Cerca: Intervento, PA digitale, ricerca e sviluppo

9 risultati

Risultati

Progetto di Integrazione e Sviluppo Tecnologico dei sistemi di controllo della mobilità nell’Area Vasta di Cagliari

La realizzazione del sistema ha permesso di coordinare e connettere tra loro tutti i sistemi di gestione e di controllo dei flussi veicolari di traffico, attraverso una sola rete cittadina.

Indirizzi .it: come funziona?

Il master ha come tema centrale i nomi a dominio, gli organismi che ne regolamentano la gestione a livello internazionale e nazionale, il .it come “case study” e la diffusione di internet in Italia.

Indirizzi .it: come funziona?

Il master ha come tema centrale i nomi a dominio, gli organismi che ne regolamentano la gestione a livello internazionale e nazionale, il .it come “case study” e la diffusione di internet in Italia.

Indirizzi .it: come funziona?

Il master ha come tema centrale i nomi a dominio, gli organismi che ne regolamentano la gestione a livello internazionale e nazionale, il .it come “case study” e la diffusione di internet in Italia.

Presentazione dell’Agenzia per la Diffusione delle Tecnologie per l’Innovazione

L’Agenzia per la Diffusione delle Tecnologie per l’Innovazione è una struttura giovane, operativa dal dicembre 2008, con l’obbiettivo di attivare l’insieme delle capacità innovative, spesso inutilizzate, del Sistema Paese. L'attività dell'Agenzia si articola due fasi. La prima consiste nella realizzazione e nell'attivazione di un rete che permetta all’Agenzia di far parte di progetti di supporto, definizione e trasferimento tecnologico a livello nazionale, europeo e internazionale.Leggi tutto

Inclusione sociale nella società dell’informazione

La e-inclusion è un importante obiettivo socio-economico degli sviluppi della ICT in Europa, il suo focus è la partecipazione di tutti gli individui e le comunità in tutti gli aspetti della società dell’informazione. Le politiche di e-inclusion, perciò, mirano a ridurre le differenze nell’uso dell’ICT e a promuovere il suo uso per abbattere l’esclusione e migliorare la situazione economica, le opportunità di lavoro, la qualità della vita, la partecipazione e la coesione sociale.

Leggi tutto

Il sistema conferencing. Esperienze a confronto

Simon Pietro Romano presenta un’applicazione di conferencing sottolineando l’approccio originale con cui si è proceduto mantenendo la compatibilità con gli standard e la possibilità di riuso del software libero. Romano fa un quadro generale dell’attività che riguarda due tipi diversi di piattaforme: la prima di gestione di conferenze di tipo centralizzato; la seconda, un’evoluzione rispetto a quella precedente, si basa su un sistema di distribuzione delle informazioni attraverso la presenza e la messaggistica istantanea.

Leggi tutto

La Pubblica Amministrazione "consumatore" di software Open Source

Paola Tarquini presenta l’Open Source come uno strumento valido nella Pubblica Amministrazione per raggiungere gli obiettivi che essa stessa si è prefissata. In particolare incentra il suo intervento sulle varie iniziative intraprese, tra cui emergono il fascicolo sanitario elettronico, le strategie per la diffusione del software Open Source e le azioni future per lo sviluppo e utilizzo dello stesso.

Sotware libero per le P.P. A.A. utopia o opportunità?

Michele Marchesi presenta il software libero (open source) come valida alternativa ai software monopolistici e chiusi in uso nelle P.P. A.A.. Lo sviluppo del modello FLOSS è stato reso possibile e facilitato da Internet. Oggi, con la Finanziaria 2007, lo Stato ha posto particolare attenzione al software libero incentivando il suo utilizzo. Secondo Marchesi i vantaggi del sw. libero sono numerosi e vede per la PA un’ottima chance di sviluppo.