Cerca: PA digitale, Atti FORUM PA 2008

Risultati 1 - 10 di 125

Risultati

Conservazione digitale: le linee guida Assinform

La relazione verte sulle caratteristiche dei supporti di registrazione digitale in funzione della conservazione delle registrazioni nel lungo periodo. Il documento, approntato da Assinform, definisce alcune linee guida utili alla scelta delle tecnologie dei supporti di memorizzazione digitale da adottare per la conservazione delle informazioni digitali, nonché l'indicazione di una serie di procedure minime da seguire per garantire la protezione dei dati nel lungo periodo.

Leggi tutto

Opportunità di cedere in outsourcing i processi documentali

Le attività che vengono oggi date in outsourcing sono meno generiche di un tempo e più specifiche delle peculiarità dell’azienda. Sono sempre più vicine al core business dell’azienda e spesso richiedono autonomia decisionale da parte dell’outsourcer e quindi una conoscenza specifica del contesto aziendale in cui opera. Ma quali driver guidano la scelta dell’outsourcing? Innanzitutto, la riduzione dei costi, la creazione di valore (accesso a competenze specialistiche) e il miglioramento dell’efficienza.

Leggi tutto

Ridurre il digital divide: Eldy, una proposta concreta

Eldy è il software semplificato per consentire agli anziani di navigare in internet, chiacchierare, scrivere email etc. Eldy è gratuito su www.eldy.org ed è stato scelto da molte pubbliche amministrazioni per abbattere il digital divide (Regione Lombardia, Regione Friuli, etc). Demo del sistema; condivisione dell'esperienza e delle statistiche. (Eldy ha oltre 100.000 utenti in Italia)

I rilasci di ICAR per la gestione dell’identità federata

Francesco Meschia parla dello stato dei rilasci di ICAR in relazione al percorso che ha visto il CSI Piemonte impegnato nel rilascio dei tre componenti infrastrutturali che rispondono ai requisiti fissati dal progetto per il task autenticazione ed identità federata (ICAR-INF3).

Leggi tutto

Il Responsabile della conservazione

L'attuale normativa attribuisce al Responsabile della conservazione un ruolo essenziale nell'ambito della gestione dell'intero processo di conservazione sostitutiva assegnandogli precisi compiti e specifiche responsabilità. La complessità delle attività e le rilevanti responsabilità attribuite al Responsabile della conservazione comportano la necessità di fornirgli le necessarie competenze giuridiche, tecniche ed organizzative per implementare nella propria organizzazione sistemi per la conservazione di documenti informatici.

L’identità digitale in ICAR e in People: criticità ed opportunità

Massimiliano Pianciamore parla dell’architettura, delle opportunità e delle prospettive del modello ICAR per la gestione dell’Identità Digitale Federata.

Leggi tutto

Le ICT al servizio dell'integrazione

Le tecnologie includono e avvicinano, tanto più quando si assiste ad un’accelerazione della progettazione e dello sviluppo tecnologico. Oggi l’innovazione richiede degli interventi attuali che mettano in sinergia e a sistema i vari attori e le varie iniziative esistenti.

Leggi tutto

L’identità federata in SPCoop

Francesco Tortorelli, illustrando il modello di gestione delle identità digitali nel sistema pubblico di connettività e cooperazione, parla della sua contestualizzazione nel quadro normativo, e dei servizi realizzati a livello nazionale che, in linea con le regole vigenti, consentiranno di dare pieno valore legale ai modelli proposti.

Leggi tutto

Inclusione sociale nella società dell’informazione

La e-inclusion è un importante obiettivo socio-economico degli sviluppi della ICT in Europa, il suo focus è la partecipazione di tutti gli individui e le comunità in tutti gli aspetti della società dell’informazione. Le politiche di e-inclusion, perciò, mirano a ridurre le differenze nell’uso dell’ICT e a promuovere il suo uso per abbattere l’esclusione e migliorare la situazione economica, le opportunità di lavoro, la qualità della vita, la partecipazione e la coesione sociale.

Leggi tutto

L'iniziativa europea e-Inclusion

La presentazione verterà sulla considerazione degli investimenti per l'inclusione digitale come delle opportunità economiche e non più come un costo sociale. Sarà dato rilievo all'iniziativa europea sulla e-Inclusion nei diversi aspetti di coordinamento delle azioni a livello comunitario, di ricerca e di innovazione.