Cerca: Intervento, PA digitale, CNIPA

Risultati 1 - 10 di 21

Risultati

L’identità federata in SPCoop

Francesco Tortorelli, illustrando il modello di gestione delle identità digitali nel sistema pubblico di connettività e cooperazione, parla della sua contestualizzazione nel quadro normativo, e dei servizi realizzati a livello nazionale che, in linea con le regole vigenti, consentiranno di dare pieno valore legale ai modelli proposti.

Leggi tutto

La formazione necessaria per l’Amministrazione digitale

Nel corso della Presentazione dell’11° Rapporto sulla Formazione nella PA Floretta Rolleri sottolinea come gli aspetti formativi siano fondamentali per l’attuazione del Codice dell’Amministrazione Digitale, il rischio è infatti l’inefficienza non tanto a causa dei fannulloni quanto degli incapaci.

Leggi tutto

Il CNIPA per l'e-democracy

Caterina Cittadino, intervenendo al Knowledge Cafè dedicato alla e-democracy sottolinea la centralità del tema per il CNIPA che lavora all’elaborazione di tecnologie di supporto. Si dice fiduciosa che, lasciando spazio alla creatività delle persone, emergeranno buone proposte su cui il CNIPA potrà lavorare.

Gli elementi per un modello condiviso di cooperazione applicativa

Emilio Frezza presenta alcuni numeri sui database delle pubbliche amministrazioni centrali, che dimostrano come vi sia la necessità da parte degli enti centrali e locali di condividere un modello di cooperazione sui dati, senza il quale aumentano la dispersione delle informazioni, le diseconomie e la scarsa qualità dei servizi.

Leggi tutto

Le condizioni per un partnership virtuosa tra pubblico e privato nella costruzione della PA digitale

Per Gianluigi Spadaccia è giusto ripartire dalla partnership pubblico privato per rendere possibili i grandi progetti del Paese. Tuttavia, perché tale rapporto sia corretto il cliente, quindi la PA, deve sapere chiaramente cosa pretendere dal fornitore e deve saper contrattare, anche dal punto di vista tecnico, il livello e la qualità dei servizi e delle prestazioni richieste alle imprese.

Leggi tutto

Gli strumenti per un'alta qualità della committenza e della fornitura ICT in Italia

Dopo aver analizzato approfonditamente le caratteristiche e i risultati dell’investimento pubblico italiano in ICT Fabio Pistella propone ai rappresentanti dell’offerta e agli amministratori dei diversi livelli istituzionali di produrre insieme al CNIPA una proposta concertata per implementare il settore che si articoli su tre fronti: definizione degli obbiettivi, aggiustamento delle regole e modalità di recupero delle risorse finanziarie.

Interoperabilità e conoscenza al servizio dell'innovazione

Fabio Pistella spiega come la dimensione informatica possa rappresentare un’opportunità per porre la questione dell’attribuzione di responsabilità. Nella sua visione infatti gli ostacoli per la realizzazione di un sistema che renda davvero disponibili tutti i dati necessari in ogni sportello pubblico non sono di tipo tecnologico ma sostanzialmente di tipo organizzativo, normativo e culturale.

Leggi tutto

Il CNIPA e la dematerializzazione

Floretta Rolleri descrive il ruolo del CNIPA nell’implementazione del processo di dematerializzazione documentale, per il quale le norme ci sono tutte ma i risultati scarseggiano. La Rolleri sottolinea anche come lo scambio di documenti digitali possa permettere di superare la rigidità della separazione tra Amministrazione locale e Amministrazione centrale per arrivare ad un sistema integrato.

Leggi tutto

Creare valore per cittadini e imprese tramite l’ICT nella PA

Fabio Pistella spiega come dopo la lunga attività di stimolo e di semina dell’e-gov ora sia arrivato il tempo per una stagione di feroce attenzione ai risultati conseguiti confrontandoli con quelli attesi e con la destinazione delle risorse. Per il Presidente del CNIPA gli assi cartesiani nei quali inquadrare il lavoro sono: il territorio, i bacini d’utenza e i sistemi funzionali. Le tre priorità: completare le regole fino al livello applicativo, attivare il change management e sviluppare una visione strategica di lungo periodo.

Il futuro di SPC: innovazioni strutturali nella PA

Sergio Gianotti incentra il suo intervento sul futuro del SPC. In questa prospettiva introduce le potenzialità del web 2.0 e le opportunità che apre. Individua nella cooperazione applicativa e nelle chiavi di apertura la principale sfida, mentre sottolinea la centralità della questione sicurezza. Conclude affermando la funzione fondamentale del CNIPA, in tema di supporto al cambio culturale oltre che per rendere consapevole la PA della possibilità di semplificare i processi attraverso i servizi SPC.