Cerca: PA digitale, Atti FORUM PA 2011

Risultati 51 - 60 di 225

Risultati

Clenad, rendere gli End ponte dell'Italia verso l'Europa.

Gianluca Quaglio presenta il Clenad, l'associazione internazionale che organizza le attività degli esperti nazionali distaccati. Si tratta dei cosiddetti End, ossia i funzionari perlopiù pubblici che lavorano presso le istituzioni europee per un periodo variabile, con un duplice ruolo: offrire alle istituzioni la propria competenza e riportare alle amministrazioni nazionali l'esperienza maturata. Secondo Quaglio, considerato il loro profilo originale, con un piede nel continente e l'altro in patria, è importante fare di loro un ponte del proprio paese verso l'Europa.

Leggi tutto

Baia, un business network per connettere Stati Uniti ed Italia.

Marco Sgroi spiega che BAIA è un business network per professionisti e aziende che operano tra Italia e Stati Uniti. Lo scopo dell'associazione non profit è quello di organizzare eventi, seguiti dalla creazione di piattaforme online, per favorire occasioni di incontro, in modo da facilitare lo scambio di conoscenze, contatti e possibilità di business, nonché per promuovere l’innovazione.

Leggi tutto

Il Mae e la costruzione di una rete di reti per la promozione del Sistema Italia

Maurizio Melani introduce l'oggetto del convegno, ossia il networking tra soggetti stessi che costituiscono rete in diverse parti del mondo. Il tema si inserisce all'interno del percorso di recente ristrutturazione del MAE, rispetto al quale uno degli aspetti cruciali è la promozione del sistema paese nel suo insieme, in tutte le sue componenti, per favorire un'azione organica dell'Italia. E' stata quindi creata all'interno del MAE la direzione generale per la promozione del Sistema Paese.

Leggi tutto

Intervento al "Barcamp di InnovatoriPA"

Intervento al "Barcamp di InnovatoriPA"

Strategia integrata e controllo della filiera: il Cloud di Dell

 La tavola rotonda tra i rappresentanti delle maggiori realtà industriali ICT operanti in Italia –all’interno della quale si inserisce l’intervento di Magri – ruota intorno alla quantificazione dei benefici concreti per la PA realizzabili tramite il Cloud Computing e la delineazione di road map di adozione che prevedano il minimo di rischi e la prospettiva di un risultato misurabile e rapido.

Leggi tutto

Sommario della mattinata

Cloud Computing per la PA

 Roberto Masiero accenna ad alcune nozioni di base sul Cloud Computing, delineando i benefici della sua introduzione nei sistemi di gestione della PA. Il Cloud, nelle parole di Masiero, si profila come un cambiamento di paradigma che offre risparmi economici, favorisce il processo di omogeneizzazione e consolidamento, consente di aumentare e ridurre quasi istantaneamente la capacità elaborativa disponibile, di dare risposte ai bisogni improvvisi degli Enti e di beneficiare delle innovazioni introdotte nel settore privato.

Tecnologie digitali per l’efficienza ed efficacia della PA: la visione del DIT

 Sensibile riduzione dei costi, effetto di agglomerazione che riduce il sovradimensionamento delle capacità di calcolo a disposizione, ed effetto di omogeneizzazione in vista di una maggiore interoperabilità: questi i tre benefici irrinunciabili dell’introduzione del Cloud Computing nella PA secondo il Capo Dipartimento Renzo Turatto. Privacy, sicurezza del dato, effetto lock-in e minacce oligopolistiche del mercato, le principali criticità.

Leggi tutto

Intervento al "Barcamp di InnovatoriPA"