Cerca: Intervento, Atti FORUM PA 2009, valutazione e misurazione

Risultati 51 - 55 di 55

Risultati

Organizzazione e competenze professionali per il rafforzamento dei Servizi Formazione

La “vacanza di potere" normativo sia a livello centrale che locale in materia di Formazione dei pubblici dipendenti sta provocando una graduale trasformazione peggiorativa: il passaggio da una realtà a macchia di leopardo ad una realtà in cui anche le eccellenze iniziano a riscontrare delle serie difficoltà nel protrarre e migliorare la loro esperienza in termini di formazione. Ernesto Vidotto, Associazione Italiana settore PA, porta a confronto realtà amministrative eterogenee sottolineando l'importanza di ricondurre le funzioni svolte da diverse risorse umane a ruoli identificativi comuni.Leggi tutto

Introduzione del convegno “Dar voce ai cittadini: i risultati delle ricerche sull’opinione dei cittadini”

Leonello Tronti, Consigliere Economico del Ministro Brunetta, introduce il convegno sottolineando l’importanza delle ricerche volute dal Ministero, volte a dare una visione sull’opinione che gli utenti – cittadini, imprese ma anche dipendenti pubblici - hanno nei confronti dell’operato della PA. Le informazioni raccolte premettono la registrazione dei cambiamenti effettivamente realizzati e la ricostruzione di un clima capace di investire, con un tesione al migliramento, la PA

La valutazione e il merito nella PA

I sistemi di valutazione nella PA sono ben differenti da quelli adottati nel mondo privato. Purtroppo in Italia non esiste una vera e propria cultura della valutazione ma si avverte la necessità di creare un sistema di misurazione adeguato perché senza valutazione non esiste margine di miglioramento, in particolar modo nella PA, e conseguentemente non vi è qualità.

La discrezionalità nella Riforma della Dirigenza nella legge delega e decreti delegati: uno spazio per una possibile ingerenza politica sull’attività dirigenziale della PA

Alberto Stancanelli, Direttore dell’Ufficio del Capo Dipartimento della Protezione Civile, con un’analisi della legge 15/2009 e in riferimento al successivo decreto delegato approvato in fase preliminare dal Consiglio dei Ministri, individua gli aspetti virtuosi della Riforma ma anche l'incapacità del decreto delegato di fugare l’ingerenza della politica sull’attività dirigenziale della PA, minando così le stesse potenzialità della legge 15/2009 pensato per una PA efficiente ed efficace.

Mettiamoci la faccia. Il customer focus del Comune di Bolzano

Come la misurazione della qualità entra nella gestione? Caramaschi risponde illustrando la riorganizzazione del Comune di Bolzano, che ha portato da 13 a 7 dirigenti apicali, attraverso l’aggregazione per macro processi e attività omogenee, il controllo di gestione secondo le indicazioni europee, il piano di sviluppo strategico, il quadro di qualità in cui rientrano carte dei servizi e rilevazione della soddisfazione.