Cerca: PA digitale, cooperazione internazionale

4 risultati

Risultati

Al via il progetto Homer: gli open data nel Mediterraneo

La Regione Piemonte, all’avanguardia a livello europeo e tra i primi enti nel mondo per il livello di eccellenza nel campo degli open data, lancia come capofila il progetto comunitario Homer (acronimo di Harmonising Open data in the Mediterranean), ovvero un network europeo che svilupperà una strategia congiunta per armonizzare, liberare e federare il patrimonio digitale detenuto dalle amministrazioni nazionali, regionali e locali nell’area del Mediterraneo in chiave di stimolo allo sviluppo di un mercato digitale.

Leggi tutto

China-Italy e-Government Centre: presentato il Centro che sarà attivo entro l’anno

È stato presentato il China-Italy e-Government Centre, il Centro per l’e-government italo – cinese promosso dalla presidenza del Consiglio, dall'Agenzia per l'Innovazione e dal Politecnico di Torino e che avrà sede, per l'Italia, nella Cittadella Politecnica di Torino. Innovazione, ricerca e networking le parole chiave del Centro. La struttura si occuperà, tra l’altro, di sperimentare soluzioni innovative per la pubblica amministrazione, il trasferimento tecnologico per le piccole e medie imprese italiane e cinesi nonché per lo sviluppo di progetti di ricerca congiunta per la PA.

Leggi tutto

Lo stato civile digitale europeo per ridurre i tempi della burocrazia

Race Cube: Daisy Duke

by Nathan Gibbs

Il CNIPA ha sottoscritto l’adesione al Consortium Agreement del “Proget­to ECRN”- European Civil Registry Network che, con investimenti per circa 3,5 milioni di euro e l’aggiudicazione di un finanziamento dell’UE, realizzerà in 30 mesi sia la piattaforma dedicata che i siti pilota per l’integrazione degli uffici di stato civile dei Paesi comunitari e per lo scambio sicuro e certificato degli atti prodotti. L’annuncio è stato dato in occasione del 2° DI-GIDAL-Forum internazionale sull’identificazione digitale, in corso a Castel San Pietro Terme (Bologna).

Leggi tutto

L'Unione Europea promuove l'integrazione dei sistemi nazionali d'identità elettronica.

L'Unione Europea ha stanziato 10 milioni di euro per un progetto a supporto della l'integrazione dei sistemi nazionali d'identità elettronica.
L'obiettivo è quello di permettere ai cittadini europei che utilizzano la carta d'identità elettronica (quasi 30 milioni di persone in tutta l'UE) di utilizzare la propria carta d'identità elettronica nazionale anche negli altri Paesi dell'Ue, avendo così accesso ad alcuni importanti servizi pubblici: prestazioni di previdenza sociale, assegni di disoccupazione o dichiarazione dei redditi.

Leggi tutto