Cerca: Intervento, Efficienza, SPC - Sistema Pubblico di Connettività

Risultati 1 - 10 di 16

Risultati

La circolarità del patrimonio informativo della PA

Il concetto di” patrimonio informativo pubblico” apre uno spazio importante di innovazione nelle regole come nelle pratiche. Questo è il centro dell’intervento di Andrea Nicolini, che analizza opportunità e limitazioni alla circolarità del dato in campo normativo e tecnologico, individuando nel CAD il principale riferimento e in SPC uno strumento imprescindibile, sottolineando come i veri possessori del dato siano in ultima istanza cittadini e imprese.

Interoperabilità e conoscenza al servizio dell'innovazione

Fabio Pistella spiega come la dimensione informatica possa rappresentare un’opportunità per porre la questione dell’attribuzione di responsabilità. Nella sua visione infatti gli ostacoli per la realizzazione di un sistema che renda davvero disponibili tutti i dati necessari in ogni sportello pubblico non sono di tipo tecnologico ma sostanzialmente di tipo organizzativo, normativo e culturale.

Leggi tutto

Il ruolo della sicurezza ICT nel Codice dell'Amministrazione Digitale

Il tema della sicurezza informatica viene letto nel Codice dell'Amministrazione Digitale sotto profili diversi, anche se interconnessi tra loro. Innanzitutto sotto il profilo della sicurezza dei sistemi informativi e dei dati della pubblica amministrazione e, quindi, delle regole di sicurezza del sistema pubblico di connettività. Poi sotto il profilo della tutela della riservatezza delle informazioni e, quindi, della tutela della privacy.

Leggi tutto

Le Telecomunicazioni del SPC

Gaspare Ferraro fa il punto sullo stato di avanzamento del progetto SPC, illustrandone gli sviluppi in tema di connettività. Spiega come si stia lavorando sul VoIP, descrive le modalità di azione del CERT – Computer Emergency Response Team, e illustra il funzionamento del QXN, ovvero il punto dove si interconettono tutte le reti del SPC.

Leggi tutto

L'interoperabilità e la cooperazione applicativa

Nel suo intervento Francesco Tortorelli si sofferma sullo stato dell’arte dell’adesione al SPC da parte delle amministrazioni, sul modello di cooperazione applicativa SPCoop e sullo stato dell’arte dei servizi infrastrutturali di cooperazione applicativa, terminando con uno sguardo sull’Europa.

Leggi tutto

Esperienze innovative nelle TLC del Sistema pubblico di connettività

Massimo Mancini porta il punto di vista di Fastweb, vincitore della gara multifornitore per l’SPC e aggiudicatario della maggior “fetta” della PAC. Riporta in sintesi i dati di 2 anni di lavoro, sottolineando come l’azienda si sia trovata a investire maggiormente in certificazione e rendicontazione. Individua nella frammentazione di responsabilità tecniche nella PA la più rilevante fonte difficoltà nei rapporti con la stessa amministrazione.

Le innovazioni del SPC

Definendo l’innovazione la vera parola d’ordine, Mario Terranova introduce la Tavola rotonda a cui siedono i fornitori SPC e gli attori del mondo tecnologico. Sottolinea brevemente gli aspetti innovativi del SPC rispetto alla RUPA: dalle modalità operative, alle tecnologie, alla definizione della gara, alla gestione delle identità federate.

Leggi tutto

Progetto Connect Umbria e SPC

Stefano Paggetti presenta il Consorzio SIR Umbria che, operativo dal 2000, include tutti gli enti locali della Regione su base di adesione volontaria. Dalla volontà di definire un una rete per tutte le amministrazioni regionali per venire incontro ai comuni più piccoli è nato il progetto Connnect Umbria, che si è deciso di portare avanti in ottica di SPC, con la collaborazione del CNIPA. Continua definendo vantaggi, potenziali criticità e sviluppi in cantiere per il progetto umbro.

HP e il progetto SPC

Daniele Sacerdoti presenta il punto di vista della sua azienda sul progetto SPC, sottolineandone l’altissima complessità politica e operativa. In questo contesto descrive la posizione di HP e i contributi di innovazione che si impegna ad apportare.

La risposta dei territori a SPCoop

Giuseppe Tilia fornisce una sintesi sulla rispondenza dei territori alle proposte in larga banda SPC, citando numeri, valutazioni e proiezioni. In generale si sono registrati tra i 7 e 8mila accessi, con una spaccatura riguardo alla tipologia di acquirente, con circa il 50% rappresentato dai Comuni. Questo dato in particolare pone con forza la questione del digital divide. Si registra un interesse molto forte sul Lotto 1 come sul Lotto2, su cui si hanno dati soprattutto per la PA centrale. Al momento risulta emergere sul mercato una domanda consistente di servizi legati al web.