Cerca: partecipazione

Risultati 31 - 40 di 280

Risultati

Puglia Smart Lab: i cittadini progettano la città

Nella definizione di politiche volte alla progettazione di territori smart, non possono mancare spazi di innovazione in cui cittadini, Pubblica Amministrazione e imprese collaborano in modo paritario per l'individuazione di bisogni concreti del territorio. Come abbiamo potuto osservare in diverse esperienze, che ci giungono dall'estero, ma anche dal nostro Paese, è su tale interazione che poggia la trasformazione verso la smart city, dove ogni cittadino può divenire parte attiva nei processi di user driven innovation, contribuendo al cambiamento della propria città.

Leggi tutto

Una città resiliente per resistere alle pressioni della storia

Nel parlare di città resilienti si finisce sempre per fare confusione. Un po’ perché il termine assume diversi significati riconducibili al contesto disciplinare in cui lo si utilizza, un po’ perché il riferimento alle realtà urbane ha portato in modo automatico all’associazione resiliente = smart. Questo nella convinzione che una città smart, sia sempre e comunque una città resiliente ovvero in grado di adattarsi ad ogni intervento esterno, sia esso prodotto dall’uomo o dal cambiamento climatico, al fine di ripristinare il proprio equilibrio interno. Una definizione riduttiva, perché la città smart è quella che resiste alla storia.

Leggi tutto

Friuli Venezia Giulia: Giunta dà ok a ddl su Open Data

La trasparenza e soprattutto l'accessibilità dei dati della Pubblica Amministrazione costituiscono un patrimonio in grado di migliorare le scelte pubbliche e la partecipazione dei cittadini alla vita democratica, ma anche un'opportunità di crescita economica del territorio attraverso l'innovazione. Sono questi i principi ispiratori del disegno di legge (ddl) sul cosiddetto "Open Data" intitolato "Disposizioni in materia di dati aperti e loro utilizzo", approvato il 21 Marzo dalla Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia su proposta dell'assessore per il Coordinamento delle Riforme Paolo Panonti.

Leggi tutto

Dovesalute.gov, un portale work in progress presto in formato aperto

Il Ministero della Salute ha lanciato qualche giorno fa il nuovo portale dovesalute.gov, dove i cittadini possono reperire non solo informazioni sulle strutture sanitarie, ma anche un giudizio sulla qualità del servizio erogato. Chi dà i voti? I cittadini stessi. Abbiamo scambiato qualche battuta con il Direttore generale del sistema informativo, Rossana Ugenti che ci rivela che a breve i dataset del portale saranno disponibili in formato aperto.

Leggi tutto

Per progettare una città a misura d'uomo occorre saper ascoltare

La progettazione partecipata di abitazioni, spazi e servizi è un grande esercizio di cittadinanza, in cui entrano in relazione persone, competenze e professioni. Una piccola rivoluzione, in cui alle idee dei cittadini si attribuisce legittimazione, importanza e interesse. Richiede tempo e ascolto, doti che in una comunità intelligente non possono mancare per guardare ad uno sviluppo urbano sostenibile. Nell'Emilia Romagna c'è chi già ci sta lavorando e la mia casa la decido io.

Leggi tutto

Verso una Sardegna social?

La sfida ai social media è ormai aperta per le amministrazioni comunali di tutta Italia, che hanno a che fare con cittadini sempre più connessi e una Comunicazione Pubblica che cambia forma. E' quindi interessante interrogarsi sulla nascita di nuove figure professionali, sulla qualità di una comunicazione social, di come questa possa rendere più prossime le amministrazioni ai cittadini e sulle opportunità e ostacoli dell'innovazione nella comunicazione pubblica nell'età dei social media.

Leggi tutto

La città bene comune: il Regolamento sull’Amministrazione condivisa del Comune di Bologna - ON LINE GLI ATTI

Giovedì 13 marzo, l'Osservatorio Nazionale Smart City dell'ANCI in partnership con FORUM PA ha organizzato un webinar dedicato al tema della partecipazione e dell'amministarzione condivisa. Lo spunto è dato dal regolamento recentemente approvato dal Comune di Bologna, analizzato insieme ai suoi promotori per valutare la replicabilità in altri contesti. Ampio spazio all'interattività e alle domande del pubblico.

Leggi tutto

ra4open: il contest sui dati aperti del Comune di Ravenna

Il Comune di Ravenna, in concomitanza con l’apertura del portale dell’open data  comunale, lancia il contest ra4open con l’obiettivo di promuovere il riutilizzo dei dataset liberati, incentivando la partecipazione della cittadinanza alla creazione di soluzioni per una città attiva, dinamica, in continuo sviluppo culturale ed economico.

Leggi tutto

Arriva l'Open Data Census Italia: servono reviewers

Eccola la prima iniziativa dal basso per censire gli Open Data in Italia. Ma badate bene, non si tratta semplicemente di fare il punto su quanti siano gli OD nostrani, ma di dare anche conto della qualità dei dati pubblicati. Non semplici osservatori, quindi, ma "critici" del dato come ci spiega in questo contributo Maurizio Napolitano. Tutti possono essere dei reviewers, basta iscriversi ed iniziare a cercare, per poi valutare insieme alla community dei critici i dataset pubblici.

Leggi tutto

Per una seconda fase degli Open Data in Italia*

L’Open Data Day, celebrato a livello internazionale, è sicuramente l’occasione per una riflessione su quella che è stata in questi anni la via italiana agli Open Data e su quali siano le sfide da affrontare. Quella che possiamo chiamare, infatti, la prima fase degli Open Data è da considerare conclusa anche da noi. Una volta, parlando di questo processo, Tim Berners Lee scriveva che il percorso di liberazione degli Open Data deve partire dall’alto, dal livello intermedio e dal basso. Ed è quello che è successo negli ultimi tre anni anche in Italia.

Leggi tutto