Cerca: Saperi PA, Economia, Atti FORUM PA 2008, pianificazione territoriale

Risultati 1 - 10 di 12

Risultati

Il programma "Porti e Stazioni" quale strumento di riqualificazione delle aree portuali

L'attività del Porto di Venezia è particolarmente importante per la città sia per la rilevanza che esso ha nel sistema portuale adriatico, sia per il suo apporto all'occupazione "non turistica".Leggi tutto

La pianificazione strategica

Per la nuova programmazione dei fondi strutturali 2007-2013, la Regione Puglia ha deciso di dotarsi di uno strumento metodologico in grado di individuare le alternative possibili e le diverse possibilità di successo nella programmazione degli stessi fondi strutturali: la pianificazione strategica.Leggi tutto

Grandi opere e infrastrutture: i costi del non fare e le ragioni del fare

Com'è noto, è difficile in Italia realizzare grandi infrastrutture. Dati Oice (2007) segnalano che i tempi di realizzazione in Italia sono i più lunghi d'Europa e, nello stesso tempo, i costi sono tra i più alti. La difficoltà italiana a procedere è motivata (anche) da buone ragioni. Tuttavia esse non considerano i ''costi del non fare'' e la perdita di competitività che ne conseguono per il Paese.Leggi tutto

Un processo virtuoso per la realizzazione delle infrastrutture

Partendo dall’analisi della questione della Val di Susa Mauro Moretti nel suo intervento spiega come il problema delle infrastrutture non sia tecnico ma politico. La sua possibile risoluzione viene – per l’AD di Ferrovie –dalla realizzazione di una pianificazione territoriale d’area vasta all’interno della quale inserire la localizzazione delle singole infrastrutture. In quest’ottica Moretti sprona anche la stampa affinché dia qualche informazione di servizio positiva su ciò che si è realizzato invece di inseguire sterilmente le polemiche su ciò che non si riesce a fare.

Riqualificazioni urbane: partecipazione dei cittadini e decisioni della politica

Quando nei processi partecipati di riqualificazione urbana le comunità vengono interrogate su cosa vorrebbero per le loro città, le risposte indicano parchi per passeggiare, luoghi di incontro, aree pedonali etc. Spesso, tuttavia, tali desideri sono contraddittori rispetto alla realtà che vede prevalere l’interesse particolare rispetto alle esigenze comuni.Leggi tutto

L’attenzione dell’ANCI alle strategie per il governo delle aree urbane

Le strategie per il governo delle aree urbane sono per l’ANCI un tema relativamente nuovo. Pierciro Galeone, consapevole delle difficoltà del sistema istituzionale ad inseguire i processi in atto, sottolinea l’urgenza di un’agenda nazionale per le città, resa necessaria dal fatto che in Italia gran parte delle problematiche e delle risorse gravitano attorno ai fenomeni di urbanizzazione e metropolizzazione.Leggi tutto

Sviluppo urbano e governo delle città: il caso di Genova

Urban Lab è il laboratorio urbanistico che Genova ha creato per la definizione del Nuovo Piano Urbanistico Comunale, e per condurre una serie di studi che corrono paralleli al Piano stesso e che riguardano gli ambiti ed i progetti particolarmente complessi della città.Leggi tutto

Un caso di studio: il programma di riqualificazione “Novello” a Cesena

Il progetto di riqualificazione “Novello” a Cesena ha l’obiettivo di diventare la nuova porta d’ingresso alla città. Le caratteristiche del progetto sono: un nuovo modo di vivere la dimensione urbana che non dimentica le politiche sociali, gli elementi di un moderno diritto alla mobilità in sicurezza, un nuovo sentire ambientale e culturale con la valorizzazione della Biblioteca Malatestiana.Leggi tutto

Paesaggio e Nuovo Piano: la pianificazione regionale

Pierluigi Properzi introduce il tema del rapporto tra pianificazione strategica e paesaggi regionali, con riferimento all’esperienza della Regione Abruzzo. Il tema della tutela e quello dello sviluppo nel nostro Paese sono sempre stati affrontati in maniera problematica e per certi versi dicotomica.Leggi tutto

Energia, clima, ambiente e Nuovo Piano

Simone Ombuen propone alcune riflessioni sul rapporto tra le nuove modalità di gestione delle trasformazioni territoriali contenute nel “Nuovo Piano” e le questioni emergenti dal fenomeno di metropolizzazione, che riguardano energia, ambiente e clima. Il territorio italiano si è sviluppato secondo un paradigma generale fondato sulla mobilità privata di massa e sul costo dell’energia relativamente basso e stabile. Tali condizioni, per l’aumento del costo dei combustibili fossili, sono strutturalmente mutate ed è sempre più evidente la necessità di puntare sul risparmio energetico.Leggi tutto