Cerca: PA digitale, Atti FORUM PA 2010

Risultati 41 - 50 di 175

Risultati

Tavola rotonda "Come collaborare per migliorare la gestione dell’edilizia con le moderne tecnologie"

Agostino Bultrini modera la tavola rotonda "Come collaborare per migliorare la gestione dell’edilizia con le moderne tecnologie" che costituisce una importante occasione di confronto tra quei soggetti che hanno una scrivania in "comune" e che si trovano quotidianamente a risolvere le problematiche relative all'applicazione delle normative sull'edilizia.

I rapporti tra professionisti e Pubblica Amministrazione: la scrivania in comune

Livio Mandrile introduce il seminario sula gestione edilizia nei comuni e sulla conseguente semplificazione amministrativa. llustra il concetto di scrivania in comune cioè un rapporto di collaborazione tra professionisti e P.A. Uno dei paradigmi fondamentali in tema di semplificazione edilizia è infatti rendere trasparente l'attività amministrativa attraverso processi che prevedono un certo tipo di partecipazione da parte del professionista ma anche una grande disponibilità da parte dell'amministrazione.

Leggi tutto

Cloud security: protezione totale a basso costo

Gli enti pubblici che intendono beneficiare dei vantaggi derivanti dal cloud computing devono, allo stesso tempo, essere sicuri della protezione dalle minacce provenienti da Internet, che possono provocare seri danni alle loro reti, rallentare le risorse IT, sottrarre informazioni confidenziali e dati riservati.

Leggi tutto

La diffida ex art.16 del T.U. 1124/1965D.

Interoperabilità per via informatica tra Ministero del lavoro ( DPL) e Sedi Inail per scambio informazioni in merito al contenzioso instaurato a seguito di diffida amministrativa ex art. 16 TU 1124/1965.

Sardegna digital library. La memoria digitale della Sardegna

Un patrimonio di documenti audio visivi che mostrano i molteplici aspetti della Sardegna, cultura, storia, ambiente tradizioni a portata di mouse per tutti.

Da Barcamp 2009 a Barcamp 2010

Attilio Romita analizza i risultati e gli obiettivi che si intende raggiungere per una PA innovativa, ricordando le leggi sulla semplificazione amministrativa che si sono susseguite da Bassanini ad oggi.

Evidenzia che sono state stabilite tante regole valide ma non ancora attuate: il diritto all'uso delle tecnologie, l'alfabetizzazione informatica, il valore probatorio del documento informatico.

Attilio Romita pensa ad una PA 2.0, sottolinea la necessità di applicare le leggi già esistenti e illustra alcune proposte per l'innovazione.

Il marketplace delle applicazioni per la PA

Gianluigi Cogo introduce il tavolo di lavoro sul Marketplace delle applicazioni per la PA

Il diritto...al cucchiaio

Moltissimi comportamenti dei cittadini e della PA sono disciplinati da leggi che non è facile reperire, conoscere e comprendere. Andrea Buti propone un prodotto "editoriale", come può essere ad esempio un breve articolo scritto da un professionista in un linguaggio non giuridico. Non più una consulenza per una persona bensì un microparere su un caso concreto che riguarda più persone, reperibile su piattaforma online a costi e tempi ovviamente inferiori.

Il progetto iSAC6+

Paolo Boscolo introduce il progetto al quale partecipa il Comune di Prato.

Il progetto iSAC6+ si occupa delle problematiche relative alla ricerca delle informazioni nei siti della PA, non solo ad opera dei cittadini ma anche degli stessi funzionari che devono rispondere ai cittadini.

Il progetto è finanziato nell'ambito del programma ICT-PSP e l'obiettivo è quello di utilizzare una piattaforma per realizzare un sistema di ricerca delle informazioni a linguaggio naturale, in grado di capire la richiesta degli utenti, migliorando l'accessibilità delle informazioni.

Leggi tutto

Una griglia per i testi web della PA

Giacomo Mason presenta un progetto di monitoraggio dei testi web della PA.

L'idea è di creare una griglia di parametri, definire un campione di siti, valutarli secondo la griglia, individuare le best practies e creare linee guida per i testi partendo dai fondamentali.

L'obiettivo è disporre di un rating dei siti, un buon campionario di casi buoni o cattivi (più che il risultato è interessante ciò che si trova lungo il percorso: idee, soluzioni creative) e una guida di stile o manuale d'uso.