiche ed operative, qualsiasi intervento rischia di non avere successo.Leggi tutto

La pianificazione strategica

Per la nuova programmazione dei fondi strutturali 2007-2013, la Regione Puglia ha deciso di dotarsi di uno strumento metodologico in grado di individuare le alternative possibili e le diverse possibilità di successo nella programmazione degli stessi fondi strutturali: la pianificazione strategica.Leggi tutto

Il ruolo delle imprese private nella realizzazione delle infrastrutture urbane

Nel governo della città il settore pubblico ha il dovere politico di creare la strategia, quindi di definire le scelte fondamentali; dopodichè, quando si decide di rivolgersi al privato, è molto importante affidargli l'intero processo di gestione e non singoli pezzi. In questo modo, il privato si assume anche i compiti di pianificazione, programmazione e controllo, con le relative responsabilità.Leggi tutto

Il programma "Porti e Stazioni" quale strumento di riqualificazione delle aree portuali

L'attività del Porto di Venezia è particolarmente importante per la città sia per la rilevanza che esso ha nel sistema portuale adriatico, sia per il suo apporto all'occupazione "non turistica".Leggi tutto

Università e proprietà industriale: trasferimento tecnologico e formazione.

Esiste un problema generale nell’economia della conoscenza che riguarda la protezione delle informazioni. L’esperienza di questi anni ci dice che l’informazione è un bene complicato e non bastano gli strumenti giuridici per un’adeguata protezione, servono strumenti tecnologici, DRM e misure organizzative dentro le imprese, nella PA, nelle università ecc. Stiamo andando verso la percezione dell’importanza della dimensione istituzionale della proprietà intellettuale.Leggi tutto

I servizi innovativi per rimettere in corsa lo sviluppo

All’interno di Confindustria – dice Alberto Tripi – si è deciso di dare sempre più importanza alla componente dei servizi innovativi e tecnologici perché ci si è resi conto di come questi possano essere il motore dello sviluppo del Paese. L’Assemblea del settore ha elaborato una Tabella di Corsa in cui individua i dieci punti prioritari su cui intervenire e un Cronometro dello Sviluppo in grado di misurare l’evoluzione del processo; nel suo intervento Tripi sviluppa gli argomenti su cui verte la prima e approfondisce il funzionamento del secondo.

Il deposito elettronico e la rete

L’ultimo aggiornamento significativo nel sistema delle tasse brevettali risale al 2005, quando con l’abrogazione delle tasse si pensava di dare un contributo per il Paese, un aiuto alle imprese per investire, innovare, proteggere le loro invenzioni e le innovazioni tecnologiche. Si parla oggi della reintroduzione del pagamento di tasse, non solo per competenze puramente fiscali, ma fondamentalmente per realizzare progetti.Leggi tutto