Cerca: Riforma PA, Efficienza, controlli interni

Risultati 31 - 40 di 40

Risultati

Come si individuano le aree dei processi che saranno analizzati nell'audit?

Angela Razzino sottolinea come gli enti previdenziali abbiano due ordini di vertice differenti: uno burocratico, l’altro politico. Questa situazione rende critica la gestione in piena indipendenza di una funzione delicata come quella di audit. L’audit si indirizza all’analisi del processo per individuarne eventuali criticità. Ogni processo ha un rischio che non può essere eliminato ma presidiato. Nell’ambito della tavola rotonda la Razzino domanda a chi competa la mappatura dei processi che poi verranno analizzati dall’audit.

Strategie di control self-assessment e audit: una sinergia per il controllo dei processi aziendali.

Pietro Di Fronzo sottolinea come l’Institute of Internal Auditor ha emanato degli standard internazionali che prevedono un’indipendenza del nucleo organizzativo di audit. L’Agenzia del Territorio ha avuto una fase di start up che è partita dalla direzione ispettiva e si è evoluta in una direzione indipendente che attualmente riporta al direttore generale. L’attività di audit, seppure sia di natura consulenziale, non può prescindere dal denunciare all’autorità giudiziaria delle irregolarità laddove queste vengano rinvenute.Leggi tutto

I percorsi di qualità delle amministrazioni centrali e locali

Se è vero, afferma Lattanzio, che una verifica e una misurazione oggettiva da parte dell’esterno è opportuna se non indispensabile, è altrettanto fondamentale un’automisurazione dall’interno che sappia riscontrare a pieno le criticità dei processi per adottare, successivamente, i miglioramenti nel sistema. È importante che questa logica venga raccolta anche all’interno delle PA in modo tale da non ricorrere ad operazioni spot di incarichi esterni spesso costosi che, con tecniche di sondaggio svolte una tantum, rilevi questi aspetti.

L’evoluzione del concetto di qualità nelle PA: assetti e scenari d’avanguardia

Marianna Guastamacchia ripercorre l’esperienza decennale della Lattanzio&Associati che, con interventi di consulenza e formazione, affianca la PA nel processo di cambiamento, sia per l’enforcement delle risorse umane che nello sviluppo di metodologie e approcci. Tra le esperienze più rilevanti si riscontrano lo sviluppo di modelli di autovalutazione presso amministrazioni evolute, il governo della customer, ovvero la costruzione del processo a supporto dell’utilizzo della customer nella valutazione strategica e l’accompagnamento alla certificazione di qualità.

Le esperienze nel periodo di programmazione 2000 - 2006

L’Università Bocconi ha partecipato al progetto dell’Associazione Italiana Internal Auditors relativo ai fondi strutturali tramite una survey, un’analisi di 14 casi, nella fattispecie di 3 amministrazioni ministeriali coinvolte nell’impiego di fondi comunitari e di 11 regioni, in quanto la Regione è l’ente maggiormente interessato all’utilizzo di questo strumento. Si è cercato di definire il punto di partenza, il background, spiega Davide Galli, rispetto agli step successivi di riforma e di intervento organizzativo che si sono resi necessari alla luce dei nuovi regolamenti comunitari.Leggi tutto

L’Internal Auditing nell’Agenzia del Territorio

Introdurre l’Audit nella PA è una grande opportunità. Dal 2001, spiega Pietro Di Fronzo, l’Agenzia del Territorio ha introdotto queste nuove metodologie e si è evoluta, passando dal vecchio servizio ispettivo ad una Direzione Audit che svolge funzioni di vigilanza sulle strutture dell’Agenzia, con particolare riferimento alla regolarità amministrativa e contabile, la corretta applicazione dei processi di lavoro, la deontologia professionale, e alla trasparenza, efficacia ed efficienza dell’azione amministrativa.Leggi tutto

Gli standard dell’Institute of Internal Auditing

Gli standard emanati dall’Institute of Internal Auditing sono i più pertinenti e direttamente applicabili alle funzioni di controllo proprie dell’Autorità di Audit. Renato Greco presenta alcuni principi standard e ne propone l’applicazione alla gestione delle attività di controllo connesse con i programmi co-finanziati dai fondi strutturali ed esamina alcuni significativi gap tra le modalità operative con cui sono stati svolti i controlli di secondo livello nella programmazione 2000-2006.

Leggi tutto

L’Internal Auditing in una pubblica amministrazione trasformata in società per azioni. Il caso di Cassa depositi e prestiti

Cassa Depositi e Prestiti è uno dei principali operatori finanziari del nostro Paese, e affonda le sue radici nella storia pre-unitaria. Una caratteristica distintiva, rimasta inalterata nel tempo, è il ruolo che CDP ha avuto nella raccolta del risparmio postale. CDP è, infatti, l’emittente dei titoli del risparmio postale che, attraverso i 14000 sportelli di Poste Italiane, sono resi disponibili ai risparmiatori.

Leggi tutto

L’introduzione dell’Autorità di Auditing nella programmazione 2007-2013

Una delle novità più importanti nel corpus normativo che sovrintende l’attuazione dei fondi strutturali per il prossimo periodo 2007-2013, afferma Alessandro Cenderello, consiste proprio nell’introduzione dell’Autorità di Audit, la cui responsabilità riguarda la verifica dell’efficace funzionamento dei sistemi di gestione e di controllo.Leggi tutto

Il ruolo dell’Internal Audit nell’ambito del processo di gestione dei Fondi strutturali per il periodo 2007-2013

Giuseppe Cerasoli, Segretario Generale dell’Associazione Italiana Internal Auditors, spiega cosa sia l’Internal Auditing e quale sia il suo ruolo all’interno del processo di programmazione e controllo nella gestione dei fondi comunitari per il periodo di programmazione 2007 – 2013. L’Internal Audit è, infatti, un’attività indipendente ed obiettiva di “assurance” e consulenza, finalizzata al miglioramento dell’efficacia e dell’efficienza dell’organizzazione.

Leggi tutto