Cerca: Riforma PA, Efficienza, formazione

Risultati 71 - 80 di 103

Risultati

La "contaminazione" tra pubblico e privato nella formazione

Luigi Pieraccioni propone il concetto di contaminazione tra pubblico e privato quale fattore necessario per una maggiore crescita nel settore della formazione. Il coordinamento non deve essere svolto solo da Scuole o Istituti pubblici ma per la crescita del Paese, per una maggiore competitività delle imprese o una presenza capillare dell’Italia a livello internazionale, si rende necessaria una formazione erogata anche dalle imprese private.

L'ENA e il sistema di formazione in Francia

Pascal Vagogne sottolinea i rapporti stretti tra Francia e Italia in materia di formazione. La vocazione principale dell’ENA è la formazione d’ingresso. Gli obiettivi della Scuola, fondata nel 1945 da De Gaulle, erano principalmente due: ricostruire un’amministrazione moderna dopo la distruzione dovuta alla seconda Guerra Mondiale e democratizzare l’accesso alla funzione pubblica.

Leggi tutto

La formazione all'interno dell'Istituto Diplomatico e la necessità di una omogeneizzazione del sistema a livello comunitario

Maurizio Enrico Serra pone l’accento sull’importanza della formazione per un funzionario che intraprende la carriera diplomatica. L’obiettivo principale dell’Istituto Diplomatico è di offrire una formazione integrata; la diplomazia non è più solo politica ma si lega ad altri aspetti fondamentali della vita di un Paese: economia, ambiente, cultura ecc…. Leggi tutto

L’Agenzia delle Entrate e la formazione come un agente del cambiamento organizzativo

Valentina Tasca spiega che l’Agenzia delle Entrate intende la formazione come agente del cambiamento organizzativo. Illustra il progetto realizzato dall’ufficio formazione per aiutare le donne madri attraverso la figura di tutor, presente dal momento in cui la donna entra in maternità fino al suo rientro al lavoro. Spiega che l’approccio usato da queste figure professionali nei confronti delle donne è di tipo emozionale.

Il programma Empowerment del Formez per la amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno

Marco Bonamico introduce il programma Empowerment della Funzione Pubblica che si chiuderà entro il 2007. Il programma è finalizzato al rafforzamento delle capacità amministrative delle pubbliche amministrazioni obiettivo 1. Il territorio deve creare le condizioni perché non si eroghino più dei finanziamenti ma si facciano degli investimenti. I cittadini devono essere considerati utenti di servizi.Leggi tutto

Impatto della Conferenza Permanente sulla organizzazione dei lavori per l’adeguamento delle Amministrazioni al dettato del Codic

Per quanto riguarda il MiBAC, la Conferenza Permanente viene vista come importante occasione di crescita, perché strumento che, attraverso l’incontro e la condivisione delle esperienze delle varie amministrazioni, consente sia di valorizzare le realizzazioni che di sciogliere le criticità di ciascuna Amministrazione.

Leggi tutto

Il ruolo sociale del dipendente pubblico e l’attività del RIPAM

Se obiettivo primario della Pubblica Amministrazione è perseguire il bene comune, sostiene Rosario Maiorano, essa deve innanzitutto valorizzare quella preziosa risorsa che è il capitale umano.Leggi tutto

Il Progetto DiGiPA, la formazione del Formez sulla tv digitale terrestre

Roberto Santi fa il punto sui progetti formativi del Formez, soffermandosi sul lavoro svolto in collaborazione con RAI Utile, e fa un quadro generale sull’Osservatorio sulla Multimedialità nella PA quale strumento di monitoraggio e di valorizzazione delle esperienze nelle Pubbliche Amministrazioni.

L’Agenzia delle Entrate e il progetto di reclutamento Iride: formazione e valutazione del personale

Rossella Conforti introduce la tavola rotonda sul tema “selezione e inserimento nelle pubbliche amministrazioni”. L’Agenzia dell’Entrate per la quale Conforti è responsabile dell’ufficio selezione del personale, ha portato avanti un progetto per il reclutamento di nuove figure professionali. Conforti illustra le caratteristiche del progetto Iride il cui cardine è la selezione mirata di professionalità specifiche per potenziare alcuni settori strategici dell’amministrazione.Leggi tutto

La mobilità può essere uno strumento di accelerazione della necessaria trasformazione della pubblica amministrazione?

Giancarlo Del Bufalo propone due esperienze di mobilità realizzate nella piena soddisfazione dei dipendenti. Nel primo caso si trattava del trasferimento dal Ministero dell’Economia all’Inpdap, il secondo riguardava le competenze in materia di invalidità civile dal Ministero all’Inps. Il passaggio in entrambi i casi è avvenuto senza spostamenti territoriali e verso amministrazioni che presentavano condizioni economiche migliori del Ministero dell’Economia e Finanze. Chiaramente, aggiunge Del Bufalo, queste sono situazioni che non costituiscono la norma.Leggi tutto