Cerca: Intervento, Efficienza, governance dell'innovazione

7 risultati

Risultati

Innovazione nel Bilancio dello Stato

La proposta per l’Agenda Digitale di Carlo Alberto Carnevale Maffè è l’introduzione nel documento economico programmatico di una sezione dedicata all’innovazione ed offra un quadro stabile agli investimenti privati complementari. In questo modo si darebbe copro alle molte iniziative scollegate (seppur meritevoli) messe in atti di vari ministeri. Elemento portante di questa proposta è lo switch off dei servizi pubblici, con l’obbligo di giustificare l’erogazione di un eventuale servizio analogico.

Leggi tutto

Il sistema INA SAIA e la diffusione dei protocolli sperimentali

"Annapaola Porzio presenta il sistema INA SAIA, attivo dal 2000, per la raccolta dati in sede ministeriale e la successiva distribuzione alle amministrazioni territoriali aventi diritto. La base del sistema – rileva – è comunale, mentre un ruolo fondamentale di raccordo è da riconoscere alle Regioni. Per questo le iniziative e i protocolli sperimentali vanno diffusi e sostenuti. "

I Comuni e il progetto SAIA

Valentino Di Toma traccia una sintetica cronistoria del progetto SAIA. Al centro del progetto e della sua piena funzionalità sono i Comuni mentre particolarmente delicata rimane la questione dell’aggiornamento dei dati per i piccoli Comuni. Da un lato – sottolinea - è fondamentale percepire il valore che i Comuni mettono a disposizioni di enti centrali e intermedi, dall’altro è necessario che Regioni e Province attivino forme di collaborazione proprio a sostegno dei Comuni.

Il progetto BAS-ANAG - Circolarità Anagrafica in Basilicata

Giuseppe Bernardo presenta il PROGETTO BAS-ANAG per la Circolarità Anagrafica in Basilicata. Dopo aver introdotto il contesto normativo e tecnologico si sofferma sugli interventi infrastrutturali, sugli accordi istituzionali e sulle finalità, sottolineando il metodo di lavoro adottato.

Innovazione e PA digitale: criticità e prospettive.

Roberto Camporesi sottolinea come, nel processo di informatizzazione della PA, troppo spesso frammentario e caratterizzato dalla proliferazione di progetti, sia mancata la consapevolezza di quale valore tali iniziative potessero avere per la competitività del Paese, e come non sia stato fatto un bilancio consuntivo utile a ragionare sul metodo giusto per aggregare e far evolvere tale processo.

Leggi tutto

Priorità, ruoli e regole: gli ingredienti per il successo dell'E-government in Italia

Perché l’e-government possa realmente funzionare è necessario definire priorità, ruoli e regole, ed è necessario scegliere dirigenti capaci. I ritardi del nostro Paese non discendono soltanto dall’instabilità del sistema politico ma, soprattutto, dalla mancanza di priorità, dalla scarsa definizione delle regole e dalla proliferazione di enti ed organismi che hanno nella propria mission lo scopo di accompagnare la Pubblica Amministrazione nello sviluppo dell’e-government.

Leggi tutto

Dalle regioni al sistema nazionale di e-gov. Il contributo delle programmazioni regionali in materia di ICT

Garavini espone una direzione propositiva volta alla costruzione di una strategia nazionale di intervento sulla società dell’informazione, e quindi sull’e-governement, a partire dalla programmazione regionale. La dimensione regionale è vista, infatti, come una dimensione ottimale per la definizione e l’attuazione di politiche per lo sviluppo della società della conoscenza.

Leggi tutto