Cerca: Saperi PA, donnepa

Risultati 191 - 200 di 208

Risultati

Riformare il sistema delle Pari Opportunità

Fausta Guarriello commenta il lavoro portato avanti sotto la spinta delle Consigliere di parità, elogiandolo e condividendo le principali istanze segnalate nelle Linee guida per i Comitati Pari Opportunità.

Leggi tutto

Ripensare e rivitalizzare gli organismi di Pari Opportuniità

Constatando che l’Unione Europea ha dichiarato lotta aperta ad ogni tipo di discriminazione, Francesca Bagni Cipriani riflette sulla necessità di dare nuova identità e nuova linfa alle iniziative e agli organismi che lavorano specificatamente per la parità di genere. Definendo l’attuale quadro normativo come favorevole ad una intensificazione degli sforzi sul territorio, sottolinea la necessità di cooperazione e sinergia, puntando a fare della parità di genere un elemento di mainstreaming in tutte le politiche.

Leggi tutto

Comitati di Pari Opportunità: l’esperienza della Regione Emilia Romagna

Chira Costa riporta l’esperienza della Regione Emilia Romagna in materia di Comitati di Pari Opportunità. Sintetizza le principali innovazioni apportate sotto la sua presidenza, ovvero: elezione del presidente a suffragio universale tra i dipendenti regionali, costituzione di un unico comitato del comparto e della dirigenza, attenzione posta a tutte le discriminazioni all’interno dell’ente, partecipazione del Comitato di Pari Opportunità alle trattative in materia di personale su tutte le materie con ricadute ipotetiche in tema di discriminazione.

Leggi tutto

Per una nuova politica dei diritti nelle organizzazioni

Daniela Belotti ripercorre brevemente la storia dei Comitati di Pari Opportunità – CPO nella realtà italiana. Partendo dai dati attuali dal mondo del lavoro, ancora non soddisfacenti, auspica da un lato il potenziamento della rete degli organismi di parità attraverso obiettivi comuni, scambio di buone pratiche e azioni di monitoraggio, dall’altro lo studio e l’avanzamento di proposte positive da raccogliere in un Documento comune.

Potenziare i Comitati Pari Opportunità

Elisabetta Falcone esprime a nome di CGIL, CISL e UIL l’apprezzamento per il lavoro portato avanti dalle Consigliere di pari opportunità e i CPO. Definisce necessaria una maggiore attenzione per gli organismi di parità riconosciuti come istituti di natura pattizia , ipotizzandone una modifica proprio in sede pattizia. Mette in evidenza le criticità legate ad aspetti organizzativi, finanziari e di funzione dei CPO così come risulta dalle Linee Guida delineate dalla Rete dei CPO.

Leggi tutto

Le politiche di genere ed il raggiungimento della parità sociale

Isabella Rauti riconosce alla Direttiva per le pari opportunità nella Pubblica Amministrazione dei grandi meriti ma sottolinea anche che alla presenza di un quadro normativo così articolato deve corrispondere una parità sostanziale e di fatto, quella che lei definisce una parità sociale.

Leggi tutto

Violenza sulle donne: a TechFOr una ricerca sulla situazione nel Lazio

Quali sono le cifre della violenza sulle donne nel Lazio? E in quale contesto si verificano i casi di molestie e maltrattamenti?

Leggi tutto

Regione Veneto: Riflessioni sulle donne in sanità

Le donne hanno in sanità un ruolo importante e sono partecipi dei successi che il Servizio sanitario regionale ha raggiunto in questi anni a livello nazionale, ma anche in ambito europeo. Il Veneto ha per la prima volta un Assessore donna alla guida delle politiche sanitarie. Stimolare le donne a partecipare alle attività quotidiane del Servizio sanitario regionale e soprattutto supportarle a fare “proselitismo culturale” è l’obiettivo della giornata di studio “Le donne in sanità.

Leggi tutto

L’Inail e le pari opportunità: una storia lunga 18 anni

Nel primo intervento Marco Stancati ripercorre la storia del comitato pari opportunità dell’Inail. Ritiene che il tema della pari opportunità di genere debba essere affrontato perché la presenza delle donne nella PA sono in crescita continua e a questo proposito il telelavoro non è sempre una soluzione efficace. Sottolinea che non esistono modelli in grado di analizzare e rappresentare i cambiamenti in atto.

Leggi tutto

Formazione sull'identità di genere e cambiamento dell’assetto organizzativo: un binomio simbiotico

Paola Conti sostiene che gli interventi formativi debbano essere collegati ad un cambiamento nell’assetto organizzativo della pubblica amministrazione. Racconta l’esperienza di un seminario di studio “a due voci” i cui temi erano: lavoro, salute e politiche sociali in ottica di genere. Ritiene che occorra mettere a sistema i saperi e le sensibilità sui temi dell’identità di genere e delle pari opportunità ad esse correlate.