Cerca: Intervento, smart cities

Risultati 71 - 80 di 80

Risultati

Mobilità intelligente: le sfide di governance per la sostenibilità.

Mario Villa riunisce intorno alla nozione di “sostenibilità” i concetti che contribuiscono a misurare quanta intelligenza viene posta nelle politiche per le città e i territori. In questo senso – dice Villa – occorre programmare la mobilità contestualmente ai progetti di espansione urbana attraverso strumenti che facciano leva sulla cooperazione tra enti, sulla co-progettazione e sulla sussidiarietà,  intesa sia in senso orizzontale che verticale.

Nettuno, la città accessibile.

L’intelligenza di una città – dice il Sindaco Chiavetta – si misura dal suo grado di accessibilità. Uscendo da un periodo molto complicato, la città di Nettuno negli ultimi due anni ha puntato alla sua riqualificazione basandosi proprio su accessibilità ed efficienza, anche attraverso importanti progetti sviluppati in partnership con aziende private di rilevanza mondiale: il progetto Spicchio di sole con Enel, il progetto Smart Town con Telecom e il progetto ACT! con IBM.

Il Progetto Paese City Logistics

Il progetto City Logistics, sviluppato da Federtrasporto e Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, coinvolge i diversi stakeholder del Sistema Paese per un piano di azione condiviso con la finalità di razionalizzare la mobilità urbana delle merci. Valeria Battaglia approfondisce i tre cardini del progetto – definizione di un metodo condiviso, predisposizione di modelli aperti e sviluppo dei Centri di Consolidamento Urbani – e sottolinea la necessità di indirizzi nazionali, soprattutto per la diffusione della conoscenza delle migliori esperienze.

Apertura sociale e sviluppo dell’innovazione: le direttrici di crescita dei sistemi territoriali.

Lo scopo del lavoro di Irene Tinagli è quello di individuare delle politiche che coniughino lo sviluppo economico con l’incremento del benessere sociale. Il lungo lavoro di ricerca sul campo, partito dalla condivisione del framework teorico delle 3T di Richard Florida (Talento, Tecnologia e Tolleranza), porta la Tinagli a soffermarsi su quali siano le caratteristiche che permettono ai territori di svilupparsi grazie alla capacità di attrarre talenti e skill di alto livello. 

Giovani amministratori e talenti

La classe dei giovani amministratori  - secondo Giacomo D’Arrigo – gioca un ruolo fondamentale nell’accrescere la capacità delle comunità di attrarre talenti. “Oltre ad essere essi stessi portatori di  conoscenze e creatività  - spiega – rappresentano un importante punto di contatto con una serie di target  interessanti che la politica non riesce ad intercettare”.

One dream, One city. Il Comune di Milano per le giovani eccellenze

Ornella De Carli presenta il progetto One dream, One city del Comune di Milano. “L’obiettivo – spiega – è promuovere le  giovani eccellenze che arrivano a Milano insieme a quelle che abbiamo già sul territorio, offrendo loro il massimo in termini di percorso formativo insiem all’esperienza delle nostre eccellenze, dalla moda alla cultura alla gastronomia al design” . Grandissima l’adesione al progetto da parte del tessuto imprenditoriale, economico ed accademico della città.

Leggi tutto

Gestire e misurare il talento. Un approccio imprenditoriale

Il punto centrale nella riflessione di Gabriele Valli è la gestione del talento. “ In questo – spiega - è fondamentale il ruolo delle imprese”.” E’ importante – continua - promuovere la misurabilità del talento, in un'ottica di responsabilità imprenditoriale”. Ricordando  la sua esperienza di” giovane talento”, presenta l’associazione Informale, di cui è co-fondatore,  impegnata nella costruzione di comunità omogenee di giovani imprenditori creativi .

Le città come attrattori di talenti. Questione di politica e di risorse umane

In tema di attrattività e sviluppo di talenti in Italia, sono due le linee di riflessione seguite da Luca Bolognini. Da un lato la questione politica, dall’altro quella umana. Se sulla prima il bilancio è disastroso, perché – spiega – le istanze e le prospettive dei portatori di interesse under35 non trovano spazio, sulla seconda vanno precisate le “caratteristiche” del talento. “I talenti autodefiniti non servono, ma è il contesto che deve riconoscerli come tali. La sfida per i territori è aiutare talenti a nascere, coltivarli e coltivarli nel momento in cui ci sono.”

I territori come attrattori di talenti. Il punto di vista di un politico

Tra ansia da bilancio e autocritica, Nicola Zingaretti porta il punto di vista di un politico locale in tema di innovazione e attrattività nei territori italiani. “Questi temi – ammette – dovrebbero entrare nell’agenda politica tanto più in momenti di crisi come l’attuale.

Leggi tutto

Le città come attrattori di talenti: nuovi modelli di sviluppo urbano. Il contesto italiano

Assenza di  grandi città, 15 aree metropolitane, diversissime tra loro per popolazione e servizi, che complessivamente producono il 21% del PIL, 7000 comuni con popolazione inferiore ai 5000 abitanti.  “Un modello di sviluppo basato su attrazione di capitale umano nel nostro Paese – spiega Walter Tortorella -  deve tener conto di questo contesto come del fatto che l’Italia produce ricchezza in tantissimi luoghi. Di conseguenza l’attrattività dei talenti  potrà risultare dalla somma di tante possibilità  che i nostri centri abitati hanno”.