Cerca: Saperi PA, Intervento, Lavoro e welfare, assistenza sanitaria

5 risultati

Risultati

Integrazione socio sanitaria e assistenziale per garantire equità e diritti

Nella situazione attuale che caratterizza l'Italia, l'integrazione tra il socio-sanitario e il socioassistenziale rischia di non realizzarsi completamente a causa delle caratteristiche peculiari e differenti dei due sistemi. Naldoni si sofferma sull'importanza del territorio e degli interventi ai vari livelli di governo con un maggiore coinvolgimento degli enti locali e centrali.

Luci e ombre del modello ligure

L'Assessore Papi presenta il modello ligure per l'assistenza sanitaria e sociale evidenziando gli aspetti positivi e negativi, in relazione anche alle leggi in materia di integrazione socio-sanitaria. La Papi inoltre esprime il proprio pensiero sul tema dei diritti delle persone e dell'equità e sul ruolo che ogni ente, centrale e locale, deve avere.

L'integrazione socio-sanitaria in Campania

Esposito analizza la complessità dei problemi sociali e sanitari della Campania e sottolinea la necessità di declinare i bisogni complessi ed essenziali della cittadinanza in diritti. Purtroppo la situazione economica di questi anni produce effetti nefasti e con l'aumento dei bisogni dei cittadini le risorse diminuiscono sempre più. Esposito presenta il piano e i progetti portati avanti dalla Regione Campania sul tema dell'integrazione socio-sanitaria.

L'integrazione sociosanitaria e il Punto unico di accesso

La programmazione sanitaria già da tempo rileva la necessità di definire una rete di servizi sanitari, sociosanitari e socio-assistenziali per rispondere ai bisogni delle persone con patologie a lungo termine o croniche. In quest'ambito le Regioni stanno realizzando percorsi assistenziali integrati per le persone non autosufficienti e fragili, con il pieno coinvolgimento dei diversi servizi e professionisti sanitari e sociosanitari, al fine di garantire la continuità assistenziale.Leggi tutto

L'ammodernamento per la FIMMG: integrazione sociale e continuità assistenziale

I Medici di famiglia guardano all’ammodernamento del Sistema Sanitario Nazionale con estremo interesse sottolineando però la necessità di non soffermarsi solo sul punto di vista tecnologico. Secondo Giacomo Milillo la situazione, a cui devono far fronte i medici di medicina generale, vede una forte instabilità sociale; oggi è auspicabile una maggiore integrazione sociale dei soggetti a rischio (giovani, anziani ecc..), una migliore continuità assistenziale (vedi Casa della Salute), individuare sistemi per risolvere il problema delle cronicità.Leggi tutto