Cerca: Saperi PA, Economia, sviluppo e competitività

Risultati 41 - 50 di 50

Risultati

Rapporto Creatività: il modello italiano di creatività

Il sistema delle industrie culturali e delle attività di tipo creativo in Italia è, in realtà, un macrosettore non censito dall’ISTAT che vale circa il 10% del PIL. Il Rapporto studia questo macrosettore ed intende ricercare il modello italiano di creatività in riferimento alle componenti tecnologiche che la sostengono, ma anche alla qualità sociale cui essa spesso si accompagna.

Leggi tutto

Industria 2015: scelte strategiche e azioni concrete per la competitività del sistema Paese

Andrea Bianchi apre il suo intervento a conclusione del convegno sottolineando come in esso sia emerso un linguaggio comune che per la prima volta ha accomunato gli operatori del settore privato con quelli del settore pubblico e come con Industria 2015 la Pubblica Amministrazione in qualche modo cambi pelle e percepisca il proprio ruolo di agente di sviluppo. Dopodiché Bianchi illustra analiticamente le varie fasi che hanno contraddistinto Industria 2015, i suoi punti di forza, le criticità emerse e le azioni concrete di sviluppo che ne derivano.

L’Italia deve innovare per scatenare la creatività e la produttività del suo popolo

Nel corso della storia, gli Italiani sono stati innovatori e leader negli affari e nel commercio. Nel secondo dopoguerra l’Italia ha vissuto un miracolo economico che l’ha vista passare da una produttività pari al 50% di quella statunitense nel 1955 ad una produttività equivalente nel 1990. Se non fosse per il notevole aumento nell’importo delle tasse lungo questo periodo di tempo, l’Italia sarebbe oggi allo stesso livello degli Stati Uniti in termini di standard di vita. Intorno al 1995 la situazione è cambiata.

Leggi tutto

Giuseppe De Rita, Le minoranze vitali che spezzano l’inerzia italiana

Please, No Art

by Thomas Hawk

Il Rapporto Censis 2007, descrivendo lo scenario italiano, parla di "poltiglia di massa" e “mucillagine”, insomma di inclinazione all’inerzia in una realtà frammentata, priva di coesione e degradante al peggio. Parla, tuttavia, anche di “minoranze attive”, vitali e trainanti, che possono innescare nuovi processi di sviluppo. Ma quali sono queste minoranze attive? Dove sono oggi le energie vitali in Italia? 

Leggi tutto

I distretti tecnologici e l’innovazione nella PA per lo sviluppo territoriale

Perspective

by Pietro Izzo

È il titolo del convegno, organizzato da ADiTe (Associazione Distretti Tecnologici) all'interno del FORUM PA 2008. L’evento, in programma giovedì 15 maggio, offrirà un’occasione di confronto sul modello del "Distretto Tecnologico" quale sistema di innovazione territoriale, con particolare attenzione al rapporto con il contesto locale e con la pubblica amministrazione. Un’anticipazione nell’intervista a Rodolfo Zich, presidente di ADiTe e del Distretto Torino Wireless.

Leggi tutto

Peardrop: ecosistemi digitali di business per lo sviluppo locale

Indra's Pearls / Doyle Spirals

by fdecomite

Peardrop è un progetto, finanziato nell’ambito del VI Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico dell'UE e rivolto alle Regioni europee, pensato per rendere applicativo il modello organizzativo DBE (Digital Business Ecosystem) e promuovere le opportunità che questo modello offre. L’Ecosistema Digitale di Business consiste in un ambiente virtuale (una piattaforma sviluppata in open source), che permette a un network di piccole organizzazioni, ad esempio PMI di una stessa regione, di diventare più efficiente ed efficace grazie all'utilizzo diffuso delle ICT.

Leggi tutto

Comuni e imprese pugliesi migliorano con l’e-government

Presentato a Brindisi “Promessa”, il progetto di Formazione-Intervento finanziato dalla Regione Puglia per migliorare l’utilizzo degli strumenti di e-government presenti sul territorio.

Leggi tutto

Gaudenzio Garavini e Roberto Conte, innovare sul territorio

Released to Public: Solar System Montage (NASA)

by David Shapinsky

Leggi tutto

Presentazione del Rapporto DPS 2006

È importante abbinare una buona programmazione a buoni risultati, afferma Carlo Sappino, perché i risultati rappresentano un linguaggio semplice attraverso il quale la collettività può esercitare un controllo effettivo sull’utilizzo delle risorse pubbliche. È in questa chiave che va letto il rapporto del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo, per la ricchezza dei dati, per le analisi presentate, per il tentativo di ricostruire, tramite un insieme di dati, un filo rosso che consenta di capire come le politiche abbiano impattato su indicatori significativi dello stato di salute dei territori

Twinning Light project

La Dottoressa Ekaterina Amova ha illustrato il progetto Twinning light in corso tra la Bulgaria, il Ministero dello Sviluppo Economico e il Formez, diretto ad assistere il Ministero bulgaro nello sviluppo della capacità amministrativa con azioni di monitoraggio, di valutazione e di gestione dell’Operational Programme Administrative Capacity attraverso un supporto diretto. Grazie alla collaborazione sono state sviluppate procedure per la verifica e il controllo ed è stato elaborato un nuovo programma di comunicazione dell’OPAC.