Cerca: Riforma PA, Efficienza, scuola ed educazione

Risultati 1 - 10 di 12

Risultati

  • Cod. co.12
  • 27/05/2015
  • 15:00 - 17:30

#ASOC15 AWARDS: i migliori progetti di monitoraggio civico dell'edizione 2014/2015 di A Scuola di OpenCoesione si raccontano.

  • Cod. co.55
  • 26/05/2015
  • 10:00 - 12:30

L’Educazione nell’era digitale

  • In collaborazione con: Logo TIM

La valutazione necessaria nel sistema scolastico

 Germana Panzironi spiega come una valutazione sistemica in ambito scolastico, a lungo ostacolata in nome di una male interpretata libertà di insegnamento, sia necessaria per uno sviluppo virtuoso del sistema. A differenza di molti altri Paesi europei, che sin dagli anni ’80 hanno adottato solidi sistemi di valutazione dell’istruzione pubblica, l’Italia è ancora in una fase sperimentale.

Leggi tutto

Docenti e scuole: la sperimentazione sul merito. Opportunità o rischio?

Riceviamo e pubblichiamo un articolo di Fulvio Benussi, docente di scuola secondaria superiore, giornalista pubblicista e Professore a contratto di Informatica giuridica pubblica presso l’Università degli studi di Milano Bicocca. Si è occupato di formazione iniziale e in servizio degli insegnanti e dei Dirigenti scolastici e ha tenuto corsi di formazione professionale e F.S.E. sulle nuove tecnologie.

Leggi tutto

La valutazione anche nella scuola? Difficile, ma necessaria

La necessità di una corretta valutazione delle performance e degli impatti dell’azione pubblica è ormai assolutamente condivisa da tutti i soggetti in campo, comprese le organizzazioni sindacali e le associazioni dei cittadini. Certo tutto è perfettibile e ci sono posizioni diverse sugli strumenti da adottare, ma sul punto che sia necessario misurare, valutare e quindi “dar conto” ai cittadini di come si spendono i soldi pubblici non c’è più discussione. Le cose si complicano però quando avviciniamo la lente ad alcune specifiche categorie e proviamo ad esempio a valutare gli insegnanti.

Leggi tutto

Promuovere la cultura scientifica e tecnologica nella Scuola

Bruno Pagnani presenta il tema del convegno, che ha l’intento di promuovere la cultura scientifica e tecnologica nella scuola, considerata un sottosistema del sistema Paese e che, pertanto, deve essere contestualizzata. Parlando di divulgazione scientifica, si può paragonare la scuola ad un sistema di equazione. È importante considerare la scuola come una variabile dipendente per cui, se ogni variabile influenza tutte le altre variabili, solo trovando un punto di equilibrio si può giungere alla risoluzione del sistema.

Contro il declino…promuovere la cultura scientifica e tecnica

Gli esiti della ricerca OCSE del 2003 dimostrano che in Italia il mancato raggiungimento di un’alta cultura scientifica va rintracciato all’interno delle scuole e delle Amministrazioni. Il calo di attenzione verso le materie scientifiche in Italia scaturisce da una serie di fattori tra i quali spiccano la non adeguata preparazione del corpo docente, una non positiva immagine dello scienziato e del matematico e le scarse prospettive professionali.Leggi tutto

La promozione scientifica nella Regione Lazio

Ogni disciplina ed ogni contenuto della metodologia con la quale si trasmettono le conoscenze, sostiene l’Assessore Costa, deve superare il dualismo cultura umanistica/cultura scientifica in vista, invece, di una contaminazione reciproca. A livello regionale, è già ormai praticata, da parte di molti docenti, un metodo di approccio alla didattica che fa delle opportunità contestuali del territorio, una grande occasione di conoscenza e sperimentazione.Leggi tutto

Problematicità e criticità della promozione della cultura scientifica nelle scuole

La crisi delle vocazioni scientifiche e la diminuzione delle iscrizioni nelle scuole secondarie e nell’università non è un fenomeno che investe solo l’Italia, ma un po’ tutto il mondo occidentale. Il Comitato per la promozione scientifica nasce proprio dall’esigenza di non lasciare sole le scuole, perché è importante mettere a fuoco elementi che permettono di consolidare la nostra cultura sociale.Leggi tutto

Ruoli fondanti dei percorsi tecnico-scientifici nelle scuole

Nel suo intervento, Sedioli evidenzia come si renda necessario valorizzare il metodo induttivo e affermare l’essenzialità della pratica dei laboratori. Il tema della gestione dei laboratori è altamente delicato in quanto investe la responsabilità della scuola in materia di aggiornamento, non solo di tipo materiale e strumentale quanto piuttosto di evoluzione della tecnica che, di per se, è in grado di cambiare il rapporto formativo tra conoscenze teoriche e capacità di tradurre tali conoscenze in operatività.