Cerca: Intervento, Città e territorio, efficienza energetica

Risultati 1 - 10 di 14

Risultati

Il ruolo degli enti locali per la diffusione dei principi di sostenibilità in edilizia: il Regolamento Edilizio ed il sistema di incentivazione per il risparmio energetico e la sostenibilità del Comune di Schio (VI)

 Per il perseguimento della sostenibilità di un territorio, un ente locale può utilizzare diverse strategie, e diversi strumenti a seconda dei settori in cui intende operare. Il Comune di Schio, in collaborazione con il Comune di Valdagno (VI), nel giugno del 2008 ha approvato un Regolamento Edilizio, correlato ad sistema di incentivazione volumetrica ed economica, per l’applicazione di principi di sostenibilità in edilizia.

Leggi tutto

Risparmio ed efficienza con la gestione integrata di impianti e vettori energetici

Nell’anno 2003-2004 la Regione Lazio è stata la prima in Italia ad affidare in appalto un contratto multiservizio tecnologico per la gestione, la manutenzione e la conduzione degli impianti delle aziende ospedaliere o sanitarie. Si è trattato, sottolinea Palmieri, del primo progetto concreto per la nuova gestione globale delle strutture sanitarie, mirato al contenimento della spesa per gli approvvigionamenti della PA attraverso una gara centralizzata di acquisto. La ASL di Frosinone ha aderito alla gara di appalto nel 2006.

Leggi tutto

"Smart Energy": da La Sapienza alla città

La realizzazione di una smart grid, una rete intelligente per la distribuzione di energia elettrica che consenta di ottimizzare la distribuzione evitando sprechi, è il fulcro dell’azione messa in campo dall’Università la Sapienza di Roma. L’obiettivo è, quindi, applicare su scala reale il concetto di generazione distribuita, con la creazione di isole energetiche tra loro interconnesse alimentate a fonti rinnovabili o ad alta efficienza per assicurare autonomia energetica, efficienza e affidabilità alla città universitaria.

Leggi tutto

Un servizio integrato per l’efficientamento energetico dell’Università di Catania

Circa 80 edifici, di proprietà o locati, costituiscono assieme a un buon numero di parcheggi e aree pubbliche esterne, il patrimonio immobiliare dell’Università degli Studi di Catania. All’interno dei costi di gestione, un peso consistente è ricoperto dai consumi di energia elettrica. Con l’obiettivo di razionalizzare il consumo energetico, migliorare l’efficienza degli impianti, ridurre i costi e tagliare le emissioni di CO2, l’Ateneo ha deciso di fare un bando di gara per appaltare la completa gestione del “loop elettrico” dell’Ateneo.

Leggi tutto

Smart Grids e Smart Cities: il consumo energetico più intelligente.

Secondo la definizione della Commissione Europea una smart city è una città che ha un forte impulso verso l’efficienza energetica attraverso l’utilizzo di tutte le migliori tecnologie disponibili. In questa prospettiva l’UE ha bandito due Industrial Initiatives su Smart Grids e Smart Cities; Livio Gallo illustra la partecipazione di Enel in questo processo e ne evidenzia il contributo su tre driver principali: gestione dei flussi di energia da fonti rinnovabili, abilitazione e sviluppo della domanda attiva del cliente, trasferimento di innovazione tecnologica all’interno delle città.

Practice 4 - La gestione del patrimonio immobiliare del Comune di Rovereto: un approccio energetico

A partire dal 2001 il Comune di Rovereto ha iniziato ad analizzare i fabbisogni energetici del proprio patrimonio immobiliare, con lo scopo di definire le priorità di intervento sugli edifici. A seguito di tale valutazione, l'amministrazione ha compreso di non avere al proprio interno le competenze tecniche necessarie per gestire in maniera ottimale il proprio patrimonio immobiliare. La scelta, quindi, è stata quella di lasciare la gestione degli edifici in appalto, assegnando target di risultato ben precisi.Leggi tutto

Practice 5 - La gestione integrata del patrimonio edilizio urbano: l'esperienza decennale del Comune di Rimini

Già nel 2000 il Comune di Rimini ha scelto di operare un unico affidamento della gestione integrata del patrimonio edilizio urbano in forma di Global Service. Gli obiettivi erano quelli di portare l’immobile nella migliore situazione di efficienza e sicurezza possibili, di ridurre le incombenze tecniche e amministrative recuperando risorse economiche e di personale, di raccogliere e gestire le informazioni sul patrimonio, programmando le attività manutentive. Nella sua presentazione, Massimo Totti racconta i risultati conseguiti a quasi dieci anni di distanza da quella scelta.

Practice 6 CONSIP spa - Ministero delle Economie e delle Finanze

Consip ha attivato il “Servizio Integrato Energia” nel 2002 in un contesto caratterizzato da condizioni di fornitura eterogenee e da un patrimonio immobiliare pubblico molto complesso. Il Servizio è un contratto in convenzione volto a garantire il desiderato livello di comfort negli edifici attraverso la gestione degli impianti termici e l’utilizzo degli strumenti di Energy Management più innovativi.Leggi tutto

Practice 7 - Il Sistema energetico territoriale integrato per la valorizzazione del patrimonio edilizio del Comune di Modena

Il Comune di Modena ha avviato l’esperienza del teleriscaldamento fin dagli anni ’70 con l’obiettivo di qualificare il contesto urbano ed il patrimonio immobiliare. Per efficientare gli attuali sistemi già in esercizio, nel corso dell’anno 2008, è stato progettato lo sviluppo ulteriore della rete come infrastruttura urbana derivata dal nuovo termovalorizzatore.Leggi tutto

Practice 8 - Ottimizzare le risorse e tutelare l’ambiente: la razionalizzazione delle sedi degli uffici provinciali della Provincia di Torino

Nel 2001 la Provincia di Torino, sulla scia dell’emergenza dovuta al conferimento di molte deleghe per funzioni regionali e statali, si trovava ad avere 9 diverse sedi dislocate sul territorio con un evidente dispendio di risorse e rilevanti disfunzioni dal punto di vista dei servizi erogati.Leggi tutto