Cerca: Riforma PA, sicurezza informatica

3 risultati

Risultati

Nuovi modelli organizzativi efficaci, efficienti e sicuri

Claudio Manganelli sottolinea come i dati relativi ai cittadini e alle imprese presenti negli archivi elettronici delle Pubbliche Amministrazioni siano un patrimonio prezioso per attivare politiche di buon governo. Per realizzarle necessitano però cultura di impresa e meritocrazia. Parallelamente – continua Manganelli – si deve procedere a modellare le strutture dal punto di vista organizzativo con un’attenzione particolare alla questione della sicurezza informatica, per le cui politiche deve essere istituito un organismo che funga da centro decisionale.

Esperienza del Comune di Segrate – Approccio alla ISO 27001

Alessandro Pozzoli racconta l’esperienza del Comune di Segrate e l’approccio avuto nella realizzazione del Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni. L’esigenza di un SGSI è nata dal crescente utilizzo delle nuove tecnologie ma anche dall’aumento dei rischi a cui i vari sistemi sono sottoposti. Il processo ha avuto inizio nel 2004 e, dopo la certificazione avvenuta nel 2005, il Comune è stato sottoposto a controlli per il mantenimento della certificazione.

Il protocollo d’intesa tra il Ministero delle Comunicazioni e il Dipartimento della Protezione Civile

Marcello Fiori illustra il protocollo d’intesa tra il Ministero delle Comunicazioni e il Dipartimento della Protezione Civile e gli obiettivi in esso espressi. Presenta il progetto della Dorsale Satellitare Nazionale di interconnessione che permetterà di realizzare collegamenti di back-up tra le varie componenti del sistema di protezione civile. Sostiene la necessità di razionalizzazione degli investimenti di sistema ottimizzando le potenzialità offerte dalla rete infrastrutturale e logistica esistente. Illustra i rischi del digital divide nei piccoli comuni.