Cerca: Intervento, PA digitale, Governance

Risultati 61 - 70 di 141

Risultati

La tecnologia come acceleratore per l'innovazione nella Pubblica Amministrazione: maggiore efficienza nei processi e migliore qualità del servizio

L'innovazione del settore pubblico dipende dalla capacità della pubblica amministrazione di muoversi su due fronti.

Leggi tutto

L’interoperabilità e l’Europa : il programma ISA

Operativo solo da pochi mesi, il programma ISA prosegue un'azione avviata nel 1995 dalla Commissione europea per promuovere le comunicazioni elettroniche tra pubbliche amministrazioni. Il programma di lavoro 2011-2015, di prossima adozione, prevede azioni nei campi dell’interoperabilità, della sicurezza, dello scambio di buone pratiche e della valutazione dell’impatto della normativa europea sulle infrastrutture e sui servizi ICT. Il programma è gestito direttamente dalla DG Informatica della Commissione con un budget annuo di circa 27 milioni.

Leggi tutto

Microsoft e l’interoperabilità per un mondo connesso

Oggi l’interoperabilità del software, ovvero la capacità di diversi sistemi e servizi tecnologici di comunicare e scambiare informazioni tra loro e con altri sistemi secondo standard condivisi, è considerata una caratteristica di primaria importanza.

Leggi tutto

Comunicare 2.0: dalla carta al bit. Lo scenario

Domenico Laforenza introduce il convegno “Comunicare 2.0: dalla carta al bit”, sottolienando i grandi cambiamenti che il 2.0 sta portando in campo sociale ed economico. Al centro della sua riflessione gli hot topics del web 2.0 summit di San Francisco. “Le opportunità sono incredibili – afferma – ma su questa strada ci sono questioni che vanno tenute sotto controllo.” Una su tutte, la privacy.

Comunicare 2.0: dalla carta al bit. Il caso Registro.it

Anna Vaccarelli presenta il Il Registro.it, il nuovo sistema di registrazione dei domini a suffisso .it e la campagna di comunicazione che porta lo stesso nome. "Registro.it  ha portato una serie di cambiamenti importanti - spiega - in termini di procedure, di immagine e di comunciazione". Presentando la campagna di comunicazione collegata, ne illustra gli obiettivi: contribuire alla diffusione della cultura di Internet  e a un uso consapevole della rete oltre che alla valorizzazione dei nomi a dominio a suffisso .it .

Comunicare 2.0: dalla carta al bit. Gli aspetti "legali"

Patrizio Menchetti offre una dettagliata presentazione dell’impatto giuridico di un apporccio 2.0 alle attività di comuncazione.  In sintesi, sono due le aree interessate: privacy e tutela dei minori e proprietà intellettuale. Nel dare i riferimenti giuridici a livello nazionale e comunitario, individua le responsabilità emergenti in materia civile  e penale così come  le principali sanzioni amminsitrative.

Comunicare 2.0: dalla carta al bit. Gli aspetti "informativi"

Attraverso l’esperienza del CNR, Marco Ferrazzoli affronta la questione del “quanto pesano digitale, affini e dintorni nella comunicazione di un ufficio stampa della Pa”. In questo contesto riporta i lavori in corso al CNR, sottolineando i passi in avanti verso un approccio 2.0 pur riconsocendo le criticità: dalle resistenze interne all’insufficienza di relazioni con il mondo di blog e social network.

Comunicare 2.0: dalla carta al bit. Gli aspetti "sociali"

Nella sfera sociale sono notevoli i cambiamenti che il 2.0 introduce, come spiega Fiammetta Mignella Calvosa nel suo intervento. Cambia la relazione, la percezione e la misurazione dello spazio così come la percezione e la misurazione del tempo. Cosa succede alle relazioni e ai modi di lavorare quando il 2.0 si cala nella PA? Alla catena delle funzioni si sostituisce quella delle responsabilità, al principio del precedente la partecipazione e le regole condivise. Si aprono  - però  - anche nuove questioni sociali mentre si delineano nuovi ruoli.

Il Sistema Informatico delle Comunicazioni Obbligatorie: dati e valutazioni

Il Decreto Interministeriale 30.10.2007 ha reso obbligatorio per i datori di lavoro, pubblici e privati, la comunicazione esclusivamente tramite servizi informatici delle informazioni relative ad assunzioni, proroghe, trasformazioni e cessazioni dei rapporti di lavoro al Ministero del Lavoro, tramite la rete dei Centri per l’Impiego. Flavio Nicola Iodice presenta il Sistema Informatico delle Comunicazioni Obbligatorie, lo strumento informatico web-based messo a disposizione dei datori di lavoro, dei soggetti abilitati e degli intermediari per l’assolvimento dell’obbligo.

Leggi tutto

Supportare il federalismo: catasto e fiscalità

Luigi Garetti presenta il percorso intrapreso dalle Regioni in tema di catasto e fiscalità, inserito in un preciso contesto normativo che va dal federalismo fiscale alla semplificazione in materia edilizia, al MUDE, al piano casa, al piano e-gov. Considerando che “il federalismo legato ai tributi immobiliari passa attraverso la circolarità dei dati tra diversi “temi” della PA e diversi livelli di governo amministrativo”, propone il modello elaborato dalla Regione Piemonte.